Preview NCAA 2016: West Virginia Mountaineers

Quest’anno oltre ai preview NFL vi proponiamo anche quelli NCAA. Abbiamo preso in considerazione le Università di cinque Conference (ACC, BIG10, BIG12, SEC e PAC12) e come modello i preview di SBNation e Athlon. Quando disponibili potrete scaricare le Media Guide ufficiali delle Università prese in esame.

La scheda

Football Study Hall Ranking: 33 / Head Coach: Dana Holgorsen (6° anno, 36-28) / Record 2015: 8-5

Match da non perdere

TCU (22/10), Oklahoma State (29/10), Oklahoma (19/11), Baylor (3/12)

Punti di forza

L’attacco dei Mountaineers quest’anno, si presenta come uno dei più solidi di tutta la BIG XII. West Virginia infatti non ha perso giocatori chiave nella offense e con 4 giocatori che tornano nella O-line su 5, con il QB Skyler Howard che ha chiuso la stagione con il botto e con un reparto ricevitori da paura, le difese avversarie sono avvisate.

Pubblicità

Punti deboli

Al contrario dell’attacco, la difesa ha perso gran parte dei migliori giocatori dello scorso anno e gran parte delle ambizioni di West Virginia dipenderanno proprio dalle prestazioni della Defense. Solo la secondaria sembra avere qualcosa in più rispetto al front seven; ecco perché migliorare la media di 23 punti subiti a partita del 2015 non sarà impresa facile.

L’attacco

Le 532 yard e i 5 td del Cactus Bowl contro Arizona State, sono state per Skyler Howard la ciliegina sulla torta di una stagione più che buona. Con un anno in più di esperienza e con un reparto ricevitori formato da Daikiel Shorts e sopratutto da Shelton Gibson, il #3 potrebbe incrementare ancora di più la sua produzione e portare i Mountaineers ancora più in alto.

skyler howard west virginia

Anche la linea offensiva è collaudata grazie al ritorno di 4 starter su 5, mentre il running game è affidato alle prestazioni di Rushel Shell, che prende il posto di Smallwood, e da Kennedy McKoy che ha brillato nello spring game.

La difesa

I problemi principali di West Virginia e di Holgorsen arrivano proprio dalla difesa. Sono addirittura 8 gli starter che sono partiti quest’anno, lasciando WV nella disperazione più totale. Holgorsen, intervistato più volte durante e dopo lo spring game, ha assicurato che secondo lui la difesa è uguale a quella del 2015.

Più che una dichiarazione lucida e obiettiva però, sembra più un tentativo di infondere nei giocatori quella fiducia che forse neanche il coach sembra avere. Solo il ritorno di Noble Nwachukwu e di Christian rappresentano la luce di un tunnel molto profondo.

I prospetti

Anche i Mountaineers nel draft 2016 hanno piazzato 5 giocatori nei round disponibili. A differenza di TCU però West Virginia, secondo come andrà questa stagione, potrebbe piazzarne molti di più perché i giocatori in uscita quest’anno sono tanti e soprattutto di talento. Tra i vari nomi quello del QB Howard, il WR Gibson o il DE Nwachukwu; quello che però secondo noi verra scelto prima degli altri è il centro Tyler Orlosky.

Sfortunatamente, i team NFL raramente spendono un primo giro per un ruolo come quello del centro ma per Orlosky qualche scout potrebbe fare il colpaccio. Definito da molti come il miglior centro puro della BIG XII, Orlosky è molto efficace sia in pass protection che in run blocking. Dalla sua parte concede pochissimo ai difensori avversari grazie ad un uso della parte alta del corpo molto efficace. Dovesse aggiungere qualche chilo in più sarebbe perfetto per il grande salto tra i pro.

Media Guide

pdf[ad id=”29269″]

Pubblicità

Francesco Fele

Ho 29 anni e sono appassionato di sport Usa da 5 anni, seguo sopratutto il football (tifosissimo delle cheesehead) e l'NBA.

Articoli collegati

Pulsante per tornare all'inizio