Vittoria sofferta (Philadelphia Eagles vs New England Patriots 25-20)

Dopo poco meno di sette mesi dalla sconfitta patita al Super Bowl LVII contro i Kansas City Chiefs, hanno fatto il loro esordio in campionato anche i Philadelphia Eagles guidati da Jalen Hurts che, a differenza dei campioni in carica, non sbagliano e trovano la vittoria, in trasferta, contro i New Engalnd Patriots, pur non senza sofferenze. Battuta d’arresto invece per la formazione allenata da Bill Belichick che, nel giorno del ritorno a Foxboro di Tom Brady, accolto come la leggenda che è, subisce la sconfitta in campionato, che fa però ben sperare per il proseguio del campionato, vista l’ottima reazione avuta soprattutto dall’attacco guidato da Mac Jones dopo un primo quarto a dir poco disastroso.

Il primo quarto infatti aveva preoccupato non poco i tifosi dei Pats, con gli Eagles erano stati i primi a mettere punti sul tabellone grazie al primo FG di giornata di Elliott, e con ancora due 2:32 sul cronometro del 1° quarto, gli Eagles erano avanti 16-0 grazie ai due turnover provocati dalla difesa: il primo si era concluso nel pick-six di Darius Slay per il momentaneo 10-0, il fumble di Elliott invece, aveva permesso a Hurts ed alla sua offense di iniziare il drive ad appena 21 yard dall’endzone avversaria, trovata poi con il primo TD stagionale per Devonta Smith per il 16-0 che sembra indirizzare la partita verso la franchigia della Pennsylvania.
Il secondo TD, e l’inizio del secondo quarto, sembrano però risvegliare i Pats e la loro difesa che, dopo un paio di stop difensivi, vede accorciare la distanza da Phila grazie al TD segnato dal duo Mac Jones – Hunter Henry, con il TE ex Arkansas che riceve un ottimo pallone lanciato dal QB al terzo anno in NFL.

I Pats però non si accontentano e si portano sul 16-14 poco prima dell’intervallo, con il pass ricevuto questa volta da Kendrick Bourne che manda le squadre negli spogliatoi con il risultato in bilico ed un secondo tempo tutto da giocare. Se i primi due quarti avevano regalato emozioni ai tifosi, lo stesso non si può dure degli ultimi due, con gli Eagles che, anche a causa di un attacco apparso un pò sottotono, gestiscono bene la partita e grazie a tre FG messi a segno da Elliott si portano sul +11, con il TD pass finale di Jones nuovamente per Bourne, ed il fumble subito da Hurts che vengono “vanificati” quando il rookie Jalen Carter trova il sack ai danni di Mac Jones per chiudere la partita sul definitivo 25-20 Eagles.

Non possono sicuramente essere felici del risultato finale in quel di New England, ma la realtà dei fatti è che con qualche errore in meno, e soprattutto un po’ più di costanza nel corso della partita da parte dell’attacco, i Patriots avrebbero potuto ottenere un inaspettato upset ai danni dei vice campioni in carica degli Eagles.
Partita dai due volti quella messa in atto dalla offense guidata da Mac Jones che, dopo un inizio a dir poco disastroso, con due turnover ed appena 43 yard totali guadagnate nei primi cinque drive della partita, ritorna in carreggiata e ritorna in partita proprio prima dell’halftime.
Nel secondo tempo però, complice anche un altro approccio da parte della #D degli Eagles, l’attacco dei Pats non è più riuscito a segnare fino al 4° quarto, con i tre FG messi a segno da Philadelphia che avevano riaperto la distanza fra le due squadre; buona prestazione da parte della difesa di NE, formalmente senza DC ma guidata nella realtà da Bill Belichick, capace di limitare l’esplosivo attacco di Phila ad un solo TD segnato.
La division di NE è probabilmente una delle più forti ed a rischio sorprese di tutta la NFL, ma se i Patriots riuscissero a sistemare l’attacco potrebbero rivelarsi una mina vagante per qualsiasi avversario, a partire dai Dolphins settimana prossima.

Esordio vincente per i Philadelphia Eagles che, a differenza dei loro avversari al Super Bowl LVII, pur non giocando ottimamente, escono vincitori da week 1 NFL, grazie soprattutto ad un’ottima prestazione da parte della difesa.

Alla secondaria di Phila basta sostanzialmente un primo quarto da assoluta protagonista, con i due turnover che regalano praticamente i 16 punti messi a segno nel primo tempo da parte degli Eagles, con un Jalen Hurts che non viene chiamato a fare gli straordinari; non basterà sempre giocare a questo livello però per i vicecampioni in carica che regalano agli avversari il secondo quarto, e che negli ultimi due quarti non riescono a mettere a segno nessun TD, dovendosi affidare alla sicura gamba del kicker Elliott per portare a casa la prima vittoria stagionale.
Molto meglio la difesa degli Eagles rispetto al proprio attacco, con il primo quarto che indirizza la partita verso Philadelphia, e con gli ultimi due quarti di gioco ottimamente gestiti dal coaching staff, che limita ad un solo TD  Mac Jones, e che nel momento del bisogno riesce a fermare l’attacco dei Patriots, riuscendo così ad ottenere la W che vale l’1-0.

Settimana prossima a Philadelphia arriva un avversario di tutt’altro livello, con Hurts e soci che ospiteranno i Minnesota Vikings, chiamati a risollevarsi dopo la sconfitta casalinga all’esordio contro i Buccaneers.

Merchandising Merchandising

Luca Belli

Nonostante la giovane età, tifoso "Die Hard" dei Green Bay Packers. Cresciuto nel momento d'oro di Favre e Rodgers. Abituato a vincere poco con la fede calcistica, essendo tifoso della Fiorentina, ha trovato nei Packs la sua svolta. Aspetta con ansia il secondo anello personale. Go Packs Go!

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Huddle Magazine si sostiene con gli annunci pubblicitari visualizzati sul sito. Disabilita Ad Block (o suo equivalente) per aiutarci :-)

Ovviamente non sei obbligato a farlo, chiudi pure questo messaggio e continua la lettura.