Pareggio insipido (Detroit Lions vs Pittsburgh Steelers 16-16 )

Adesso è ufficiale, nessuna squadra nella NFL rimarrà a .000 (la percentuale di vittorie in stagione) nella prima stagione in assoluto con 17 partite in stagione: i Detroit Lions infatti, per la prima volta in stagione, non subiscono una sconfitta, ma finiscono per ottenere il primo pareggio della stagione NFL in trasferta contro gli Steelers.
Pittsburgh era inizialmente favorita, ma l’assenza di Big Ben Roethlisberger, risultato positivo al Covid dopo che il QB aveva accusato i primi sintomi che lo hanno portato a farsi “tamponare” ha pesato sul risultato finale, con un Mason Rudolph che, pur subendo un INT, non gioca una brutta partita, ma viene “tradito” dai fumble dei suoi WR e TE, arrivati entrambi all’overtime, quando gli Steelers avrebbero potuto dare la “zampata” finale ai derelitti Lions.

Pronti via e gli Steelers trovano subito il TD al primo drive offensivo: ad aiutare Pittsburgh è soprattutto una pass interferenze chiamata alla difesa di DET che permette un guadagno di 29 yard all’attacco guidato da Rudolph, che non spreca l’occasione e trova Washington con il pass da 9 yard per il TD del momentaneo 7-0. L’attacco dei Lions non riesce a combinare praticamente niente, ed è la difesa di Detroit a dare linfa vitale, intercettando il QB di Pittsburgh, con Okwara che riceve il pallone indirizzato verso Ballage e rende palla al suo attacco; c’è da aspettare però il secondo quarto per vedere i primi punti segnati da Goff e soci: l’attacco dei Lions sfrutta l’ottimo ritorno di punt di Raymond e trova il TD grazie ad una corsa del rookie Jefferson, che trova il big play da 28 yard per il TD del pareggio.
Prima dell’intervallo diventano i kicker i protagonisti, con Boswell e Santoso che mandano le squadre negli spogliatoi sul 10 pari dopo aver trasformato un field goal a testa; tornati dall’intervallo sono i Lions ad andare in vantaggio, ed il merito è ancora una volta del running game, con De’Andre Swift che porta i suoi nella metà campo avversaria, e con Igwebuike, RB pescato dai Lions in free Agency e con un passato nella XFL con i Seattle Dragons, che corre per 42 yard direttamente in endzone e porta Detroit in vantaggio 16-10 dopo l’EP sbagliato da Santoso.
L’attacco di Pittsburgh non riesce ad ingranare e sono solamente i due field goal trovati da Boswell a permettere a Pittsburgh di andare all’overtime.
Il coin toss è vinto dai Lions che prima sono costretti al punt, poi recuperano il pallone grazie al sanguinoso fumble di Johnson, che regala la prima grande chance di vittoria a Detroit: Santoso però fallisce il field goal ed è nuovamente la difesa dei Lions a salvare il salvabile, quando provoca il secondo fumble, con il TE degli Steelers Freiermuth che perde il possesso del pallone e porta le squadre al pareggio, il primo di questa stagione NFL.

Nonostante la “non sconfitta” la prestazione dei Lions non è sicuramente convincente, e gran parte delle colpe sono da dare all’attacco di Detroit: Jared Goff gioca un’altra pessima partita, con un passing game troppo prevedibile e praticamente inesistente, con sole 114 yard totali su pass e 14 completi in tutta la partita; il QB ex Rams non subisce un intercetto, ma non riesce nemmeno a sfruttare le tre palle che la sua difesa gli recupera: sono 0 i punti segnati da Detroit nei drive immediatamente successivi ai tre turnover (1 INT e 2 fumble recuperati), un dato impietoso e che riflette in pieno la situazione del passing game di DET. Discorso diverso invece per il gioco su corsa della franchigia del Michigan, che conquista oltre 230 yard con il running game, grazie ad un’altra ottima prestazione da parte di De’Andre Swift (33 portate x 130 yard) ed ai due ottimi TD trovati da Jefferson ed Igwebuike.
La difesa fa il possibile, limitando l’attacco di Pittsburgh, orfano del QB titolare, e trovando ben tre turnover, che però non vengono sfruttati a dovere dal coaching staff, dall’offense e dallo special team dei Lions, con il field goal sbagliato nell’overtime che avrebbe permesso a Detroit di ottenere la prima vittoria stagionale.

Occasione sprecata per gli Steelers, che con la sconfitta di Ravens e Browns e la bye week dei Bengals avrebbero potuto ottenere una fondamentale vittoria per il titolo della AFC North, una delle division più combattute di tutta la lega; l’assenza di Ben Roethlisberger pesa sul risultato finale, ma la maggior parte delle colpe è da addossare ai turnover di Pittsburgh: l’INT di Rudolph è arrivato con gli Steelers nella metà campo avversaria, ed i due fumble dell’OT sono arrivati entrambi con Pittsburgh in raggio da field goal, con il calcio in mezzo ai pali che avrebbe permesso agli Steelers di ottenere la vittoria.
La difesa degli Steelers concede poco e nulla in situazioni di passaggio, ma subisce troppo il gioco “palla a terra” e concede troppi spazi ai RB dei Lions, liberi di aprire il campo al loro attacco, e con i due TD arrivati da big play su corsa che condannano gli Steelers al pareggio.
Le prossime due partite, che potrebbero vedere Pittsburgh ancora senza Roethlisberger saranno fondamentali per le speranze di post season degli Steelers, con la franchigia della Pennsylvania che andrà in trasferta contro i Bengals, reduci dalla bye week e poi ospiterà i Ravens di Lamar Jackson, in due incontri che potrebbero rilevarsi decisivi per il futuro accesso ai playoff

Luca Belli

Nonostante la giovane età, tifoso "Die Hard" dei Green Bay Packers. Cresciuto nel momento d'oro di Favre e Rodgers. Abituato a vincere poco con la fede calcistica, essendo tifoso della Fiorentina, ha trovato nei Packs la sua svolta. Aspetta con ansia il secondo anello personale. Go Packs Go!

Articoli collegati

Pulsante per tornare all'inizio