Huddle Magazine Power Ranking di week 5

Power Ranking – Week 5

Ritorna il power ranking di Huddle Magazine che settimana dopo settimana metterà in classifica le trentadue squadre NFL. Dopo week 5 i Tampa Bay Buccaneers si confermano al primo posto nel nostro Power Ranking con i Buffalo Bills che entrano sul podio al secondo posto. I Jaguars scendono all’ultimo posto in classifica. I Dallas Cowboys sono la squadra che guadagna più posizioni mentre Seahawks e Raiders quelle che ne perdono di più.

Da dispositivo mobile la lettura in orizzontale è meglio 🙂

Pubblicità
# Squadra +/- MOTIVAZIONI
32 JACKSONVILLE JAGUARS -1 Più in fondo di così non si può andare ma ne siete sicuri? La avventura di Meyer e Lawrence in NFL non è partita bene, se per il secondo esistono tutte le attenuanti del caso, il primo riuscirà ad arrivare a fine stagione? Spoiler: sì, il football non è il calcio (grazie al cielo) e se ci è riuscito Gruden ai Raiders a rubar lo stipendio perché non dovrebbe farcela il guru del college.
31 HOUSTON TEXANS +1 Perché guadagnano una posizione pur perdendo? Perché non si meritano il fondo della classifica dopo la partita di cuore giocata da Mills, un ragazzone che contro i Pats ci prova fino alla fine ma la fortuna non gli arride.
30 DETROIT LIONS -2 Tifare Lions questa stagione, deve assomigliare molto a ricevere un calcio nelle palle. Goff male, ma in quella situazione anche un redivivo Brett Favre, che di scontri con gli ex se ne intende, faticherebbe a tirare avanti la carreta. 0-5 e fare peggio delle due dietro è davvero difficile ma a Detroit si stanno organizzando.
29 NEW YORK JETS = Stabili nella red zone del power ranking, quella dei bocciati, anche a questo giro la Green Gang fa vedere del buono contro i Falcons, una squadre che praticamente chiunque potrebbe battere. Da quel terreno concimato che sono stati i Jets negli ultimi anni è possibile stiano nascendo dei fragili fiorellini, speriamo che attecchiscano.
28 NEW YORK GIANTS -2 Contro i Dallas prendono una scoppola mica da ridere ma hanno l’attenuante degli infortuni: Jones, Toney, Barkley, Golladay, Thomas, solo non si vedono i due liocorni. Judge ha convocato d’urgenza un ritiro a Lourdes magari a qualcosa servirà.
27 ATLANTA FALCONS +3 Atlanta gioca come dovrebbe giocare tutte le settimane, dare per scontata una vittoria, contro i Jets (ma anche contro la rappresentativa femminile del Montana), sarebbe da pazzi dopo quello che han passato. Le statistiche sono anche leggermente peggiori di altre giornate dove i numeri dicevano bene ma il campo rispondeva picche. Ad Atlanta per una settimana ci sarà il sole, finché dura bisogna goderselo.
26 MIAMI DOLPHINS -1 45 sberle sul muso dei delfini, firmato Tom Brady. Brissett è un ottimo mestierante ma nulla più, in Florida manca talento al momento, Waddle non ha inneschi e la difesa non tiene ma potrebbe andare peggio, potrebbero vivere in Michigan.
25 INDIANAPOLIS COLTS -2 Non tanto la sconfitta, quanto lo shock del come averla subita. I Colts non erano certo favoriti, ma perdere così ammazza il morale. Non vorrei essere in loro al primo allenamento dopo la gara.
24 PHILADELPHIA EAGLES +3 Una vittoria sofferta degli Eagles, Hurts è costretto a schivare i colpi e dove non ci arriva il braccio lo fa la gamba ma a farla da padrone è la difesa di Philly capace di arrivare a mettere le mani addosso a Darnold ben 8 otto volte e costringendolo ad una partita orribile.
23 WASHINGTON UNKNOWN -2 Washington balla la samba mentre i Saints li suonano come tamburi, Heinicke un po’ vittima ed un po’ carnefice della partita disastrosa del Football Team ma i la squadra della capitale è più instabile di mia figlia sedicenne alle prese con i brufoli il primo giorno di scuola..
22 NEW ENGLAND PATRIOTS +2 I Patriots si riprendono benino dalla sconfitta contro Tampa pur portandosi dietro gli strascichi, nonostante il record non sia così disastroso la squadra di Boston è alla ricerca di se stessa e di una vera identità. Brady lascia una eredità troppo ingombrante per essere raccolta da una persona sola, se a New England vogliono riprendere a vincere devono trovare un altro totem attorno al quale raccogliersi.ù
21 DENVER BRONCOS -1 Con la seconda sconfitta consecutiva i Broncos tornarno duramente alla realtà, ci pensano gli Steelers a riportarli con i piedi saldamente per terra. Nella West le cose si fanno piccantine perché gli stalloni sono appaiati sul 3-2 con i Raiders, dietro hanno i Chiefs e in vetta spiccano i Chargers. Sembrerebbe esserci troppo talento per i mediocri Broncos ma intanto loro scalciano e lottano.
20 CHICAGO BEARS +2 Seconda vittoria consecutiva per i Bears che iniziano piano piano ad avere una forma leggermente più definita. Il punto forte di Chicago è decisamente la difesa che contiene a meraviglia i Raiders e permette di portare a casa il risultato in tranquillità.
19 CAROLINA PANTHERS -2 Si inceppano di nuovo le Pantere contro gli Eagles, la difesa delle aquile li costringe ad una partita indecorosa in attacco. Darnold vede le stelle e per una sera ha un ritorno ai vecchi tempi dei Jets, praticamente un incubo dal quale spera di uscire il prima possibile per non doverci rientrare mai più.
18 SAN FRANCISCO 49ERS +2 Jimmy G nonostante sia out per infortunio sembra stia per tornare, che riesca a guidare meglio i 49ers di Lance? Difficile, perché le partite non si vincono solo con l’esperienza, così come spesso il talento da solo non basta.
17 MINNESOTA VIKINGS -2 Una piccola tacca sulla cintura di Cousins che equivale alla pelle dei Lions, un trofeo abbastanza mesto se vogliamo dirla tutta. Ogni vittoria avvicina sempre di più i Vikings ad un altro primo giro attornoa lla chiamata 20 che verrà sprecato attorno ad un talento che non verrà mai espresso al pieno del suo potenziale. Non vediamo l’ora.
16 PITTSBURGH STEELERS +2 Gli Steelers tornano alla vittoria dopo un po’ di peripezie, con Big Ben al sicuro e senza dover farlo ballare sulle sue enormi gambone, j tjfksj dj Pittsburgh sorridono. Durerà? Difficile dirlo ma contro Seattle si affronteranno due squadre da 2-3 e sarà senza esclusione di colpi.
15 CINCINNATI BENGALS -1 I Bengals la perdono per un soffio, e la loro stagione si sta giocando al ritmo del respiro affannato di Burrow. Sono davvero ad un respiro dall’essere una squadra temibile, per ora si accontentano di essere ostici, non ringraziano le sorelle di division che vedono un nuovo e tignoso avversario crescere in seno alla AFC North
14 SEATTLE SEAHAWKS -3 Seconda settimana di fila fuori dalla top 10 del nostro power ranking per le pulcinelle di mare, fa strano vederlo ma è così. Affrontare una squadra che macina gioco e yards come i Rams non è facile, la sconfitta è assicurata se poi si perde Wilson e si è costretti a schierare Geno Smith che non fa pasticci apocalittici ma non è nemmeno un fulmine di guerra. Devono solo sperare che Russell torni presto e che la squadra risponda presente al suo appello.
13 LAS VEGAS RAIDERS -3 Uno scivolone dei Raiders che finiscono la nafta nel bel mezzo della loro epica scalata alla vetta, fisiologico diremmo. Dopo il rallentamento di settimana scorsa, la battuta d’arresto subita contro i Bears fa davvero male, ora bisogna cercare di raccogliere i cocci e ripartire, Gruden è esperto di ripartenze dai disastri che ha combinato lui stesso, chissà come reagirà settimana prossima.
12 TENNESSEE TITANS +3 Ok, ve la diamo buona anche se è contro Jacksonville.
11 NEW ORLEANS SAINTS +2 Si riprendono dopo lo scivolone subito contro i Gmen, fortunatamente quella sbandata non li porta nel baratro anche se dopo aver perso contro una squadra di NY verrebbe un po’ a chiunque l’idea di tagliarsi le vene. Washinton è la vittima sacrificale di un Winston in partita, ormai l’abbiamo capito, l’altra sera era in versione Dr. Jekyll forse settimana prossima vedremo Mr. Hyde, le montagne russe per i tifosi dei Saints.
10 KANSAS CITY CHIEFS -2 Una sconfitta che assume i contorni di qualcosa di più di una sconfitta. La stagione è lunga ma altrove corrono di più, forse il momentum per Trichecone è passato, forse no. Sicuramente KC non è la squadra assurdamente scintillante di dodici mesi fa.
9 CLEVELAND BROWNS -2 Nelle vittorie su Bears e Vikings, i Browns hanno recitato due dei copioni difensivi più convincenti di tutta la NFL questa stagione. Domenica si sono rimessi in pari, trasformandosi in una sorta di Valentina Nappi del football. A nulla è servito un attacco sopra la media.
8 DALLAS COWBOYS +4 Alcuni power ranking esaltano i bovari, piazzandoli più in alto. Orsù siamo seri, battere Eagles, Panthers e Giants non è proprio come vincere a Le Mans, Daytona e Montecarlo. Tuttavia il dominio sulla division è piuttosto vistoso, saranno altre gare a stabilire dove iniziano i loro meriti e dove finiscono gli altrui demeriti.
7 LOS ANGELES CHARGERS +2 Battono a basket i Browns e diventano autorevolissimi pretendenti alla corona della AFC West dove i Chiefs stentano ed i Broncos ed i Raiders inciampano. Justin Herbert sembra essersi ambientato nella NFL ed è uno degli uomini in più di una squadra che ha mostrato una difesa più disattenta del solito, compensata da un attacco macina punti.
6 LOS ANGELES RAMS = Rimangono fuori dalla top 5 con qualche dubbio. Sono assolutamente una bella squadra e la vittoria contro i Seahawks (per la verità un po’ in fase calante) ne è la dimostrazione. Stafford e Woods sono pericolosi come due adolescenti lasciati a casa da soli con internet a disposizione.
5 BALTIMORE RAVENS -2 Non va sempre così bene a recuperare 19 punti, fortuna che erano i Colts, in altre occasioni la sportina sarebbe diventata assai più voluminosa, ma finchè hai Lamar Jackson che fa certe cose (record di franchigia per yard passate, per un RB traverstito non è male) può succedere sempre di tutto
4 ARIZONA CARDINALS +1 Forse non si meritavano questo piccolo guadagno ma si meritano di essere lì, in una division assai complicata, dove possono vantare già un 2-0 salutare. Non partivano così forte da cinquant’anni, e a ben vedere manco erano in Arizona, erano ancora in Missouri.
3 GREEN BAY PACKERS -1 Se la cavano, con un certo bucio, come dicono a Roma, dopo una partita in cui i kicker non hanno proprio brillato. Per lo meno, e non si può certo dire il contrario, è una squadra che sa soffrire, e nella sofferenza sa dare il colpo di reni finale
2 BUFFALO BILLS +2 Che dire dei Bills? Battere i Chiefs a Kansas City non è una bazzeccola, impedire a Mahomes di prendere ritmo, esaltare il proprio QB che come Allen pare aver trovato la propria dimensione. Questi Bills sono una squadra da temere, in questo momento
1 TAMPA BAY BUCCANEERS = Mettono la bietta anche ai Dolphins, riuscendo nell’impresa di far passare a Brady le 400 yard in una gara, cosa praticamente impossibile per il medio yardaggio di zio Tom. Se non succedono incidenti, possono già prenotare dalle parti di Inglewood

Power Ranking a cura di Daniel Tabbì e Gianni Cidioli

Redazione

Abbiamo iniziato nel 1999 a scrivere di football americano: NFL, NCAA, campionati italiani, coppe europee, tornei continentali, interviste, foto, disegni e chi più ne ha più ne metta.
Pulsante per tornare all'inizio