Huddle Magazine domanda, Wilson risponde

A luglio vi abbiamo raccontato la visita alla fabbrica Wilson di Ada, nell’Ohio, dove vengono prodotti i palloni usati nella NFL.  Nelle scorse settimane siamo stati contattati da Wilson per chiederci se avessimo delle domande da porre sullo sferoide prolato e abbiamo colto l’occasione al volo! Alle nostre questioni ha risposto Kevin Murphy, General Manager Wilson Team Sports, che ringraziamo tantissimo per il tempo che ci ha dedicato.

D: I guanti hanno la presa più salda, si sta pensando di saldare la presa anche per i palloni, magari sviluppando accessori tecnici per quando ci sono condizioni atmosferiche avverse, o si è già arrivati a un punto che si considera il giusto equilibrio di ruvidità?

R: La presa su un pallone da football, soprattutto in caso di maltempo, è della massima importanza per tutti i giocatori esperti.  L’aggiunta di un sottile motivo “a ciottoli” sulla nostra palla da football offre ai giocatori una geometria fisica in cui affondare le dita, dando quel pizzico di presa in più, anche in condizioni di bagnato.  L’attuale formulazione della pelle, la sua lavorazione e la sua lavorazione a ciottoli generano un grip sufficiente per gli atleti, ma cercheremo sempre di apportare miglioramenti!

Pubblicità

D: Qual è la vita media di uno sferoide prima che venga definito non più utilizzabile? Quali sono i parametri?

R: Per fornire un contesto più ampio, nella sua definizione più elementare, un pallone da foorball è considerato utilizzabile finché rimane un po’ di pelle sulla palla e la vescica trattiene l’aria.  Ma questa risposta è valida solo per chi vuole ottenere la massima durata da un singolo pallone.  Per i livelli più alti di competizione, la vita del pallone è più definita dalla quantità di tempo in cui un quarterback può ottenere il massimo livello di prestazioni da un singolo pallone, basandosi principalmente sulla presa e sulla sensazione del cuoio.  Supponendo che non si giochino partite in condizioni di forte pioggia, la longevità è di solito di circa una stagione intera, ma il clima della squadra può assolutamente giocare un ruolo importante.

D: La presenza di sensori all’interno dei palloni viene utilizzata per produrre le cosiddette Next Gen Stats o altri dati? In futuro potrebbero essere utilizzati anche per determinare la posizione in campo, magari per assegnare un primo down o un touchdown?

R: Sì, i sensori presenti nei palloni della NFL e sui giocatori stanno generando le metriche chiave che guidano le Next Gen Stats.  L’utilizzo di questi dati sulla posizione per fornire una maggiore obiettività nelle operazioni di gioco è un obiettivo da tempo perseguito, ma c’è una naturale lacuna nelle informazioni necessarie per collegare tutto insieme in uno scenario di gioco.  Ad esempio, la posizione della palla è nota con un grado di precisione piuttosto elevato in qualsiasi momento, ma sapere esattamente quando e dove un giocatore è “a terra” non è attualmente possibile senza un sistema automatizzato.  Ci affidiamo ancora agli arbitri e, a volte, ai video replay per determinare completamente questa informazione.  Finché non si riuscirà a collegare questi due elementi principali in modo più automatizzato, l’utilizzo delle sole informazioni sulla posizione del pallone non fornirà tutte le informazioni.

D: Tutti i palloni sono prodotti a mano, anche se molti processi possono essere automatizzati. Perché questa scelta?

R: Costruire un pallone da football è estremamente difficile e richiede un’incredibile abilità.  Il cuoio, il componente chiave, è un prodotto naturale e ogni pelle è unica e richiede un occhio esperto per trovare i pannelli della migliore qualità da utilizzare.  Affinché il prodotto sia il più resistente possibile, i materiali e il loro assemblaggio richiedono una durezza in ogni processo che richiede uno sforzo umano.  Alcuni processi sono migliorati nel corso degli anni e hanno permesso una maggiore automazione, ma una gran parte del lavoro sarà probabilmente sempre fatta a mano.

D: Una cosa è emersa chiaramente durante la visita dello scorso giugno: l’estremo orgoglio di far parte di qualcosa di importante e di svolgere un lavoro fondamentale per il gioco del football. Quanto è ambito un lavoro ad Ada? Quanto turnover c’è nello stabilimento?

R: La Wilson Football Factory di Ada, Ohio, ha iniziato a produrre il pallone da gioco ufficiale della NFL nel 1955. È la più antica fabbrica al mondo dedicata alla produzione di palloni da football in pelle pronti per il gioco. La fabbrica produce tutti i palloni da gioco della NFL, tutti i palloni da gioco del Super Bowl, tutti i palloni da gioco del Pro Bowl e tutti i palloni da gioco in pelle di Wilson, delle scuole superiori e dei college.

Siamo orgogliosi della dedizione della nostra fabbrica e dei nostri lavoratori di Ada, Ohio, che impiega oltre 140 persone. Abbiamo molti artigiani esperti che lavorano in fabbrica da decenni. L’artigianalità, il lavoro di squadra e l’affiatamento in fabbrica sono il motivo per cui è uno dei settori più impegnati della nostra attività.

Pubblicità

D: Il sistema di allacciatura dei palloni è uguale per tutti o ogni produttore ha un proprio sistema?

R: Per quanto riguarda l’allacciatura, il risultato finale di questo processo è più o meno lo stesso per molti produttori ed è generalmente specificato nelle regole dei diversi campionati o livelli di gioco.  Richiede otto allacciature equidistanti.  Ci sono numerose sfumature nel modo in cui un produttore può eseguire il processo di allacciatura, o il laccio specifico da utilizzare, ma per la maggior parte, i risultati finali sono molto simili.

Redazione

Abbiamo iniziato nel 1999 a scrivere di football americano: NFL, NCAA, campionati italiani, coppe europee, tornei continentali, interviste, foto, disegni e chi più ne ha più ne metta.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio