Salary Cap 2022 e Franchise Tag

Negli scorsi giorni è arrivata la tanto attesa comunicazione ufficiale della NFL sul valore del Salary Cap per il 2022: 208,2 milioni di dollari. Dopo lo shock dell’anno pandemico ci si aspettava questa risalita del salary cap e lo sfondamento di quota 200 milioni.

 

Ritorna quindi a salire il tetto del salary cap in maniera abbastanza lineare a quella che era la crescita pre-pandemia, circa 10 milioni l’anno. Dopo un anno di vacche magre le squadre possono pigliare fiato e i primi rinnovi che stiamo leggendo sono in ottica maggiori soldi a disposizione, vedi Aaron Rodgers e i 50 milioni l’anno o i 60 milioni per tre anni di Mike Williams dei Chargers. Le squadre hanno tempo fino al 16 marzo, ore 22 italiane, per scendere sotto il valore del salary cap, anche di un solo dollaro, e nel momento in cui scriviamo questo articolo ci sono 14 squadre che devono trovare il modo di ristrutturare contratti /o tagliare giocatori) per ridurre la spesa in stipendi (fonte Spotrac). Dall’inizio della stagione ufficiale NFL le squadre potranno tornare sopra il Salary Cap per essere poi obbligate a rispettarlo alla prossima scadenza di giugno. Sul Twitter proviamo a tenere il passo delle varie notizie che arrivano su tagli e ristrutturazioni, seguiteci se già non lo fate 🙂

Pubblicità

Al termine del periodo dedicato a poter mettere il franchise tag su un proprio free agent sono otto i giocatori che le squadre hanno scelto di “proteggere”. Vi ricordiamo che le squadre hanno tempo fino al 15 luglio per trovare un accordo con i giocatori per un contratto pluriennale. Ecco l’elenco con giocatore, ruolo, squadra, valore del tag più qualche considerazione veloce.

Tampa Bay Buccaneers > Chris Godwin – $18,419 milioni

Nonostante l’infortunio ai legamenti di week 15 della scorsa stagione i Buccaneers scommettono sulla piena ripresa del loro ricevitore. Prima dell’infortunio Godwin aveva varcato il muro delle 1000 yard su ricezione (1103) con 4 touchdown segnati. L’obiettivo della squadra è arrivare ad un nuovo contratto che leghi il giocatore alla franchigia per qualche anno.

Green Bay Packers > Davante Adams – $18,419 milioni.

Era un franchise tag (quasi) scontato prima di ieri, lo è diventato nel momento in cui Aaron Rodgers ha esteso il suo contratto per altri quattro anni. I Packers non potevano farsi sfuggire forse il miglior ricevitore della lega e visto lo spazio nel cap liberato dalla struttura del nuovo contratto del QB possiamo aspettarci un rinnovo a cifre superiori a quella prevista dal tag.

Dallas Cowboys > Dalton Schultz – $10,931 milioni.

I Cowboys hanno fiducia che Schultz sia il loro tight end del futuro, soprattutto dopo una stagione da 78 ricezioni per 808 yard e 8 touchdown che dimostrano il feeling creato con Dak Prescott.

Miami Dolphins > Mike Gesicki – $10,931 milioni.

Altro tag scontato nel momento in cui società e giocatore non hanno trovato un accordo per un contratto pluriennale. Gesicki ha chiuso la stagione con 73 ricezioni per 780 yard e si è dimostrato una pedina imprescindibile per l’attacco di Miami. Curiosità: Gesicki è stato schierato per l’85% dei giochi come “ricvevitore”, chissà se si appellerà per essere considerato tale e di conseguenza avere 8 milioni di dollari in più.

Pubblicità

Cleveland Browns > David Njoku – $10,931 milioni

Probabilmente la prossima sarà la stagione nella quale la va o la spacca per Njoku e i Browns hanno deciso di scommetterci i quasi 11 milioni del tag. Primo giro nel 2017 Njoku ha più volte dichiarato di volersi fermare a Clevenland ancora per molti anni, vedremo se la società la pensa alla stessa maniera.

Cincinnati Bengals > Jessie Bates – $12,911 milioni

Il franchise tag su Bates non stupisce viste le prestazioni della safety. In quattro stagioni Jessie ha saltato solo due partite e ha 10 intercetti a statistica ed entrando nel secondo All-Pro Team nel 2020. Nel caso si riesca a trovare un accordo per un pluriennale aspettiamoci cifre alte per il ruolo ricoperto.

Kansas City Chiefs > Orlando Brown – $16,662 milioni

Brown è uno dei migliori tackle da lato cieco della NFL, in quattro stagioni è stato selezionato tre volte per il Pro Bowl. I Chiefs non potevano permettersi che Orlando andasse via minando la tenuta di una linea di attacco non al top e soprattutto dopo aver investito molto nella trade con i Ravens che lo ha portato nel Missouri l’anno scorso.

Jacksonville Jaguars > Cam Robinson – $16,662 milioni

Secondo tag consecutivo per Robinson che si troverà ad incassare tre milioni in più rispetto a quello che prevede il suo contratto. Per Robinson discorso simile a quello fatto per Bowrn, i Jaguars non possono permettersi di perdere il loro uomo di linea più forte se vogliono avere qualche speranza per il futuro.

Giovanni Ganci

Sports Editor si direbbe al di la dell'oceano, qui più semplicemente il coordinatore di tutta la baracca. Tifoso accanito dei San Francisco 49ers, amante del college football e al di fuori dello "sferoide prolato"© forza Boston Red Sox.

Articoli collegati

Pulsante per tornare all'inizio