Tom Brady, non farti domande

Non bastassero le circostanze nefaste di questi giorni a liberare il nostro tempo e per molti versi anche la nostra mente dalla nostra quotidianità, ci si è messa anche la più attesa notizia di questa offseason NFL. Tom Brady, sei volte campione del Super Bowl con i New England Patriots, ha dapprima dichiarato che non tornerà a Foxborough e poi ha scelto i Tampa Bay Buccaneers come sua nuova avventura professionale. Avventure, pirati, bel gioco di parole.
In questo periodo proprio non riusciamo a farci scivolare addosso le notizie, quindi negli ultimi due giorni molte domande annebbiano la nostra mente attorno a questa doppia notizia. Non possiamo farci niente, quindi iniziamo.

Perché Brady ha lasciato i Patriots?

L’ipotesi più gettonata è che i Patriots non si siano impegnati al 100% a migliorare il supporting cast del numero 12; quando il 3 volte MVP ha visto andare via i primi due o tre pezzi da novanta come DeAndre Hopkins e Amari Cooper, ha deciso che non c’era più a Foxborough la possibilità di vincere.

Perché i Patriots non hanno rassicurato Brady su questo aspetto?

Probabilmente New England sa che Tom Terrific non è più terrific. Non è quello che portava al Super Bowl Brandon LaFell, per dirne una. Non è quello che può aspettare l’ultimo millesimo di secondo prima di liberarsi del pallone per consentire anche al peggiore dei suoi WR di dargli un’opzione. Per i Patriots i brutti numeri di Brady nel 2019 corrispondono alla verità sulle sue condizioni tecniche.

Pubblicità

Perché di Drew Brees non si è parlato nemmeno per un secondo, a differenza di Brady?

Perché non ha vinto 6 Super Bowl, semplicisticamente. La ragione più profonda è l’estrema differenza mediatica tra i due personaggi. Tom è (era) un donnaiolo impenitente, che ha girato un po’ di modelle prima di mettersi con la più ricca di tutte e cristallizzare una vita perfetta che viene più invidiata che ammirata. Brees è un buon cristiano, e più che invidiato è ammirato. L’ex Boilermaker non vende giornali, perché l’unica storia che l’utente medio americano vuole sentire è la sua fedeltà ai Saints. Drew è inutile ai rotocalchi, Brady lo è immensamente. Poi, e posso raccogliere qualche dubbio qui da parte vostra, secondo me questi qui sapevano già che Brady fosse ai “ferri corti” con New England.
Storia da cavalcare contro assenza di storia.

Buccaneers, Dolphins, Chargers. Perché, a differenza di quanto successo a esempio con Peyton Manning, si è vociferato di pochissime destinazioni per Tom Brady?

Lamar Jackson, Patrick Mahomes, Drew Brees, Jimmy Garoppolo, Aaron Rodgers, Russell Wilson. Questi sono tutti quarterback che possono portare le rispettive squadre al Super Bowl, tranne uno di loro l’hanno già fatto. Lo scenario davanti al 42enne da San Mateo è completamente differente rispetto al più giovane (allora) rivale. Dovunque sarebbe andato, Peyton rendeva i suoi una squadra da Super Bowl. Lo stesso, anche solo per la concorrenza, non può essere detto per il suo amico Tom.

E allora, Tom Brady rende i Buccaneers da titolo?

L’opinione di chi vi scrive è “non il primo anno”. Riprendete la lista precedente: vedete i Bucs battere i Packers, i Saints, i Seahawks, i 49ers? Ma dopo due offseason con Brady come QB ad attirare l’attenzione di molti giocatori sul golfo del Messico probabilmente sì.

Perché Brady ha scelto i Buccaneers?

Risposta numero 1. Tampa Bay ha due fortissimi receiver e due ottimi tight end. Supporting cast è la risposta giusta, e vale anche qui. Inoltre Brady spera, o forse sa, che il gioco dei Bucs si adatterà alle sue caratteristiche. Aspettatevi numeri spaventosi per Godwin, pazzesco contro la zona, piuttosto che per Mike Evans che eccelle contro la difesa a uomo. Cameron Brate tornerà a essere una fonte di gioco da TE2. Un subalterno a Ronald Jones come runningback si trova.
Brady è convintissimo che Tampa “girerà” grazie a lui, chiunque la alleni. Ma almeno sa che un buon livello di talento c’è. Bruce Arians è abbastanza anziano ed enciclopedico da adattarsi anche lui.

Sarà possibile esportare la Earhardt-Perkins offense a Tampa?

No, questo no. La E-P sottintende che i riceventi (WR, RB, TE) vengano scelti – o educati – a comunicare in un modo molto particolare. Brady non può pensare di arrivare in Florida e aspettarsi che Evans sappia cosa “Oregon” voglia dire per lui. Siamo alla metà di marzo: Tom Brady e Bruce Arians si siederanno e stabiliranno insieme come giocare, esattamente come fecero Peyton Manning e Adam Gase a Denver. Non sarà un problema, ma sarà sicuramente più difficile che vincere a New England con gli adatti ingredienti attorno a lui.

tom brady patriots jets

Alla fine di tutto questo, chi ne uscirà vincitore: Belichick o Brady?

Credo sia molto diseducato rispondere a una domanda con un’altra domanda. Però me lo concedo.
Se Belichick mettesse Stidham come QB e non vincesse il Super Bowl nei primi due anni del dopo-Brady e invece Brady lo facesse a Tampa, cosa pensereste? Qui si paragonano pere e mele. La collaborazione tra i due è terminata, ma a rischiare è molto più Brady.
Altra domanda: se Tampa Bay si comportasse “bene”, confermando i suoi migliori giocatori e mettendo il 12 in condizione di vincere (concetto aleatorio che mi perdonerete), cosa pensereste di Tom qualora facesse un buco nell’acqua? Ve lo dico: che era un system-QB che dipendeva da Belichick e che lontano da Boston non ha fatto nulla.
Per questo io non pensavo lasciasse il Massachusetts , perché non ha nulla da guadagnare. Solo essere il secondo quarterback a vincere il Super Bowl con due squadre differenti. Buona fortuna.

Perché a 42 anni Brady merita di essere pagato come un 30enne?

Si chiama pliability, è la capacità dei muscoli di reagire alle sollecitazioni in un tempo ragionevole, evitando infortuni o stress eccessivo. Va allenata a parte, dedicandoci tempo e risorse. Brady è il più giovane 42enne di sempre perché è un pioniere della piiability. Ci ha fondato un centro sportivo e spesso ha convinto i suoi compagni a seguire alcune sue raccomandazioni.
Ricordate lo scandalo, o presunto tale, che coinvolgeva i Patriots e il suo amico preparatore qualche anno fa, uscito su ESPN? Ecco, quello. Mentre noi ne parlavamo, lui guadagnava tempo diventando il più longevo atleta di sempre.

Tom Brady non è mai stato il primo della classe, non era un bambino prodigio, non era un all-American e ha fatto ridere alla sua Combine. Al college divideva il campo con Drew Henson. Partendo da questo scenario, ha vinto 6 Super Bowl, partecipato a 9, vinto 3 titolo di MVP della stagione regolare NFL, 4 di MVP del Super Bowl. Ha sposato la modella più pagata del Mondo e c’è chi dice che i trofei della città di Boston dopo il primo dei Patriots (3 per i Red Sox, 1 per Bruins e Celtics) siano anche, un pochino, merito suo.
Se realizziamo questo realizzeremo anche perché questionare quello che sta succedendo in queste ore sia più un prodotto della noia CoronaVirus piuttosto che un reale, interessante, esercizio.

Pubblicità

Lui ha fatto tutto questo, potremmo semplicemente fidarci e aspettare che la sua scelta dia i suoi frutti. E quando non lo farà, essere felici lo stesso per averci regalato, sul finire della sua carriera, qualcosa di cui parlare. Per annoiarci un po’ di meno.

Dario Michielini

Segue il football dagli anni 90, da quando era alle elementari. Poi ne ha scritto e parlato su molti mezzi. Non lo direste mai! "La vita è la brutta copia di una bella partita di football"

Articoli collegati

2 Commenti

  1. Mi perdonerete ma un commento lo voglio fare. Non seguo il football da trent anni, ma da un pochino prima che arrivasse l’era del B&B a New England. Mi trovo in disaccordo su alcuni aspetti dell articolo, ma le mie sono impressioni personali.
    Che Brady se ne andasse da NE non era cosi scontato, il solo fatto che il suo stipendio fosse piu basso di molti suoi colleghi per permettere ai pats piu margine la dice lunga. Poi quest anno piu di altri (paga moltissimo l addio sottovalutato di Gronk83) si e visto numeri non certo da top, ma onestamente alcuni dei suoi bersagli non ne prendevano una quest anno, contro Miami quanti drop si sono visti? L altro punto che non capisco e il systemQB, io non credo che con un Wilson i Pats avrebbero vinto come con Brady, non per le qualità (indiscutibili per entrambi). Il Sb perso da Seattle per una scelta di Wilson (Carroll si prese la responsabilità, ma sappiamo tutti la verità) la dice lunga sull intelligenza di Brady nel capire che Bill è un fenomeno, quindi che senso ha chiedere la birra quando si ha il miglior vino del mondo? Brady ha (aveva…) la visione di campo migliore di tutti i QB elencati, se difeso e praticamente perfetto (parlo del Brady terrific, non di questi ultimi 2 anni).
    Detto questo spero di essere riuscito a esprime la mia idea in maniera chiara (non sono bravo come voi scrivere degli splendidi articoli), la scelta Tampa per me è dettata dai soldi, da dimostrare non ha piu nulla, l età non e dalla sua. Al contrario temo che i Patriots abbiano molto da perdere…ahimè non credo che sia semplice nemmeno arrivare ai PO il prossimo anno.
    Se bastasse un QB normale per vincere il SB lo avrebbe vinto i niners quest anno…………..

  2. Penso che Brady avrebbe dovuto chiudere la carriera quest’anno, dal mio punto di vista non ha molto senso andare a Tampa Bay., considerati anche i rischi fisici e non solo..
    alla base della sua scelta forse c’è anche l’orgoglio, nel senso che Brady quest’anno era considerato da Belichick una specie di “piano B”, in attesa degli sviluppi della situazione del QB (ho letto di un interesse per Dalton)

Pulsante per tornare all'inizio