[NCAA] La strada verso il Draft: Gli Sleeper

Troy Nicklas – TE – Notre Dame – Round: 3°/4°Troy Nicklas
Probabilmente se fosse uscito il prossimo anno sarebbe stato il miglior TE del lotto. Atleticamente è un freak data la sua stazza fisica, 6’7 per 270 libre. Ottimo bloccatore e discreto ricevitore, in NCAA ha fatto vedere cose notevoli grazie al suo fisico, diventando immarcabile in certi casi. Dovrà lavorare molto sul percorrere le traccie, creare separazione dal CB, la fase di ricezione. Nicklas ha comunque dei margini di crescita notevoli, che abbinati al suo fisico potrebbe diventare un giocatore eccezionale. Chi ha tempo e voglia di aspettarlo, potrebbe ritrovarsi in mano un fenomeno.

Adrian Hubbard – OLB – Alabama – Round: 3°/4°Adrian Hubbard
Il Mammuth da Alabama ha deciso di presentarsi al Draft nonostante la pessima stagione 2013. Giocatore completo che però non eccelle in nulla. Giocatore molto veloce che gli permette di battere il tackle in diversi modi. Buon difensore contro le corse, chiude bene gli spazi e si libera bene dai blocchi portati. Non disdegna neppure droppare in copertura in qualche snap. Manca di esplosività e agilità, dovrà lavorare per migliorare le sue dot fisiche ma soprattutto la tecnica in pass rush, alla lunga rischia di diventare troppo prevedibile. L’upside è notevole e qualche squadra con tante pick potrebbe pensare a lui per poterlo sviluppare dietro ad un veterano.

Andre Williams – RB – Boston College – Round: 4°/5°Andre Williams
Williams è il classic RB che se inserito nel contesto giusto potrebbe fare faville. RB potente, bravissimo a correre in mezzo alla linea e soprattutto a guadagnare yard anche dopo il contatto con gli avversari. Veloce e rapido nel sfruttare qualsiasi buco. Il problema è che un giocatore che è nullo in ricezione ed in pass protection. Come Running Back di complemento, magari usato soprattutto in package di potenza potrebbe costruirsi una buona carriera.

Pubblicità

Ross Cockrell – CB – Duke – Round: 4°/5°Ross Cockrell
Cockrell ha avuto una stagione ottima a Duke, culminata con un ottimo Senior Bowl e Combine. Fisicamente buono, 6 piedi per 195 pound, eccelle nella copertura ad uomo (chiedere a Mike Evans), difende in maniera molto aggressiva, buone ball skills e buon placcatore. Dovrà sicuramente lavorare nella difesa sulle corse e il fatto che non sia velocissimo potrebbe penalizzarlo in NFL. Non un gran difensore a zona e a volte tende a guardare maggiormente la palla che l’avversario, permettendo la ricezione. Potrebbe costruirsi una carriera nello slot o addirittura come CB #2 dato che il talento ci sarebbe.

James Hurst – OT – UNC – Round: 4°/5°James Hurst
Hurst avrebbe un grandissimo talento, anche da 1° round, ma il fatto che all’ultimo bowl game si sia rotto una gamba lo ha fatto precipitare nelle quotazioni. Ottimo sia in pass protection che contro le corse. Upside notevole dato che tecnicamente deve affinarsi. L’unica pecca grave è il grave infortunio. Se torna sano potrebbe essere un gran giocatore.

Jared Abbrederis – WR – Wisconsin – Round: 4°/5°Jared Abbrederis
Vedere un WR di livello uscire da Wisconsin è quasi una rarità. Preso così in basso potrebbe essere un notevole steal. Ricevitore tecnicamente dotato, riesce a creare separazione dai DB grazie ad una buona percorrenza delle traccie, ha mani affidabili e ha ottime skills in ricezione. Soffre tantissimo la press coverage, atleticamente non è eccezionale, non è velocissimo e manca di massa muscolare. Se il suo processo di crescità continuerà, Abbrederis potrebbe essere un affidabile WR numero 2.

Michael Campanaro – WR – Boston College – Round: 7°/FAMichael Campanaro
Il piccolo ricevitore potrebbe essere un perla nascosta di questo draft se verrà preso così in basso. WR che sembra fatto e finito per giocare nello slot, con buone abilità come ricevitore di possesso e dotato di ottima velocità. Potrebbe pure essere un’arma come ritornatore.

—-

Tutte le schede pubblicate

Siti partner di “La strada verso il Draft”:
Ballin, Packers Italian Blog, EPN Eagles Pride Nation, FootballNation.it

Pagina precedente 1 2
Merchandising Merchandising

Luca Domenighini

24 anni, amante dello sport a stelle e strisce. Appassionato fino al midollo di football, sia quello NFL che quello NCAA. Tifoso dei Denver Broncos da una calda mattina di Agosto di metà anni 2000 quando ESPN Classic ripropose il primo Super Bowl di Elway. Tifo sfegatato per i Duke Blue Devils, sì esiste una squadra di football a Durham.

Articoli collegati

11 Commenti

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Huddle Magazine si sostiene con gli annunci pubblicitari visualizzati sul sito. Disabilita Ad Block (o suo equivalente) per aiutarci :-)

Ovviamente non sei obbligato a farlo, chiudi pure questo messaggio e continua la lettura.