Autore

Gabriele Balzarotti

Appassionato di USA e sport americani fin dall'adolescenza, le leggendarie imprese di Ray Lewis hanno reso la mia anima black and purple. Ideatore e co-realizzatore della "Strada verso il Draft", fucina di schede sui giovani talenti che arrivano in NFL.

Articoli correlati

3 Comments

  1. 1

    Sandro

    A me il draft dei Pats è sembrato normale, nel senso che è il loro solito draft che non emoziona pieno di trade down, ma che poi alla fine gli darà come sempre ragione. A me comunque sembra strano non abbiano preso uno dei QB di seconda fascia e abbiano spettato fino all’ultimo per prenderselo (non gli può andar sempre bene di trovare un Brady a fine draft).

    Per Baltimore: secondo me è una di quelle squadre che drafta sempre bene, però a me non convince tanto che prendi Lamar Jackson con la seconda pick e gli preferisci un TE di 25 anni (e da quel che si diceva avrebbero potuto perderlo), insomma, se ci credevano davvero così tanto lo dovevano prendere con la prima pick.

    Sul resto sono d’accordo, soprattutto sul draft dei Bears che stanno mettendo su davvero una buona squadra (Trubisky permettendo).

    Reply
    1. 1.1

      Gabriele

      Ciao Sandro, ti rispondo su Baltimore. Il TE era il need primario della squadra, tutto il modus operandi del primo giro è stato volto a scegliere Hurst alla 25. I due trade down sono serviti proprio a scegliere Hurst dove volevano. Con Jackson si è creata un’opportunità. Lo ha dichiarato Eric DeCosta (assistente GM e futuro GM dei Ravens): quando Jaguars e Patriots hanno bypassato Lamar, i Ravens hanno preso il telefono e chiamato Phila per valutare la possibilità di uno scambio, gli Eagles hanno accettato e voilà il futuro quarterback nero-viola.

      Reply
  2. 2

    Sandro

    Ciao Grabriele e grazie 10^3 per le precisazioni 🙂
    Mi auguro possa diventare un grande QB, sarebbe davvero più divertente un football con lui in cabina di regia, devo dire però che io qualche dubbio ancora ce l’ho.
    Grazie ancora e tantissimi complimenti per gli articoli e il podcast.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Huddle Magazine è pubblicato con una licenza