NFL Preview 2021: Detroit Lions

Aria di grandi cambiamenti in quel di Detroit, dopo una stagione alquanto deludente finita nel modo peggiore possibile. Una stagione, che sulla carta, doveva essere quella dell’ennesima rivalsa, guidata da Stafford, si è trasformata in un anno con sole cinque vittorie, con i playoff lontani. Tutto questo, però, ha portato aria nuova praticamente in tutti i reparti, compresa la dirigenza e la panchina, cosa che non può far che bene. La off season, dal mio punto di vista, ha visto delle scelte molto interessanti, tra cui la cessione di Stafford ai Rams in cambio di Goff e scelte preziose per i Draft futuri, mossa astuta per chi dovrà, per forza di cose, ricostruire. Detto questo, andiamo a vedere nel dettaglio le unit dei Lions.

OFFENSE

L’attacco sarà sensibilmente diverso, anche solo perché il Quarterback titolare sarà Jared Goff: il ragazzo ex prodotto di California, avrà l’opportunità di rialzarsi, dopo un paio di stagioni di alti e bassi ai Rams, dove McVay, spesso, ha dato dimostrazione di non fidarsi fin troppo del braccio del suo giocatore. La dirigenza dei Lions ha deciso di non mettere nessun tipo di pressione a Jared, né una competizione di alto livello. Al Draft c’è stata l’opportunità di mettere un Quarterback giovane e talentuoso in cascina (Justin Fields), ma si è deciso di puntare ad altro. Scelta condivisibile in quanto Goff ha ancora qualcosa da dimostrare e i Lions avranno altre opportunità per scegliere, eventualmente, il franchise Quarterback del futuro.

Le armi a disposizione dell’ex Quarterback dei Rams non sono, almeno sulla carta, proprio di alto livello. Dopo le partenze di Marvin Jones e di Golladay, la prima opzione offensiva è diventata T.J. Hockenson. Il tight end ex Iowa ha dimostrato tanto nell’ultima stagione ed ha, nelle mani, potenzialmente una stagione davvero promettente. Il ricevitore principale dovrebbe essere Tyrell Williams arrivato in free agency. Dietro di lui tanta competizione: Perriman e Cephus si giocano il ruolo da secondo ricevitore, ma occhio ad Amon-Ra St. Brown, rookie scelto al quarto round che avrà la possibilità di mettersi in mostra, soprattutto nello slot.

Pubblicità

La linea offensiva, sulla carta, sembra consolidata rispetto alla scorsa stagione: il tackle Decker e il centro Ragnow sono i veterani che daranno la giusta esperienza al reparto. Il vero upgrade arriva da Penei Sewell tackle rookie da Oregon, caduto in mano ai Lions. Il ragazzo ha il talento e l’età per poter diventare un tackle in grado di dominare anche in NFL e proteggere il QB dei Lions negli anni a venire.

Il reparto running back vede il ritorno di D’Andre Swift che avrà via libera per essere il corridore numero uno della sua squadra e potrà aiutare tantissimo Goff anche fuori dal backfield. L’ex Georgia ha il talento per poter fare un’ottima stagione, specialmente dietro una linea ben arricchita in off season. Dietro di lui, la competizione sarà aperta tra Jamaal Williams, arrivato dai Packers in free agency e Jermar Jefferson, rookie preso al settimo giro da Oregon State. Il neo-offensive coach Anthony Lynn, arrivato da un’esperienza non proprio brillante con i Chargers, porta sicuramente esperienza, ma sarà da valutare nel lungo periodo. Credo che si punterà tantissimo sulle corse, cercando anche di aiutare, nel miglior modo possibile, Goff.

DEFENSE

La difesa, lo scorso anno, è stata disastrosa, sia sulla linea difensiva, sia nelle secondarie, dove è stata spesso porosa e insufficiente. La linea difensiva è stata del tutto trasformata: ottimo il rinnovo di Okwara che era stato, nettamente, il più brillante della scorsa stagione. Dai Rams arriva Michael Brockers che darà esperienza e solidità a tutto il reparto. Dal loto opposto di Okwara ci sarà ancora una volta Flowers. A dare legna nei defensive tackle sono arrivati due rookie al Draft: Levi Onwuzurike porta un primo passo ottimo e un potenziale da rushatore interno davvero interessante. Alim McNeil, invece, sarà un nose tackle che potrà dare del suo contro le corse. Ottimo lavoro, a mio avviso, fatto in questo reparto. I linebacker ripartono da Jamie Collins che dovrà portarsi sulle spalle tutti i suoi colleghi che non sono certo di ottimo livello. L’ex Patriots ha le carte in regola per poterlo fare, ma abbiamo già visto come possa calare di rendimento.

Le secondarie sono un’incognita: ci si aspetta un grande anno dalla scelta al primo giro dello scorso anno Jeff Okudah. Il prodotto da Ohio State ha avuto una stagione da rookie davvero travagliata, ma ha il talento per poter fare bene anche in NFL, cosa su cui i Lions puntano tantissimo. Dall’altro lato il caos: Dunbar, arrivato da Seattle, ha, sulla carta, le possibilità maggiori, ma occhio ad Amani Oruwariye. Il rookie scelto al terzo giro Ifeatu Melifonwu forse è troppo grezzo per partire titolare fin dà subito, ma potrebbe scalare le posizioni a stagione già inoltrata. Le safety non hanno un giocatore dominante e di livello: Tracy Walker e Will Harris partono da titolari, ma non danno poi tante garanzie.

COACHING STAFF

Qui cambia tutto: via Matt Patricia dentro Dan Campbell. Il nuovo head coach ha un’ampia esperienza da assistente, specialmente ai Saints, dove è stato a lungo assistente head coach e coach dei tight end. Da New Orleans arriva anche Aaron Glenn, il nuovo defensive coordinator portato proprio da Campbell. Su di lui non so cosa aspettarmi sinceramente, ma ha una buona linea difensiva su cui lavorare per agevolare il lavoro delle secondarie. Il neo-offensive coordinator sarà, come ho già scritto, Anthony Lynn. Su di lui tanti dubbi, ma è sicuramente, l’uomo con più esperienza nello staff.

Record previsto: 4-13

[review]

I nostri voti

Offense - 6
Defense - 5
Coaching Staff - 5

5.3

I Lions si ritrovano davanti una stagione davvero difficile, un po’ per i cambi fatti al timone, un po’ per un calendario davvero proibitivo per il livello del roster attuale. Credo che la priorità della dirigenza sia quella di far giocare il più possibile i giovani e tentare di mettere talento in squadra con i Draft dei prossimi anni.

Emiliano Guadagnoli

Sono un grande appassionato di football Nfl, seguo questo fantastico sport dal 2012. Sedotto e abbandonato da Kaepernick, tifo i San Francisco 49ers. Scrivo anche sui prospetti con la rubrica "La strada verso il Draft"

Articoli collegati

Pulsante per tornare all'inizio