Il Rookie Watch di week 6 NFL

Primo giro di boa della NFL, che supera il primo terzo di stagione lasciandosi alle spalle gli International Games di Londra, e che dopo sei partite non vede più squadre imbattute, vista la caduta di 49ers e Eagles; come non si ferma la NFL non si ferma nemmeno il nostro Rookie Watch, la rubrica di Huddle Magazine che ogni settimana analizzerà la crescita e le prestazioni di tre giovani al primo anno fra i professionisti.
Questa settimana prevalenza difensiva, con Julius Brents degli Indianapolis Colts e Byron Young dei Los Angeles Rams, che vengono accompagnati in questa sesta puntata di RW da Zay Flowers, WR di Baltimore che in quel di Tottenham Stadium segna il primo TD della sua carriera NFL.

Julius Brents, Indianapolis Colts
7 tackle – 1 INT – 2 pass deflected

Non la migliore domenica per i tifosi degli Indianapolis Colts che, dopo l’infortunio subito da Richardson in week 5, dovranno probabilmente prepararsi ad un’altra stagione di sofferenza, in attesa del ritorno del rookie QB, con la sconfitta contro i Jags che è valsa al team di Trevor Lawrence la vetta in solitaria nella AFC South. Nella sconfitta però, i Colts potrebbero aver trovato un diamante grezzo su cui lavorare, e che potrebbe regalare soddisfazioni ai tifosi di Indy; parliamo del rookie Julius Brents, 2nd round draft pick dei Colts, che ha giocato contro Jax la sua miglior partita fra i professionisti.
Il CB ex Kansas State ha chiuso la sua partita con 7 tackle totali, 2 pass deflettati e soprattutto il suo primo INT in carriera in NFL; Brents ha sulle spalle anche la marcatura di Kirk in occasione del TD seganto dal WR dei Jaguars, ma per il resto della partita Brents ha giocato ottimamente, ed è anche merito suo, e dei suoi compagni, se nessun ricevitori di JAX ha chiuso con più di 50 yard ricevute.

Byron Young, Los Angeles Rams
6 tackle – 1 sack – 1 fumble forced

Quella di Byron Young è una delle storie più belle dell’ultimo draft NFL; il giovane LB dei Rams infatti non aveva impressionato in High School, finendo per scegliere di andare a lavorare piuttosto che al college. Grazie ad un volantino si è poi iscritto al Georgia Military College dove, dopo un tryout, è entrato nella squadra di football; dopo un solo anno giocato a GM, ha attirato su di sè tutte le attenzioni dei college di D1, finendo per scegliere Tennessee per completare il suo percorso al college.
Nel corso dell’ultimo draft NFL è stato poi chiamato da LAR, con la pick n°77, e dopo sei giornate in NFL, guida la classifica dei rookies per pressuresQB Hits; contro i Cardinals, Young ha giocato probabilmente la sua miglior partita in NFL, chiudendo con 6 tackle totali, un sack e soprattutto il forced fumble che ha spento definitivamente le speranze di ARI di una possibile rimonta, con i Cardinals che erano sotto di due possessi, e avrebbero potuto riaprire la partita nel 4° quarto.

Zay Flowers
6 rec – 50 yard – 1 TD

Sei partite ed un viaggio oltreoceano; tanto è servito all’esplosivo WR rookie dei Ravens Zay Flowers per segnare il primo TD in NFL. I Ravens hanno chiuso la prima parte delle International Series della NFL con la vittoria sul campo degli Spurs a Londra sui Titans; fra i responsabili della vittoria c’è anche il WR ex Boston College, che sta piano piano “cementando” la sua connessione con Lamar Jackson, e che domenica oltre al primo TD in carriera fra i professionisti, ha chiuso con 6 ricezioni totali per 50 yard, candidandosi a “valvola di sfogo” per il proprio QB in situazioni sfavorevoli. I Ravens pur vincendo non stanno convincendo, soprattutto in attacco, e la definitiva esplosione di Zay Flowers potrebbe essere la soluzione che Harbaugh ed il suo coaching staff stanno cercando da inizio stagione.

Merchandising Merchandising

Luca Belli

Nonostante la giovane età, tifoso "Die Hard" dei Green Bay Packers. Cresciuto nel momento d'oro di Favre e Rodgers. Abituato a vincere poco con la fede calcistica, essendo tifoso della Fiorentina, ha trovato nei Packs la sua svolta. Aspetta con ansia il secondo anello personale. Go Packs Go!

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Huddle Magazine si sostiene con gli annunci pubblicitari visualizzati sul sito. Disabilita Ad Block (o suo equivalente) per aiutarci :-)

Ovviamente non sei obbligato a farlo, chiudi pure questo messaggio e continua la lettura.