Il Rookie Watch di week 10 NFL

Siamo ormai giunti a week 10 della NFL, con i playoff che si avvicinano sempre più velocemente ed ancora molte squadre che possono provare a strappare un pass per la postseason; con la regular season, continua anche il nostro Rookie Watch, la rubrica di Huddle Magazine che ogni settimana analizzerà prestazioni e crescita di tre giocatori NFL alla prima stagione fra i professionisti, che giunge così alla sua decima puntata. E’ un Rookie Watch a maggioranza difensiva, con BJ Ojulari, LB dei Cardinals, e Mekhi Blackmon, CB dei Vikings, a fare compagnia a Jaylen Reed, WR dei Packers.

Jaylen Reed, Green Bay Packers
5 rec – 84 yard – 1 TD – 3 first down

E’ proprio Reed il primo protagonista del nostro Rookie Watch di week 10, con il WR dei Packers che sta piano piano acquistando sempre più peso all’interno del giovanissimo attacco guidato da Jordan Love; complice qualche problema di Watson, che doveva essere il WR #1 di GB, e qualche altra prestazione sottotono degli altri ricevitori, Reed sta acquisendo sempre più spazio, e domenica ha chiuso con 5 ricezioni, di cui tre valevoli per un primo down per GB, per 84 yard totali, con la “chicca” della ricezione da TD da 36 yard.
I Packers sono incappati domenica nella sesta sconfitta in stagione ma sorprendentemente sono ancora appesi per un filo ad una possibile qualificazione ai playoff, ma anche se difficilmente riusciranno ad arrivarci, ci sono comunque delle note positive nella prima stagione D.R. (Dopo Rodgers) e Jaylen Reed è sicuramente una di queste.

BJ Ojulari, Arizona Cardinals
8 tackle tot – 4 tackle solo- 2 sack

Nel giorno del ritorno di Kyler Murray come QB titolare, a brillare per i Cardinals è anche, e soprattutto, un giovane rookie chiamato con la pick al 2° round da Arizona; parliamo di BJ Ojulari, LB che al college giocava per LSU, autore contro i Cardinals della sua milgior prestazione da quando è in NFL, che ha aiutato così ARI a ritornare alla vittoria contro i Falcons. Il giovane classe 2002 ha chiuso la sua partita con 8 tackle totali, di cui 4 in solo, e soprattutto due sack ai danni di Desmond Ridder, con ARI che potrà sfruttare il resto della propria stagione, visto e considerato il record attuale, per testare i propri giovani, e decidere su chi puntare per iniziare a costruire il roster della prossima stagione.

Mekhi Blackmon, Minnesota Vikings
2 tackle solo – 2 pass deflected – 1 INT

I Vikings ed i propri tifosi sono ormai nel pieno della propria Dobbsinsanity, con il QB arrivato dai Cardinals poco prima della chisuura della trade deadline che fa sognare ad occhi aperti i tifosi di Minnie; contro i Saints però, a chiudere definitivamente la partita, ci ha pensato la secondaria dei Vikings, con i due iNT consecutivi ai danni di NOLA che hanno spento le speranze di rimonta dei Saints. Autore del primo INT è stato Mekhi Blackmon, CB chiamato con la 102° pick da Minnie dopo aver giocato per USC al College, che domenica ha chius con 2 tackle in solo, due pass deflettati e soprattutto l’INT, il primo in carriera, che ha interrotto il primo dei due tentativi di NOLA di riportarsi in partita.

Pubblicità

Merchandising Merchandising

Luca Belli

Tifoso "Die Hard" dei Green Bay Packers. Cresciuto nel momento d'oro di Favre e Rodgers, e fiero discepolo della new wave green&gold "All you need is Love". Abituato a vincere poco con la fede calcistica, essendo tifoso della Fiorentina, ha trovato nei Packs la sua svolta, e nei Guelfi Firenze la sua fede in campo italiano. Aspetta con ansia il terzo anello personale, che sia "viola" o "G&G". Go Packs Go!

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Huddle Magazine si sostiene con gli annunci pubblicitari visualizzati sul sito. Disabilita Ad Block (o suo equivalente) per aiutarci :-)

Ovviamente non sei obbligato a farlo, chiudi pure questo messaggio e continua la lettura.