[NCAA] Bowl review – 1° parte

Washington vs Southern Mississippi 44-31

Altro Bowl, altra partita divertente quella andata in onda per il Zaxby’s Heart Of Dallas Bowl tra Washington e Southern Mississippi. Gli Huskies hanno dominato il campo con 580 yard totali di cui 296 sul running game che è stato la chiave della partita. Grande protagonista infatti è stato Myles Gaskin che ha corso per 181 yard andando a segno per ben 4 volte mentre per le Golden Eagles non è bastato un Nick Mullens da 331 yard e due TD pass.
La partita è stata combattuta per tre quarti di gara con le due squadre a rincorrersi a vicenda fino a due minuti dalla fine del terzo quarto; Guskin infatti tira fuori dal cilindro il big play di giornata con una corsa in TD da 86 yard che di fatto spacca la partita. Southern Mississippi non riesce più a replicare ed anzi unisce ancora prima con un fg di Winkler, poi con il 4 sigillo personale di Guskin ed infine con il fg finale del solito Winkle.

Indiana vs Duke 41-44

Pinstripe Bowl bellissimo quello che ha contrapposto Hoosiers e Blue Devils andato in onda nello Yankee Stadium di New York. Dopo una partita tiratissima, divertente e finita all’overtime, è Duke ad alzare il trofeo nel cielo plumbeo della grande mela. Per Indiana che ha chiuso con un record di 6-6, è stata una stagione tutto sommato buona e che ha visto gli Hoosiers addirittura nel ranking nella prima parte di stagione. Tuttavia la durezza della division ha messo in mostra i limiti e i difetti della squadra ma con un finale in crescendo Indiana è riuscita a conquistare la post season.
La sfida è un susseguirsi di cambi al vertice, con tanti capovolgimenti di fronte e big plays e la naturale conseguenza non può che essere l’overtime; Duke riesce a mettere tra i pali il fg del più tre con Martin e la parola passa dunque agli Hoosiers. Il fg del pareggio di Oakes però non è buono e Duke può festeggiare il suo primo Bowl dal 1961.

Pubblicità

Tulsa vs Virginia Tech 52-55

Per Frank Beamer, autentica istituzione in quel di Virginia, non ci poteva essere migliore finale per il suo addio alla panchina degli Hokies. Dopo 18 anni alla guida di Virginia Tech infatti il coach ha deciso di lasciare e lo fa essendo l’allenatore più vincente della FBS con 280 vittorie. Quindi non ci poteva essere regalo migliore dai suoi ragazzi a cui ha dato, e che gli hanno dato tanto durante tutti questi anni, se non una vittoria pazza contro Tulsa.
Indipendence Bowl che gli Hokies hanno vinto grazie ad un primo tempo in cui sono riusciti a segnare ben 45 punti e dove in qualche modo sono riusciti a tenere a freno l’attacco di Tulsa guidato da Dave Evans. Le oltre 1100 yard ammassate dai due attacchi ci fanno capire a che tipo di partita abbiamo assistito con Tulsa che dopo essere stata anche di 21 punti ha avuto la forza di tornare in partita.
Tuttavia nell’ultimo drive in cui Evans non è riuscito a superare neanche la sua metà campo e finito con un sack nei suoi confronti, è stata la dimostrazione di quanti i giocatori di Virginia Tech si volessero congedare da un futuro HOF NCAA nel migliore dei modi.

UCLA vs Nebraska 29-37

Sfida tra due deluse, chi per un motivo chi per un altro, da questa stagione nel Foster Farms Bowl tra i Bruins ed i Cornhuskers. UCLA che si aspettava sicuramente qualcosa in più da questa annata ma che ha di che consolarsi potendosi permettere un Josh Rosen che è destinato ad essere uno dei migliori QB della nazione mentre Nebraska è arrivata a questa sfida con un record negativo ma ha potuto giocare piche è stata una delle tre invitate alla post season. Sicuramente nessuno si aspettava un epilogo del genere viste le stagione delle due squadre ma il football, si sa, non si gioca sulla carta e così Nebraska ha saputo sovvertire il pronostico.
Dopo un primo tempo equilibratissimo e molto piacevole, gli attacchi delle due squadre hanno faticato non poco a trovare punti e le statistiche dei due QB, così come quelle sul running game, hanno infatti subito un brusco calo. Al rientro dagli spogliatoi sono però i Cornhuskers a prendere il largo con un TD di Morgan ed un fg di Brown prima che ad inizio dell’ultimo quarto diano la mazzata finale con il TD di Armstrong. UCLA accorcia subito con un TD di Payton ma un fg sbagliato e l’intercetto finale di Rosen consegna partita e Bowl a Nebraska.

Pittsburgh vs Navy 28-44

Partita di addio anche per Keenan Reynolds che nel Military Bowl contro i Panthers chiude la sua carriera con 88 TD personali record ogni tempo per la FBS. Navy chiude così una grandissima stagione, che in pochi avrebbero pronosticato, con un record di 10-2 che gli è valso il 21 posto finale nel ranking.
La triple option mostrata dai Midshipmen si è rivelata indigesta anche per un guru difensivo come Pat Narduzzi ma riuscire a fermare Reynolds quest’anno sarebbe stata dura per tutti contando il fatto che il senior oltre a correre ha lanciato benissimo completando 9-17 passaggi e un TD.
La partita inizia subito col botto con Pitt che passa in vantaggio subito con il kick off return di Henderson ma Navy non si scompone e pareggia subito con il primo TD personale di Reynolds. L’ago della bilancia a questo punto pende solo dalla parte di Navy che tra secondo e terzo quarto, grazie anche ad una grande difesa, si porta sul 31 a 7. I Panthers provano a svegliarsi e riescono a recuperare fino al meno dieci ma Gulley prima e Reynolds, per l’ultima volta, mettono la parola fine alla sfida.

Central Michigan vs Minnesota 14-21

Anche il Quick Lane Bowl tra Central Michigan e Minnesota si risolve nell’ultimo quarto dopo una partita molto equilibrata e non proprio spumeggiante. I Golden Gophers, che hanno chiuso quest’anno di transizione con un record di 5-7, ha vinto meritatamente grazie ad una solida prestazione di Mitch Leidner autore di entrambi i TD uno su passaggio uno su una corsa personale.
I Chippewas sono rimasti in partita sempre anche se raramente hanno dato l’impressione di poterla vincere o almeno di avere voglia di vincerla e si sono fatti superare da Minnesota proprio nelle battute finali quando Leidner ha portato personalmente l’ovale oltre la linea di meta. I due drive finali non sono bastati a Central Michigan per recuperare e così i Golden Gophers, così come Nebraska e San Jose State, riescono nell’impresa di vincere il Bowl avendo avuto un record negativo.

Pubblicità
Pagina precedente 1 2 3

Francesco Fele

Ho 29 anni e sono appassionato di sport Usa da 5 anni, seguo sopratutto il football (tifosissimo delle cheesehead) e l'NBA.

Articoli collegati

Pulsante per tornare all'inizio