It’s QB Time: I migliori e peggiori quarterback di week 10

Week 10 della NFL ha aperto ufficialmente le porte alla seconda metà della regular season, e nel nostro “It’s QB Time” le sorprese continuano a non mancare: questa settimana infatti fra i Top troviamo il ritorno di Pat Mahomes, il rookie Mac Jones sempre più inserito all’interno del gameplan dei Patriots, e Dak Prescott, quarterback dei Cowboys. Molte sorprese invece fra i flop, dove abbiamo Mike White, QB dei Jets, Matthew Stafford, autore di una brutta prestazione con i suoi Rams e Russel Wilson, rimasto a secco nella “Frozen Tundra” di Green Bay.

I MIGLIORI TRE

Il migliore di giornata
Patrick Mahomes, Kansas City Chiefs
37/50 – 406 yard – 5 TD – 0 INT

Dopo qualche prestazione sottotono di inizio stagione, e dopo essere addirittura finito fra i nostri flop in week 7, Mahomes contro i Raiders ha ricordato a tutti perchè è considerato il futuro della lega: 35 completi su 50 lanci, 406 yard, 5 TD e 0 INT, che hanno permesso ai Chiefs di espugnare l’Allegiant Stadium di Las Vegas con il risultato di 41-14.
Mahomes gioca una partita praticamente perfetta, grazie anche ad un’ottima prestazione della sua linea offensiva, che non concede nemmeno un sack, ed il quarterback trova per la 3° volta in carriera una partita da almeno 400 yard lanciate e 5 TD, stabilendo un record per la NFL egli ultimi 70 anni
La migliore azione della sua partita è il TD pass da 38 yard per Darrel Williams, con Mahomes che sul filo della LOS lancia un pallone altissimo che, grazie anche ad un’ottima ricezione di Williams vale il TD del 33-14.

Pubblicità

Mac Jones, New England Patriots
19/23 – 198 yard – 3 TD – 0 INT

Dei molti rookie che sono arrivati dall’ultimo draft NFL, quello con più dubbi attorno, dati probabilmente anche dall’enorme eredità che si è trovato a raccogliere, era Mac Jones, quarterback proveniente da Alabama e scelto con la 15° scelta assoluta dai Patriots; dopo dieci settimane di NFL però, Mac Jones è probabilmente il miglior rookie QB della stagione, grazie soprattutto alle sue ultime prestazioni. La partita di domenica contro i Browns è stata probabilmente la migliore giocata fino ad ora da Jones, che ha chiuso con 19 completi su 23 tentati, 198 yard, 3 TD e 0 INT, che hanno permesso a Cleveland, complice anche un ottimo running game messo su dal coaching staff, di ottenere una straripante vittoria contro i Browns; Mac Jones si trova sempre più a suo agio nell’attacco disegnato attorno a lui, dimostrando un’ottima lettura di gioco e prendendosi anche qualche rischio in più rispetto ad inizio stagione, grazie anche ad una linea offensiva che gli permette spesso di avere molto tempo a disposizione per trovare i WR liberi.
Che i Patriots abbiano trovato un nuovo franchise quarterback per raccogliere l’enorme eredità lasciata da TB12?

Dak Prescott, Dallas Cowboys
24/31 – 296 yard – 2 TD pass – 0 INT – 1 TD run

Nel weekend NFL una delle vittorie più nette è stata quella dei Cowboys, che hanno travolto i Falcons, incapaci di segnare un singolo TD, con il punteggio di 43-3; uno dei protagonisti della partita di domenica è stato sicuramente Dak Prescott, QB dei Cowboys che, dopo aver saltato gran parte dell’ultima stagione per un grave infortunio alla caviglia è tornato alla guida di Dallas con cui sta continuando ad inanellare ottime prestazioni: domenica Prescott ha chiuso con 24 completi su 31 attempò, 296 yard, due TD pass ed un TD su corsa, che hanno permesso ai Cowboys di trovare la settima vittoria stagionale.
L’azione più bella della partita di Prescott è stata probabilmente quella del suo TD su corsa, in cui Prescott, dopo aver ricevuto il pallone dallo snap è partito in scramble sulla sinistra, ed ha trovato l’endzone abbassando le spalle e cogliendo probabilmente il difensore dei Falcons di sorpresa,.

I PEGGIORI TRE

Il peggiore della settimana
Mike White, New York Jets
24/44 – 251 yard – 0 TD – 4 INT

Dopo l’impressionante esordio come starter di due settimane fa, e dopo aver dichiarato che probabilmente sarebbe dovuto essere la prima scelta assoluta nel suo draft, Mike White gioca una bruttissima partita contro i Bills, che gli vale il premio di peggiore della settimana del nostro “Its’ QB Time”.
24 completi su 44 lanci tentati, 251 yard, 0 TD e ben 4 INT sono il bottino finale di White che, trascinando con se i suoi Jets, viene dominato dai Buffalo Bills di Josh Allen, che trovano la schiacciante vittoria per 45-17. White gioca una pessima partita, sbagliando troppo e lanciando ben 4 INT, tutti in posizioni estremamente favori per i Bills per segnare punti, con ben 17 punti arrivati dai quattro turnover. White deve dimostrare di sapersi risollevare da questa tosta battuta d’arresto, con i Jets che rischiano di ritrovarsi nuovamente davanti ad una scelta difficile fra lui e la seconda scelta assoluta Zach Wilson, non esente da brutte prestazioni in questa stagione NFL.

Matthew Stafford, Los Angeles Rams
26/41 – 243 yard – 1 TD – 2 INT

Nella settimana in cui i Rams sono stati sotto i riflettori soprattutto per l’arrivo di OBJ, un’altra arma a disposizione dell’esplosivo attacco di LA, Matthew Stafford gioca la sua peggior partita in stagione, incappando in una inaspettata sconfitta contro i 49ers.
Molti errori nella partita del quarterback ex Lions, che chiude 2 INT, e che, dopo aver trovato il TD ad inizio secondo quarto non riesce più a trovare l’endzone; gli errori che più pesano sulla partita di Stafford di domenica sono i due INT, arrivati nei primi due drive offensivi di Los Angeles e che hanno permesso a SF di partire con un 14-0 assolutamente inaspettato; molti si aspettavano un esordio scoppiettante di OBJ, ma in realtà Jimmie Ward si è rivelato il bersaglio preferito di Stafford, con il DB dei Niners che ha messo a segno entrambi gli INT, uno dei quali che si è rivelato essere un pick six per il momentaneo 14-0.

Russel Wilson, Seattle Seahawks
20/40 – 161 yard – 0 TD – 2 INT

Dopo aver saltato tre partite a causa dell’infortunio alla mano subito contro i Rams, Russel Wilson è tornato under the center contro i Green Bay Packers, in trasferta a Lambeau Field; la sua partita però non è andata molto bene, con il quarterback ex Wisconsin Badgers che nonostante l’hype che lo aveva accompagnato nel corso della settimana, gioca un partita “anonima”, non riuscendo a segnare nemmeno un punto contro un’ottima difesa di GB, che lo mette costantemente sotto pressione e non gli permette di entrare mai in partita.
A pesare sulla prestazione di Wilson sono soprattutto i due INT lanciati, arrivati entrambi con la partita ancora in bilico e che si sono rivelati poi fondamentali ai fini del risultato; i Packers si dimostrano un avversario ostico per Wilson ed i Seahawks, che subiscono la 10° sconfitta consecutiva a Lambeau Field e che ora, con un record di 3 W e 6 L rischiano di ritrovarsi fuori dalla corsa ai playoff anche prima di week 17.

Pubblicità

Luca Belli

Nonostante la giovane età, tifoso "Die Hard" dei Green Bay Packers. Cresciuto nel momento d'oro di Favre e Rodgers. Abituato a vincere poco con la fede calcistica, essendo tifoso della Fiorentina, ha trovato nei Packs la sua svolta. Aspetta con ansia il secondo anello personale. Go Packs Go!

Articoli collegati

Pulsante per tornare all'inizio