Il riassunto di Week 17 NFL

Una Week 17 da urlo regala i playoff e la vetta di AFC ai Titans, mentre Bengals, Bills e Patriots si accontentano di volare in post-season. L’unica novità nei playoff di NFC, invece, sono gli Eagles. I Packers guidano la Conference, seguiti da vicino da Buccaneers e Rams. Due posti ancora da assegnare da una parte, uno dall’altra, intanto ci sono 16 partite da non perdere: partiamo!

La sfida della settimana è quella vinta dagli statosferici Bengals (10-6) sui Chiefs (11-5). Patrick Mahomes (26/35 per 259 yard e 2 TD pass) parte fortissimo e nel giro di un paio di drive lancia in touchdown prima Demarcus Robinson per 29 yard e poi Travis Kelce per 3. Darrel Williams aggiunge un paio di corse vincenti, entrambe da 1 yard, ma un clamoroso Joe Burrow (30/39 per 446 yard e 4 TD pass) resta incollato alla partita con l’aiuto di un terrificante Ja’Marr Chase (11 ricezioni per 266 yard e 3 TD), che riscrive la storia con il record di receiving yard per un rookie in una partita e aggiunge alla causa ben tre touchdown, per 72, 18 e 69 yard. Mentre la difesa trova il modo di frenare Mahomes, Burrow sigla il sorpasso, con il poker per Tyler Boyd per 5 yard. Harrison Butker pareggia i conti con il field goal da 34 yard, ma allo scadere è Evan McPherson a regalare i playoff e la AFC North ai Bengals, centrando i pali da 20 yard. I Chiefs escono così sconfitti per 31-34 e perdono la vetta di AFC.

La conquistano i Titans (11-5), che demoliscono i Dolphins (8-8) e li escludono definitivamente dai playoff. Ryan Tannehill (13/18 per 120 yard con 2 TD pass e 1 fumble) è essenziale, ma efficace e i suoi touchdown pass per Geoff Swaim per 1 yard e Anthony Firsker per 15 risultano decisivi per la vittoria. Al resto pensa una prestazione di squadra da ben 198 rushing yard, resa eccellente dai touchdown su corsa dello scatenato D’Onta Foreman (26 portate per 132 yard e 1 TD) da 21 yard e di Dontrell Hilliard da 39. Randy Bullock aggiunge i field goal da 23 e 44 yard e il gioco è fatto, perché un deludente Tua Tagovailoa (18/38 per 205 yard con 1 INT e 3 fumble) non trova alcun modo per replicare e Miami mette a tabellone appena un field goal da 39 yard di Jason Sanders. I Titans vincono per 34-3 sui Dolphins e volano ai playoff.

Pubblicità

Li seguono con gioia Bills (10-6) e Patriots, che la prossima settimana proveranno a conquistare anche il titolo di AFC East. Buffalo soffre più del previsto contro i Falcons (7-9) e, dopo i due touchdown su corsa di Josh Allen (11/26 per 120 yard e 3 INT) da 1 e 4 yard, resta vittima dei suoi tanti errori al lancio in una giornata insolitamente disastrosa. Ne approfittano un grande Foye Oluokun (13 tackle, 2 pass deflected, 1 INT) e compagni per regalare opportunità all’attacco, sfruttate da Mike Davis con la corsa vincente da 1 yard e da Younghoe Koo con i field goal da 28 e 24 yard. Complice una safety nel primo quarto, Atlanta è avanti all’intervallo, ma i padroni di casa non sono disposti a farsi sfuggire i playoff e la rimonta va a segno. Le 233 rushing yard di squadra si fanno sentire e un fantastico Devin Singletary (23 portate per 110 yard e 2 TD) le fa fruttare con la doppia corsa vincente da 6 e 4 yard. Un negativo Matt Ryan (13/23 per 197 yard e 1 fumble) non trova repliche e i Bills vincono 29-15 sui Falcons.

Impressionante, invece, il dominio imposto dai Patriots (10-6) contro i derelitti Jaguars (2-14). Sono tantissimi i segnali positivi per New England, a partire dalla fenomenale prestazione di Mac Jones (22/30 per 227 yard e 3 TD pass), che lancia in touchdown per due volte Kristian Wilkerson per 6 e 20 yard e una terza Jakobi Meyers per 4 yard, prendendosi il record di franchigia per un rookie a quota 20 touchdown pass in stagione. I padroni di casa sono incontenibili anche su corsa, con il devastante Rhamondre Stevenson (19 portate per 107 yard e 2 TD) che varca la end zone da 1 e 6 yard, mentre Damien Harris fa doppietta da 2 e 7 yard, arrivando a 14 touchdown su corsa in stagione. Al resto pensa una difesa eccezionale, che riduce Trevor Lawrence (17/27 per 193 yard con 1 TD pass e 3 INT) ai minimi termini e gli concede soltanto la gioia di un touchdown pass nel finale, con il lancio per 28 yard per Dare Ogunbowale. I Patriots vincono 50-10 contro i Jaguars.

La TOP 10 NFL di Week 17

In NFC, invece, gli Eagles (9-7) raggiungono Packers, Rams, Buccaneers, Cowboys e Cardinals ai playoff grazie alla vittoria in volata contro il Football Team (6-10), eliminato dalla contesa. Il primo tempo di Washington è di altissimo livello e il touchdown su corsa da 11 yard di Jaret Patterson si unisce ai field goal di Joey Slye da 31, 39 e 55 yard. Jalen Hurts (17/26 per 214 yard) non regala granché ai suoi tifosi, ma ci pensa Boston Scott a rilanciare Philadelphia con il doppio rushing touchdown da 2 e 1 yard. La difesa, guidata da un ottimo Josh Sweat (5 tackle, 1.5 sack, 1 tackle for loss, 2 pass deflected), mette la museruola a Taylor Heinicke (27/36 per 247 yard e 1 INT) e i punti del sorpasso arrivano grazie ai field goal di Jake Elliott da 42 e 41 yard. Il Football Team non riesce nella rimonta e gli Eagles vincono 20-16.

I Packers (13-3) non hanno problemi a sbarazzarsi dei Vikings (7-9) e a mantenere la vetta di NFC. A stappare la partita sono i field goal da 35 e 36 yard di Mason Crosby, ma il merito più grande è da ascrivere al solito Aaron Rodgers (29/38 per 288 yard e 2 TD pass), che lancia poi in end zone Allen Lazard per 20 yard e l’incontenibile Davante Adams (11 ricezioni per 136 yard e 1 TD) per 11. Con la partita in ghiaccio c’è gloria anche per A.J. Dillon, abile nel ritagliarsi un doppio touchdown su corsa da 4 e 7 yard. Sono pochissime invece le gioie per Minnesota, guidata senza convinzione da Sean Mannion (22/36 per 189 yard e 1 TD pass), che lancia K.J. Osborn in end zone per 14 yard soltanto a partita ormai conclusa. Greg Joseph aggiunge un field goal da 51 yard, ma non basta ai Vikings, nettamente sconfitti 10-37 dai Packers.

Spettacolare è invece la rimonta dei Rams (12-4) contro i Ravens (8-8), quasi fuori dai playoff dopo uno splendido avvio di stagione. Senza Lamar Jackson è un altalenante Tyler Huntley (20/32 per 197 yard e 1 INT) a guidare l’atacco e Baltimore deve affidarsi ai field goal di Justin Tucker per mettere punti a tabellone. Il kicker colpisce da 22, 46, 46 e 34 yard, mentre un fenomenale Chuck Clark (7 tackle, 3 pass deflected, 2 INT) riporta un intercetto a Matthew Stafford (26/35 per 309 yard con 2 TD pass e 2 INT) per 17 yard fino alla end zone avversaria. Il quarterback vive un avvio di partita da incubo, poi si rianima con l’aiuto del solito Cooper Kupp, in touchdown per 18 yard, e di Sony Michel, che aggiunge la corsa vincente da 1 yard. Nel finale, però, sono altri i protagonisti del sorpasso vincente: Odell Beckham, strepitoso nel drive del sorpasso, conclusosi con il suo touchdown su ricezione per 7 yard, e un mostruoso Von Miller (5 tackle, 2 sack, 3 tackle for loss), che scrive la parola fine fermando Huntley. I Rams vincono così 20-19 sui Ravens.

A proposito di rimonte, pazzesca quella con cui i Buccaneers (12-4) ribaltano i sorprendenti Jets (4-12). I touchdown del tuttofare Braxton Berrios mettono in crisi la difesa di Tampa Bay, colpita dapprima dalla sua corsa vincente da 1 yard e poi dalla ricezione per 9 yard su lancio di un buon Zach Wilson (19/33 per 234 yard e 1 TD pass). Ty Johnson aggiunge il rushing touchdown da 1 yard, Eddy Pineiro centra i pali da 51 yard e New York accumula un vantaggio sostanzioso, sfruttando anche l’assurdo gesto di Antonio Brown, che lascia il campo a petto nudo senza alcuna ragione. Non si destabilizza Tom Brady (34/50 per 410 yard con 3 TD pass e 1 INT), che al touchdown pass del primo quarto per Mike Evans aggiunge quello per Cameron Brate per 4 yard. Le ricezioni dell’immortale Rob Gronkowski (7 per 115 yard) apparecchiano i field goal da 39 e 27 yard di Ryan Succop, ma i Jets restano al comando. Ai Buccaneers serve un miracolo e chi meglio di Brady può siglare l’ennesimo della carriera, con il lancio chirurgico per 33 yard per Cyril Grayson, che regala i punti del 28-24 finale.

I Cardinals (11-5) tornano a sorridere con una grande vittoria contro i Cowboys (11-5). Un ottimo Kyler Murray (26/38 per 263 yard e 2 TD pass) guida Arizona in tre quarti in controllo della partita, aiutato dallo scatenato Antoine Wesley, che vola in touchdown per 1 e 19 yard. Matt Prater aggiunge i field goal da 24, 53 e 26 yard e la partita sembra essere indirizzata, visto che Dallas replica con il solo touchdown di Michael Gallup per 21 yard. Un eccellente Dak Prescott (24/38 per 226 yard con 3 TD pass e 3 fumble) ha però un altro paio di assi nella manica e li regala a Ced Wilson e Amari Cooper, abili a sfruttarli per 2 e 4 yard. Per fortuna dei Cardinals c’è un Prater infallibile, che centra i pali anche da 38 yard, e la vittoria arriva. I Cowboys escono sconfitti 22-25.

Pubblicità

Rookie Watch di week 17 NFL

L’ultimo posto ai playoff in NFC sarà dei Niners (9-7) se dovessero vincere l’ultima contro i Rams. Intanto, il loro cammino prosegue con la vittoria contro i Texans (4-12). Trey Lance (16/23 per 249 yard con 2 TD pass e 1 INT) impiega un tempo per entrare in ritmo e Davis Mills (21/32 per 163 yard con 1 TD pass e 1 INT) ne approfitta per siglare il touchdown pass per 8 yard per Brandin Cooks. Lance, però, non si arrende ed esalta prima Eli Mitchell per 8 yard e poi Deebo Samuel per 45. Fred Warner (15 tackle, 1 tackle for loss, 1 FF) e compagni tolgono soddisfazioni all’attacco di Houston, Mitchell trivella con 119 rushing yard e Robbie Gould mette a tabellone i punti della sicurezza, con i field goal da 37, 27 e 36 yard. I 49ers vincono così 23-7 contro i Texans.

I Saints (8-8) mettono i Panthers (5-11) al tappeto e sperano ancora, pronti a giocarsi il tutto per tutto nell’ultima contro i Falcons. Contro Carolina la partita non inizia nel migliore dei modi, per via del field goal da 32 yard di Lirim Hajrullahu e del rushing touchdown da 21 yard di Chuba Hubbard. La devastante difesa di New Orleans, timonata da un Cameron Jordan in stato di grazia (8 tackle, 3.5 sack, 3 tackle for loss), però, cancella Sam Darnold (17/26 per 132 yard con 1 INT e 1 fumble) dalla contesa e i field goal di Brett Maher da 41, 27, 41 e 33 yard regalano il sorpasso. Uscito dalla morsa di Frankie Luvu (9 tackle, 3 tackle for loss) e compagni, Taysom Hill (17/28 per 222 yard e 1 TD pass) trova gloria con il touchdown pass per 12 yard per Alvin Kamara. I Saints possono festeggiare così la vittoria per 18-10 sui Panthers.

In AFC, invece, i due posti al momento vacanti sono da assegnare tra i già citati Ravens, Chargers (9-7), Colts, Raiders e Steelers. Los Angeles si regala una posizione privilegiata grazie alla vittoria contro i Broncos (7-9). Justin Herbert (22/31 per 237 yard e 2 TD pass) conquista il record di touchdown pass nella storia della franchigia con i due di giornata per Keenan Allen e Mike Williams e soltanto questo basterebbe contro un modesto Drew Lock (18/25 per 245 yard e 1 TD pass), che replica con il lancio in end zone per 5 yard per Noah Fant a partita ormai chiusa. Brandon McManus centra i pali da 61 e 23 yard, Dustin Hopkins replica da 19 e 23, ma i padroni di casa aggiungono anche il rushing touchdown da 3 yard di Austin Ekeler e il kickoff riportato per ben 101 yard da uno scatenato Andre Roberts fino alla end zone avversaria. Dominano i Chargers, che vincono per 34-13 sui Broncos e si augurano di chiudere le valigie per i playoff la prossima settimana.

Di fronte a loro ci saranno i Raiders (9-7), che battono i Colts (9-7) e tengono accese le speranze di post-season. Las Vegas chiude il primo tempo in vantaggio grazie alla corsa vincente da 2 yard di Josh Jacobs e ai field goal di Daniel Carlson da 47 e 44 yard, ma i padroni di casa sono in partita grazie al solito rushing touchdown di Jonathan Taylor (20 portate per 108 yard e 1 TD), da 1 yard, e a Michael Badgley, che centra i pali da 46 yard. In una giornata per lui mediocre, la fortuna assiste Carson Wentz (16/27 per 148 yard e 1 TD pass) sul lancio per 45 yard che, grazie a un incredibile rimpallo, termina tra le mani di T.Y. Hilton in end zone. Un altalenante Derek Carr (24/31 per 255 yard con 1 TD pass e 2 INT), però, si affida al compare Hunter Renfrow per ristabilire il vantaggio, grazie al touchdown per 11 yard. Badgley pareggia la sfida da 41 yard, ma l’ultima parola spetta a Carr. Il quarterback, con l’aiuto di un grande Zay Jones (8 ricezioni per 120 yard), apparecchia il field goal della vittoria a Carlson, che da 33 yard non può sbagliare allo scadere. I Raiders vincono 23-20 sui Colts, cui basterà un successo contro i Jaguars in Week 18 per non farsi sfuggire la qualificazione ai playoff.

Gli Steelers (8-1-7) tengono vivo un lumicino di possibilità per i playoff mettendo al tappeto i Browns. Si tratta di una partita storica per Pittsburgh per diversi motivi. In primis potrebbe trattarsi dell’ultima partita casalinga nella gloriosa carriera di Ben Roethlisberger (24/46 per 123 yard con 1 TD pass, 1 INT e 1 fumble), che la celebra con il touchdown pass per 5 yard per Diontae Johnson. Un devastante Najee Harris supera il record di rushing yard per un rookie nella storia della franchigia (1.055) grazie ad altre 188 in 28 portate, cui aggiunge una corsa vincente da 37 yard. Infine, un fantascientifico T.J. Watt (5 tackle, 4 sack, 3 tackle for loss, 2 pass deflected) guida la difesa e avvicina il record di sempre di sack di Michael Strahan (22.5) salendo a quota 21.5. Insieme a lui Alex Highsmith (7 tackle, 2 sack, 3 tackle for loss) e il resto della banda fanno vivere un incubo a Baker Mayfield (16/38 per 185 yard con 2 TD pass e 2 INT), capace comunque di lanciare in touchdown David Njoku e Harrison Bryant per 3 e 1 yard. A fare la differenza, però, sono i field goal dello scatenato Chris Boswell, a segno da 22, 30, 50 e 48 yard senza alcun errore. Gli Steelers vincono così 26-14 contro i Browns.

Top giocatori difensivi di week 17

Erano soltanto due le sfide senza implicazioni da playoff in questa Week 17 e una di queste viene dominata dai Seahawks (6-10) contro i Lions (2-1-13). Tre sono gli assoluti protagonisti del circo di emozioni offensive di Seattle: un Russell Wilson ai limiti della perfezione (20/29 per 236 yard e 4 TD pass), che lancia per tre volte in touchdown un decisivo DK Metcalf (6 ricezioni per 63 yard) per 13, 13 e 1 yard, e un dominante Rashaad Penny (25 portate per 170 yard e 2 TD), che marcia sulle ceneri della difesa di Detroit e varca la end zone con le corse da 15 e 6 yard. Il poker di Wilson è confezionato sull’asse con il fidato Tyler Lockett, Jason Myers aggiunge i field goal da 51, 36 e 42 yard e D.J. Reed (8 tackle, 3 pass deflected, 2 INT), fa il fenomeno nel limitare Tim Boyle (22/37 per 262 yard con 2 TD pass, 3 INT e 1 fumble). Le risposte ospiti sono quasi tutte affidate a un incredibile Amon-Ra St. Brown (8 ricezioni per 111 yard e 1 TD), che vola in end zone con la corsa da 26 yard prima e aggiunge un secondo touchdown su ricezione per 7 yard poi. Le successive gioie di Taylor Decker, su ricezione per 6 yard, e di Jamaal Williams, su corsa da 1 yard, servono soltanto a regalare ulteriore spettacolo ai tifosi. I Seahawks vincono senza problemi 51-29 contro i Lions.

Pubblicità

A proposito di dominio, non c’è partita tra Bears (6-10) e Giants (4-12). Un paio dei tanti errori nella ridicola partita di Mike Glennon (4/11 per 24 yard con 2 INT e 4 fumble) regalano a Chicago due touchdown in avvio, frutto della corsa di David Montgomery da 2 yard e del touchdown pass di Andy Dalton (18/35 per 173 yard con 1 TD pass e 1 INT) per Darnell Mooney per 4 yard. Le corse di Saquon Barkley (21 per 102 yard) e il field goal da 38 yard di Graham Gano sono le uniche gioie offensive nel pomeriggio di New York, che per il resto osserva impotente gli avversari. Cairo Santos centra i pali da 21 e 44 yard, Angelo Blackmon aggiunge una safety in tackle su Devontae Booker e a dare il colpo di grazia è il secondo rushing touchdown di Montgomery, da 2 yard. I Bears vincono in scioltezza contro i Giants per 29-3.

La regular season volge al termine e in NFL è tempo di verdetti definitivi. Oltre ai tre posti ancora liberi per i playoff restano da assegnare i due scettri di Conference, fondamentali per garantirsi l’automatica qualificazione al Divisional Round, e la prima scelta assoluta al prossimo Draft, sempre più vicina ai Jaguars. Nella notte di sabato ci sono le sfide tra Broncos e Chiefs e tra Eagles e Cowboys, mentre domenica arriva il resto dello spettacolo, con le sfide più importanti già segnalate in precedenza. Tra queste, fondamentale sarà il Sunday Night che chiude la settimana, tra Raiders e Chargers.

Merchandising Merchandising

Alessio Salerio

Scopre il football nella notte dell'upset di Phoenix del 2008, se ne innamora quattro anni dopo grazie ai medesimi protagonisti. Ideatore della rubrica "Colori, episodi, emozioni", negli anni cambiata di nome, non nella sostanza.

Articoli collegati

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Huddle Magazine si sostiene con gli annunci pubblicitari visualizzati sul sito. Disabilita Ad Block (o suo equivalente) per aiutarci :-)

Ovviamente non sei obbligato a farlo, chiudi pure questo messaggio e continua la lettura.