Tutta week 16 in un solo articolo

Arrivano tanti verdetti in questa caldissima Week 16, penultima della regular season NFL. I Ravens si prendono la vetta di AFC davanti ai Patriots, seguiti da vicino dai Chiefs. Già ai playoff anche Bills e Texans, mentre i Titans si giocano l’ultimo posto utile con Steelers e Raiders. In NFC, invece, ancora tutto aperto al vertice: guidano 49ers, Packers e Saints a quota 12-3, tutte già in post-season, mentre a seguire ci sono Seahawks e Vikings, con gli Eagles che possono raggiungere i playoff vincendo l’ultima contro i Giants. Insomma, 16 partite da non perdere: partiamo!

Strepitosa vittoria per i 49ers in una bellissima partita contro i Rams. Los Angeles parte a raffica e, dopo il touchdown pass iniziale di un produttivo Jared Goff (27/46 per 323 yard con 2 TD pass e 1 INT) per 10 yard per Brandin Cooks, è Todd Gurley a sfondare per due volte la end zone avversaria, da 5 e 1 yard. San Francisco, però, non si ferma mai e, anche in una partita difficile per Jimmy Garoppolo (16/27 per 248 yard con 1 TD pass e 2 INT), trova il modo di rimontare. Sono i rushing touchdown di Deebo Samuel e Raheem Mostert, l’uno da 19 yard e l’altro da 16, a riavvicinare i padroni di casa, che poi sfruttano l’intercetto di un grande Fred Warner (11 tackle, 1 pass deflected e 1 INT), riportato per 46 yard fino alla end zone avversaria. Cooper Kupp regala il nuovo vantaggio a Los Angeles dopo l’intervallo, con il touchdown su ricezione per 22 yard, poi si desta Garoppolo. George Kittle riceve il suo touchdown pass per 7 yard e, dopo il field goal da 52 yard di Greg Zuerlein per il 31-31, il quarterback orchestra un drive perfetto per vincere la partita. Robbie Gould centra i pali da 33 yard e i Niners (12-3) vincono per 34-31 sui Rams (8-7), eliminati dai playoff dopo l’exploit del Super Bowl raggiunto a febbraio.

Altro giro, altra meravigliosa vittoria per i Ravens, che schiacciano i Browns. Il touchdown iniziale di Demetrius Harris, su lancio per 1 yard di un buon Baker Mayfield (20/33 per 192 yard con 2 TD pass e 1 INT) spaventa Baltimore, che però si rianima in un amen grazie allo straordinario Lamar Jackson (20/31 per 238 yard e 3 TD pass). Il quarterback lancia in touchdown due volte Mark Andrews, per 39 e 14 yard, e una volta Mark Ingram, per 12 yard, ribaltando la partita senza che Cleveland possa far nulla. Austin Seibert centra i pali da 47, Justin Tucker replica da 31. Mayfield regala una speranza ai padroni di casa con il touchdown pass per Odell Beckham Jr, ma i lanci e le corse di Jackson, che colleziona anche 103 rushing yard in 17 portate, uniti alla corsa vincente da 18 yard di Justice Hill, chiudono la partita. Vincono i Ravens (13-2) per 31-15 sui Browns (6-9).

Pubblicità

I Bills lottano, ma escono sconfitti in casa dei Patriots. Buffalo chiude il terzo quarto in vantaggio, grazie ai touchdown pass del solido Josh Allen (13/26 per 208 yard e 2 TD pass), che lancia in end zone Dion Dawkins per 1 yard e John Brown per 53, dopo il field goal iniziale di Stephen Hauschka da 35 yard. New England resta in partita grazie a un buon Tom Brady (26/33 per 271 yard e 1 TD pass), che regala a Matt LaCosse la pepita per 8 yard, poi pian piano mette punti a tabellone. Merito di un Nick Folk senza errori e a segno con i field goal da 36, 51 e 20 yard, prima del touchdown finale di Rex Burkhead, su corsa da 1 yard. La fenomenale difesa dei Patriots (12-3) ferma gli ultimi assalti di Allen e i Bills (10-5) escono così sconfitti per 17-24.

Grande sofferenza per i Texans, che però piegano la resistenza dei Buccaneers e volano ai playoff. Pochi meriti per Deshaun Watson (19/32 per 184 yard e 1 INT), molti di più per la straordinaria difesa di Houston, che chiude la porta in faccia più volte a un pessimo Jameis Winston (25/48 per 335 yard con 1 TD pass e 4 INT). Uno degli intercetti viene riportato da Bradley Roby per 27 yard fino alla end zone avversaria, prima del rushing touchdown da 1 yard di Carlos Hyde. Prima dell’intervallo, però, Tampa Bay pareggia la partita a quota 17, grazie alla corsa vincente da 4 yard di Ronald Jones e al touchdown pass per 8 yard di Winston per Justin Watson. Nel secondo tempo, però, il quarterback dei padroni di casa è troppo impreciso e il solo field goal di Matt Gay da 41 yard non basta di fronte a quelli da 25 e 37 yard di Ka’imi Fairbairn. I Texans (10-5) tengono duro e vincono per 23-20 sui Buccaneers (7-8).

Clamorosa sconfitta per gli Steelers contro i Jets. Sam Darnold non è in una giornata da ricordare (16/26 per 183 yard con 1 TD pass e 3 fumble), ma è lui a sbloccare la partita con il touchdown pass per 23 yard per Robby Anderson. In casa Pittsburgh, intanto, Devlin Hodges dimostra tutta la propria inesperienza (11/17 per 84 yard con 2 INT e 1 fumble) e ben presto lascia posto a Mason Rudolph (14/20 per 129 yard e 1 TD), che lancia Diontae Johnson in touchdown per 29 yard. I field goal di Sam Ficken da 54 yard e di Chris Boswell da 49 siglano la parità a quota 10 all’intervallo. Nel secondo tempo, però, l’ottima difesa di New York, guidata da Jamal Adams (8 tackle, 2 tackle for loss) annulla completamente gli Steelers, mentre Ficken centra i pali da 37 e 42 yard. Tanto basta ai Jets (6-9) per vincere 16-10 e inguaiare gli avversari, ora più lontani dai playoff.

La TOP 10 di week 16 della NFL

I Colts demoliscono i Panthers. L’esordio in NFL è da incubo per il rookie Will Grier (27/44 per 224 yard e 3 INT) e a tabellone per Carolina finiscono soltanto due field goal di Joey Slye, da 27 e 50 yard. Jacoby Brissett è ridotto ai mini termini (14/27 per 119 yard), ma al suo fianco c’è un backfield da urlo. Il quarterback sblocca la partita con una corsa vincente da 1 yard, poi sono Marlon Mack da 2 yard e Jordan Wilkins da 1 a regalare i restanti rushing touchdown. A questi si aggiunge la spettacolare prestazione di Nyheim Hines nello special team: addirittura due i punt riportati in touchdown dal runningback, per 84 e 71 yard. Chase McLaughlin aggiunge il field goal da 35 yard e il gioco è fatto. I Colts (7-8) superano i Panthers (5-10) per 38-6.

I Falcons si sbarazzano dei Jaguars senza troppe ansie. Basta un primo quarto da urlo ad Atlanta per scavare il solco decisivo tra le due squadre: il 14-0 è firmato dai due touchdown dello scatenato Devonta Freeman, a segno con la corsa vincente da 17 yard e con il touchdown su ricezione per 8 yard, su lancio di un altalenante Matt Ryan (32/45 per 384 yard con 1 TD pass e 2 INT). La reazione di Jacksonville è affidata ai field goal di Josh Lambo, che centra i pali da 40 e 27 yard, ma il rushing touchdown di Qadree Ollison da 3 yard rispedisce al mittente il tentativo di rimonta. Un impreciso Gardner Minshew (13/31 per 181 yard e 1 TD pass) lancia Chris Conley in end zone per 42 yard, ma i Jaguars (5-10) si fermano qui. Vincono i Falcons (6-9) per 24-12.

I Bengals riescono nella più clamorosa delle rimonte contro i Dolphins, ma poi escono sconfitti in overtime. Un pazzesco Ryan Fitzpatrick (31/52 per 419 yard con 4 TD pass e 1 INT) devasta la difesa di Cincinnati per i primi tre quarti di gioco, con la collaborazione di Christian Wilkins per 1 yard, del devastante DeVante Parker per 7 yard (5 ricezioni per 111 yard e 1 TD) e di Mike Gesicki, che trova la end zone per due volte, per 31 e 13 yard. Myles Gaskin aggiunge la corsa vincente da 2 yard e la partita sembra finita sul 35-12 a inizio quarto periodo. Un meraviglioso Andy Dalton (33/56 per 396 yard e 4 TD pass), però, vive una decina di minuti da sogno e riesce a pareggiare la partita. Aiutato da un magico Tyler Boyd (9 ricezioni per 128 yard e 2 TD), che riceve i touchdown pass per 34 e 3 yard, da C.J. Uzomah per 7 yard e da Tyler Eifert, a segno per 25 yard. A queste si aggiungono un paio di conversioni da due punti, dopo i field goal di Randy Bullock da 20 e 57 yard. Gli ospiti pareggiano così la partita proprio al termine dei tempi regolamentari. In overtime, però, Dalton spreca le occasioni avute, mentre Fitzpatrick guida il drive della vittoria, finalizzato da Jason Sanders con il field goal da 37 yard. I Dolphins (4-11) vincono così una splendida partita contro i Bengals (1-14) per 38-35.

Non sono bastati i tempi regolamentari, la sfida tra Redskins e Giants si decide all’overtime con la squadra di New York che vince 41 a 35. La partita inizia con il touchdown su ricezione di Shepard al quale risponde Haskins (12/15 per 133 yards e 2 TD) con il lancio per Sims; i Giants tornano in vantaggio grazie alla corsa di Barkley (22 corse per 189 yards e 1 TD, 4 ricezioni per 90 yards e 1 TD) in end zone ma i Redskins pareggiano i conti con la ricezione di Henteges. Nel secondo quarto gli ospiti provano ad allungare e con i lanci di Jones (28/42 per 352 yards e 5 TD) arrivano due touchdowns con Barkley e Latimer. I padroni di casa si rifanno sotto nel secondo tempo con il lancio di Keenum (16/22 per 158 yards e 1 TD, 1 corsa per 1 yard e 1 TD) per Sims ma i Giants annullano la segnatura con la ricezione di Smith; l’ultimo periodo è cruciale perchÈ i Redskins riescono a pareggiare grazie alle corse di Peterson e Keenum ma ai Giants basta un drive all’overtime per trovare il touchdown di Smith e chiudere la partita.

Pubblicità

Il risultato più inatteso della serata viene da Seattle dove i Cardinals battono i Seahawks 27 a 13. I padroni di casa sbloccano il risultato con il touchdown di Bellore su lancio di Wilson (16/31 per 169 yards e 1 TD) ma Drake (24 corse per 166 yards e 2 TD) pareggia i conti nel drive successivo; nel secondo quarto i Cardinals provano la fuga con il touchdown di Fitzgerald su lancio di Murray (11/18 per 118 yards e 1 TD) e il field goal di Gonzalez. Nella ripresa è ancora il kicker di Arizona a segnare, Myers prova ad accorciare le distanze con due field goals nell’ultimo periodo ma il secondo touchdown di Drake chiude l’incontro.

fitzgerald cardinals seahawks

Michael Thomas diventa il giocatore con più ricezioni in una singola stagione (145) e guida i Saints alla vittoria per 38 a 28 contro i Titans. Il primo quarto è dei padroni di casa che segnano due touchdowns con il lancio di Tannehill (17/27 per 272 yards e 3 TD) per Smith e la corsa di Brown; i Saints si svegliano nel secondo ed accorciano le distanze con il field goal di Lutz e il lancio di Brees (27/38 per 279 yards e 3 TD) per Cook (3 ricezioni per 84 yards e 2 TD). Il sorpasso dei Saints arriva nel secondo tempo grazie alle due corse in end zone di Kamara (11 corse per 80 yards e 2 TD), i Titans provano a tenere il passo con il touchdown su ricezione di Sharp ma è la seconda ricezione di Cook a riportare il distacco a 10 punti; il copione si ripete nell’ultimo periodo ancora con il touchdown di Sharp ma per i Saints è Thomas a ricevere in end zone per l’ultima segnatura della partita.

Il derby della California viene vinto 24 a 17 dai Raiders che rimangono in corsa per i playoffs. Sono proprio i Raiders a sbloccare l’incontro con il lancio di Carr (26/30 per 291 yards e 1 TD, 1 corsa per 3 yards e 1 TD) per Renfrow (7 ricezioni per 107 yards e 1 TD); il pareggio dei Chargers arriva nel secondo quarto grazie alla corsa di Gordon ma prima dell’intervallo è Carr a riportare i suoi in vantaggio correndo in end zone. Nel secondo tempo sono ancora gli ospiti a segnare, questa volta con una corsa di Washington, ed è sempre Gordon a tenere la partita viva con il secondo touchdown della serata; l’attacco dei Chargers però si ferma nell’ultimo quarto e a referto andranno due field goals, uno per parte, segnati da Carlson e Badgley.

A Denver arriva l’undicesima sconfitta stagionale per i Lions, non accadeva dal 2012, che si piegano ai Broncos per 17 a 27. I Lions vanno in vantaggio dopo pochi minuti grazie al field goal di Prater, poi nel secondo quarto è Agnew a raccogliere il punt di Wadman portandolo direttamente in end zone; i Broncos iniziano a giocare alla fine del primo tempo ma è più che sufficiente perchÈ trovano il pareggio con la corsa di Freeman e il calcio di McManus. Il secondo tempo si apre ancora con 3 punti del kicker di Denver e con il touchdown su ricezione di Golladay su lancio di Blough (12/24 per 117 yards e 1 TD) che riporta in vantaggio i Lions; l’ultimo periodo però è tutto dei Broncos che, prima con il touchdown di Hamilton su lancio di Lock (25/33 per 192 yards e 1 TD) e poi con quello di Lindsay (19 corse per 109 yards e 1 TD), chiudono la partita.

Gli Eagles vincono lo scontro diretto contro i Cowboys e vedono i playoffs sempre più vicini: a Philadelphia finisce 17 a 9. Parte subito forte la squadra di casa con il field goal di Elliott e il touchdown di Goedert (9 ricezioni per 91 yards e 1 TD) su lancio di Wentz (31/40 per 319 yards e 1 TD); l’attacco dei Cowboys non entra in partita e tocca a Forbath il compito di mettere 6 punti sul tabellone. Il secondo tempo non regala tante emozioni e, dopo il touchdown di Sanders e il terzo calcio di Forbath, termina la partita.

A Chicago non c’è storia, i Chiefs travolgono i Bears 26 a 3. La squadra di Kansas City prova a chiudere la partita già nel primo tempo, lasciando a 0 l’attacco dei Bears e segnando: un touchdown con la corsa di Mahomes (23/33 per 251 yards e 2 TD, 2 corse per 14 yards e 1 TD), un field goal di Butker e un altro touchdown con la ricezione di Kelce. Nel secondo tempo arriva la prima e unica segnatura dei Bears grazie al field goal di Pineiro, poi nell’ultimo periodo sono ancora i Chiefs a fare 10 punti con la ricezione di Williams e con il calcio di Butker che mette la parola fine alla partita.

Tyrann Mathieu Chiefs Bears

Con la vittoria per 23 a 10 sui Vikings, i Packers si aggiudicano il primo posto nella NFC North. I Vikings vogliono sfruttare il fattore casa e vanno in vantaggio con il field goal di Bailey al quale risponde immediatamente Crosby; la squadra di Minneapolis non si arrende e torna in vantaggio col touchdown di Diggs su lancio di Cousins (16/31 per 122 yards, 1 TD e 1 INT) ma, dato che l’attacco di Green Bay fatica ad entrare in partita, ci pensa ancora il kicker a segnare 6 punti che chiudono la prima frazione sul 10 a 9. Nel secondo tempo si invertono i ruoli e questa volta è l’attacco dei Vikings a faticare mentre quello dei Packers si sblocca definitivamente, in particolare con Jones (23 corse per 154 yards e 2 TD) che con due touchdowns, tra il terzo e l’ultimo quarto, ribalta il punteggio e porta a casa la vittoria.

Domenica 29 settembre si chiude la regular season NFL con tutte le partite che precedono gli attesissimi playoff. Tante le sfide decisive, da quella dei Titans contro i Texans a quella degli Eagles contro i Giants. Si decide tutto in una giornata, quella dell’entusiasmante Week 17, poi sarà tempo di post-season.

Pubblicità

Articolo a cura di Alessio Salerio e Massimiliano Poli

Redazione

Abbiamo iniziato nel 1999 a scrivere di football americano: NFL, NCAA, campionati italiani, coppe europee, tornei continentali, interviste, foto, disegni e chi più ne ha più ne metta.

Articoli collegati

Pulsante per tornare all'inizio