A suon di field goal (Carolina Panthers vs Chicago Bears 13-16)

Probabilmente questa stagione rimarrà nella storia come una delle peggiori per quanto riguarda la scelta dei Prime Time Game, ed anche il TNF di week 10 non è da meno; a Chicago infatti, nella partita che apre la decima settimana della regular season NFL, sono i Bears ad aggiudicarsi la partita, in un match senza troppe emozioni. Ottenendo la vittoria, i Bears lasciano i Panthers ad un record di 1-8, il peggiore della lega insieme a quello dei Cardinals, e che potrebbe portare CHI ad avere la prima scelta assoluta nel prossimo draft, vista la trade che ha portato CAR ad avere la first pick con cui hanno selezionato Bryce Young nel draft 2023, e che ha spedito DJ Moore in Illinois.

Seconda sconfitta di fila per i Panthers, con uno Young che non riesce a replicare quanto fatto di buono fatto vedere due settimane fa contro i Texans, non riuscendo a segnare punti con il proprio attacco, con l’unico TD della giornata arrivato su ritorno di punt.

I Panthers sono infatti i primi a mettere punti sul tabellone quando, dopo un drive a testa conclusosi in un nulla di fatto per entrambe le squadre, Smith-Marsette riporta il punt per 79 yard direttamente in endzone, per il momentaneo 7-0 di Carolina.

Pubblicità

https://twitter.com/NFL/status/1722790519401762999?s=20

Il secondo quarto è all’insegna dei field goal, con Santos dei Bears che ne mette a segno ben tre, e con i Panthers che mantengono il vantaggio grazie al FG segnato da Pineiro, con le squadre che vanno così negli spogliatoi con Carolina avanti 10-9; il secondo tempo è, se possibile, ancora meno emozionante dei primi due quarti, con Chicago che riesce però a portarsi in vantaggio grazie al buon drive giocato a metà del 3° quarto, e che vede Foreman entrare in endzone per il touchdown del momentaneo 16-10 con i Panthers che prima si portano sul 16-13 grazie ad un altro field goal, e poi vedono spengersi le speranze di pareggio quando il FG di Pineiro con meno di due minuti rimasti sul cronometro arriva corto e non centra la goal post, regalando così la vittoria a Chicago.

Altra prestazione contornata di luci ed ombre per la prima scelta dell’ultimo draft NFL Bryce Young, che chiude con 21 completi per 185 yard lanciate, non riuscendo però a segnare nessun TD, e soprattutto non rivelandosi mai una vera e propria minaccia per la difesa di CHI, con l’offense di Carolina che non è praticamente mai riuscita ad entrare in redzone nel corso della partita, e con il coaching staff dei Panthers che ha preferito tentare un field goal da 59 yard piuttosto che affidarsi al proprio QB in occasione del 4° down da cui è poi scaturito il field goal sbagliato decisivo.

Brutta prestazione anche della OL dei Panthers, che perde ampiamente “la guerra di trincea” con la DLine dei Bears, costringendo spesso Young a sfuggire dai lineman avversari e praticamente annullando il gioco di corse avversarie.

Dopo il TNF di Chicago, Tyson Bagent, undrafted QB proveniente da NCAA DIV II, ha più vittorie in NFL di Bryce Young, QB chiamato con la first pick assoluta dai Panthers, e nello scontro a distanza fra i due, ha sicuramente giocato meglio del QB ex Alabama, migliorandosi rispetto alle ultime due uscite dei Bears; CHI ottiene così la  nonostante l’assenza di Fields, che sembrava invece pronto al rientro, grazie ad una buona prestazione dell’attacco, e ad una ottima performance della difesa, con un Montez Sweat leader con 8 pressures e già ampiamente a suo agio nella difesa di Chicago.

Merchandising Merchandising

Luca Belli

Nonostante la giovane età, tifoso "Die Hard" dei Green Bay Packers. Cresciuto nel momento d'oro di Favre e Rodgers. Abituato a vincere poco con la fede calcistica, essendo tifoso della Fiorentina, ha trovato nei Packs la sua svolta. Aspetta con ansia il secondo anello personale. Go Packs Go!

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Huddle Magazine si sostiene con gli annunci pubblicitari visualizzati sul sito. Disabilita Ad Block (o suo equivalente) per aiutarci :-)

Ovviamente non sei obbligato a farlo, chiudi pure questo messaggio e continua la lettura.