NCAA Bowl Preview 2020: Armed Forces Bowl

Pure in questa stagione travagliata ci sono molti Bowl NCAA in programma che ci terranno compagnia fino alla finale nazionale dell’11 gennaio e cercheremo di presentarvene il più possibile. Vi presentiamo l’Armed Forces Bowl tra Tulsa e Mississippi State

INFO

Data: 31 Dicembre
Luogo: Forth Worth, Texas
Stadio: Amon G. Carter Stadium
Dal: 2003
Conference Coinvolte: American, C-USA, BigTen, BigXII e Mountain West, inoltre può essere, ovviamente, invitata l’indipendente Army.

STORIA

Il Bowl è nato nel 2003, grazie all’intenzione di ESPN di ampliare la propria offerta di partite di post season da trasmettere. Per conferire una certa solennità al neonato bowl, gli fu affibbiato il nome con il quale tutt’ora è conosciuto, e fu organizzato in compartecipazione con le forze armate stesse, che aderirono all’iniziativa. Effettivamente, un bowl che facesse diretto riferimento a loro non era ancora stato creato…
Il fatto che tra le conference da cui pescare vi siano la AAC e la MW, e che inoltre possa essere invitata Army, fa sì che ci sia sempre la possibilità che a partecipare sia une delle tre scuole delle forze armate: la marina (Navy, appartenente alla AAC), l’aviazione (Air Force, appartenente alla MW) o l’esercito (Army, indipendente). Ciò, chiaramente, nel caso esse siano eleggibili e non ancora invitate ad un altro bowl.
Nelle stagioni 2011 e 2012 la partita fu ospitata al Gerald J. Ford Stadium di Dallas, nel campus di Southern Methodist University, in quanto l’Amon G. Carter Stadium (stadio dei TCU Horned Frogs) era in ristrutturazione.

Pubblicità

23 Dicembre 2017 > Army vs San Diego State 42-35 / 35’986 spettatori
22 Dicembre 2018 > Army vs Houston 70-14 / 44’738 spettatori
04 Gennaio 2020 > Tuland vs Southern Miss 30-13 / 38’513 spettatori

CURIOSITÀ

Durante il match vengono suonate le marce patriottiche riconducibili ai cinque rami delle forze armate statunitensi – che, oltre ad Army, Navy ed Air Force, comprendono il Marine Corps e la Coast Guard. Inoltre, durante il match si tengono solitamente alcuni eventi, tra i quali il più scenografico è indubbiamente l’esibizione della flotta area acrobatica (di solito nella pausa lunga), anche se i più calorosamente seguiti dal pubblico autoctono sono le varie cerimonie di passaggio di grado, che culminano con l’assegnazione del “Great American Patriot Award” (GAPA), un premio assegnato ad un singolo o ad un gruppo in riconoscenza del suo/loro servizio reso nei confronti degli States. Una cosa difficile da comprendere se non si conosce il legame che negli USA sussiste tra cittadini e forze armate.

Le partite degne di un ricordo, nella storia di questo Bowl, sono probabilmente la prima e l’ultima che sono state giocate. La prima si giocò nel 2003 tra TCU Horned Frogs (di fatto padroni di casa) e Boise State Broncos, due squadre che arrivavano rispettivamente con i record di 11-1 e 12-1. Questa fu anche l’unica volta che ad affrontarsi furono due squadre facenti parte del ranking nazionale, rispettivamente alla #19 e alla #18. La gara, dopo un pirotecnico primo tempo chiuso 24 pari, si concluse con la vittoria dei Broncos, che segnarono il touchdown del 34-31 finale a pochi minuti dal termine, grazie al lancio di Ryan Dinwiddie per Derek Schouman.

L’ultima delle partite fin qui giocate fu tutt’altro che coinvolgente, ma a suo modo è di diritto entrata nella storia di questo Bowl. A giocarsela furono gli Houston Cougars e gli Army Black Knights, davanti ad un pubblico record di 44’738 persone. La gara si chiuse 14-70(!) per i Black Knights, che, con il loro attacco triple option (507 delle 592 yard totali guadagnate dall’attacco di Army sono arrivate tramite le corse), demolirono fin da subito l’allegra difesa dei Cougars. La partita è entrata anche nella storia dei bowl FBS pareggiando due record: quello per margine di vittoria più ampio (assieme al 63-7 di Tulsa-Bowling Green del GMAC Bowl 2008) e quello per maggior numero di punti segnati (assieme al 70-33 di West Virginia-Clemson dell’Orange Bowl 2012).

Edizione 2020

L’Armed Forces sarà uno dei pochi Bowl a mettere a confronto una squadra delle group of five, Tulsa, e una delle Power5, Miss State. I Golden Hurricane sono una delle formazioni più divertenti d’America e a sorpresa hanno raggiunto il Championsip della AAC perso con un calcio allo scadere contro la ben più quotata Cincinnati. Mike Leach, al suo primo anno alla guida dei Bulldogs, dopo un inizio incoraggiante ha incontrato parecchie difficoltà chiudendo la stagione con un deludente 3-7. L’attacco di Leach ha finito la stagione in crescendo e potrebbe essere la chiave per la vittoria con Tulane priva del LB Zaven Collins che ha deciso di azzerare i rischi e preparasi al Draft NFL. Il match si prospetta combattuto, divertente e Tulsa potrebbe anche rimanere in partita per larghi tratti ma il maggior talento dei Bulldogs dovrebbe portare Mike Leach a vincere in il secondo degli ultimi cinque Bowl giocati!

Il nostro nuovo libro (cartaceo e ebook)

storie di huddle ads

Andrea Ghezzi

Padre di Mattia e Lorenzo, Marito di Silvia, Fratello di Zoe (Franci ti voglio bene). Scrivo (poco) e parlo (tantissimo) di Football, anche italiano. Direttore di The Cutting Edge credo solo a tre cose: #mattanza #badaun e #bomboloni.

Articoli collegati

Pulsante per tornare all'inizio