Quando Henry incontra Kelley (Tennessee Titans vs Los Angeles Chargers 14-17)

I due running back, a segno nelle prime marcature delle loro squadre, si sono rivelati delle armi efficaci in una partita che si preannunciava equilibrata, e che a tutti gli effetti lo è stata, anche se in un modo meno spettacolare di quanto si pensasse, perlomeno nel punteggio, ma che ha regalato un ultimo quarto mozzafiato. Le difese dominano una partita costellata di errori e intercetti, di cui uno particolarmente singolare, ma allo stesso tempo memorabile. Oltre a Joshua Kelley, per quanto riguarda i Chargers, è doveroso parlare anche di Austin Ekeler; il running back col trenta sulla schiena ha infatti dato a Los Angeles il secondo vantaggio della partita (14-7), all’inizio dell’ultimo quarto, portando l’ovale in end zone, a completamento di un drive offensivo che lo aveva visto grande protagonista. Terminerà la sua partita con cinquantotto yards guadagnate, realizzate in dodici corse totali.

Meglio di loro fa Derrick Henry che, nonostante la quarta sconfitta consecutiva dei suoi Titans, striscia negativa facilitata anche dai due fumble realizzati proprio dal 22 in maglia Tennessee nella partita contro i Jacksonville Jaguars della week 14 , si conferma quasi sempre il migliore dei suoi. Centoquattro rushing yards, quattro ricezioni, cinquantanove receiving yards, un touchdown e la spinta decisiva per aiutare il suo quarterback ad andare in meta. I sei punti di Ryan Tannehill, sette con la successiva trasformazione di Randy Bullock, portano, a soli 48 secondi dal termine della gara, il punteggio sul 14 pari.

In una settimana in cui per la prima volta tre diverse squadre hanno rimontato da uno svantaggio di diciassette o più punti, compreso il più grande comeback nella storia della NFL per gentile concessione dei Vikings, e in cui vi è stata una delle ending più clamorose in un campo della massima serie di football americano, Chargers-Titans si dimostra partita all’altezza grazie all’ultimo drive di Justin Herbert che, ancora una volta, è il più bravo di tutti.

https://twitter.com/PFF/status/1604914467187445760?s=20&t=2FT8gb3z4rACj-OzRUI0iA

Il ventiquattrenne uscito dall’Università dell’Oregon stava conducendo una partita solida, che terminerà con ventotto passaggi completati su quarantadue tentativi e trecento tredici passing yard, macchiata però da due intercetti e zero touchdown assistiti. Il primo intercetto avviene a pochi secondi dalla fine del secondo quarto di gioco. Herbert lancia in end zone dalla linea delle 25 yard, la palla risulta fuori misura per il bersaglio desiderato ma non per Roger McCreary. Il cornerback di Tennessee prende la palla e mentre sta, inevitabilmente, atterrando oltre il campo di gioco riesce a passare la football, mentre è ancora in aria, al compagno di reparto che riesce ad appoggiare entrambe le punte a terra e completare l’intercetto. Velocità di pensiero e reazione che impediscono ai Chargers di aggiungere punti al loro score, in un momento delicato del match.

Pubblicità

Dopo il touchdown segnato dai Titans, Los Angeles ha a disposizione 48 secondi per evitare l’overtime e portare a casa la vittoria. Il drive inizia dalle 25 yard e con zero timeout rimanenti per entrambe le squadre. Herbert completa il primo passaggio per Mike Williams che conquista il primo down ed esce dal campo per fermare il cronometro. Nel play successivo l’attacco guadagna appena 4 yard e con trenta secondi rimasti e tutto il campo da risalire le speranze sono poche. Nello snap successivo, però, Herbert scappa dalla tasca e va verso la sua destra; quando si trova nei pressi della linea laterale, sulle sue 40, lascia partire un lancio, indirizzato ancora verso Mike Williams, che arriva tra le braccia del wide receiver numero 81 sulla linea delle 20 yard avversarie. Un guadagno di quaranta yard che porta Los Angeles in field goal range. Spike per fermare il tempo, special team in campo e Dicker, con sei secondi rimanenti, materializza le speranze dei Chargers mandando a bersaglio un calcio di 43 yard.

Nonostante il periodo nero, i Titans sono ancora al comando della loro division, a una vittoria di vantaggio dagli agguerriti Jacksonville Jaguars, e si trovano ancora presenti nella playoff picture aggiornata. Coach Vrabel dovrà chiedere ai suoi una reazione d’orgoglio per uscire dalla crisi e arrivare alla post-season con più sicurezza e animi più rilassati.

Periodo di forma e discorso decisamente diverso per i Chargers che, con tre vittorie nelle ultime quattro partite, acquisiscono forza e consapevolezza. Sarà di capitale importanza non fare passi falsi negli ultimi incontri di regular season, in cui affronteranno, per fortuna loro, squadre altamente alla loro portata.

Tiberio Favaretto

Entrato, di domenica, in un pub nel West End di Boston per un pranzo veloce, scopre di essere nel locale in cui si trovano i tifosi Bills a guardare la partita, si unisce ai canti e si fa trasportare dall'atmosfera unica e coinvolgente. Ne è tifoso da allora. #LetsGoBuffalo!

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio