Il riassunto di week 11 della NCAA 2023

Quando mancano due sole giornate alla fine della regular season NCAA, e dalla disputa dei Championship, la situazione in vetta al ranking è ben definita. Le 5 squadre di testa infatti vincono tutte anche se con diverse difficolta mentre Georgia ed Ohio State hanno vita facile rispettivamente su Ole Miss e Michigan State.

Nel match clou della B1G sono i Wolverines ad avere la meglio su Penn State nonostante lo strappo decisivo sia arrivato solo nell’ultimo quarto; stessa sorte per Florida State che allunga di due possessi su Miami ma deve subire il rientro dei Canes e patire negli ultimi 8 minuti. Chi deve rincorrere è invece Washington che solo grazie ad un terzo quarto magistrale riesce a rompere la resistenza di Utah, in una delle partite piu complicate per gli Huskies.

Oregon e Texas sembrano agevolmente in controllo ma devono soffrire per portare a casa l’intera posta in palio: TCU e USC si dimostrano avversari scomodi anche se alla fine devono alzare bandiera bianca sulle squadre di classifica. Sul velluto invece Alabama, Missouri e Oregon State mentre è fragoroso il tonfo di Oklahoma State, completamente allo sbando contro una UCF in versione “campione nazionale”. Perde ancora North Carolina, che deve anche abbandonare il ranking NCAA, cosi come Kansas, sorpresa in casa da Texas Tech.

Pubblicità

Liberty e James Madison continuano la loro striscia da imbattuti con i Flames che entrano meritatamente, e con un certo ritardo da parte del comitato, nel ranking mentre è fatale a Jimbo Fisher, e questo è un paradosso, la vittoria contro Miss State; per l’ex coach di FSU ci sarà da consolarsi con il ricchissimo buyout contrattuale. Troy vince contro UL Monroe e si assicura praticamente la sfida per la Sun Belt contro JMU, mentre è una sfida a 3 nella Mountain West con Air Force, UNLV e Fresno State con questi ultimi che però hanno una sconfitta in piu di conference, proprio quella avvenuta contro SJSU.

Nella MAC è sempre sfida a distanza tra Miami OH e Toledo ed in AAC dopo Tulane occhio ad SMU e UTSA, che hanno lo stesso record di conference ma diverso record generale; Mustang e Roadrunners tengono d’occhio i Green Wave con Memphis che si potrebbe inserire proprio all’ultimo minuto.

Merchandising Merchandising

Francesco Fele

Ho 29 anni e sono appassionato di sport Usa da 5 anni, seguo sopratutto il football (tifosissimo delle cheesehead) e l'NBA.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Huddle Magazine si sostiene con gli annunci pubblicitari visualizzati sul sito. Disabilita Ad Block (o suo equivalente) per aiutarci :-)

Ovviamente non sei obbligato a farlo, chiudi pure questo messaggio e continua la lettura.