Phoenix Navidad (Tampa Bay Buccaneers vs Arizona Cardinals 19-16)

L’ultima fase della carriera dei grandi campioni è spesso costellata di momenti di debolezza, fragilità, errori banali che non avremmo mai immaginato di vedere da eroi come loro. Ma è proprio quando la corda sembra ormai irrimediabilmente spezzata, e la parabola della carriera pare toccare il punto più basso, che il grande campione scocca la sua freccia.

Così Tom Brady, anni 45 compiuti ad agosto, dopo una partita in chiaroscuro, con qualche buon passaggio ma anche due intercetti, nell’overtime ha completato sei passaggi consecutivi e portato i suoi alla vittoria. Ha guidato il suo 57esimo drive vincente in carriera, una carriera lunga ormai 22 anni di NFL e che, parole sue di ieri, non è ancora vicina a dirsi conclusa.

La partita andata in onda nella notte di Natale a Glendale tra i padroni di casa, i Cards, e i Tampa Buy Buccaneers, ha regalato ben poche emozioni, almeno nei primi 45 minuti di gioco. Gli ospiti aprono le marcature con un piazzato di Succop nel primo drive, al quale risponde poco dopo Matt Prater con altri tre punti. Il copione si ripete nel secondo periodo, e le squadre entrano negli spogliatoi sul punteggio tennistico di 6-6.

Pubblicità

All’inizio dell’ultimo quarto i Cards provano ad andare in fuga e conquistare la quinta vittoria in stagione, mettendo dieci punti di distanza tra sé e gli avversari (td di James Conner e un altro field goal di Prater), ma gli ospiti, che sono ancora in lotta per un posto ai Playoff, non ci stanno a lasciare l’Arizona con una sconfitta che potrebbe rivelarsi fatale per le speranze di Post Season.

Così Brady prima accorcia con un passing td per Rachaad White e poi il piazzato di Succop manda la partita all’overtime. La palla è dei Cards, ma Trace McSorley non riesce a muovere le catene. Dall’altra parte Tom Brady capisce che deve mettersi la squadra sulle spalle se vuole questa vittoria. E Brady la vittoria la vuole: sei passaggi completati consecutivamente avvicinano l’attacco quanto basta per il piazzato del solito Succop che porta i suoi a quota sette vittorie in stagione.

Tra i Bucs, partita da ricordare per il rb Fournette che sembra quasi sdoppiarsi in campo, guadagnando 72 yards su corsa in venti portate e altre 90 yds su ricezione. Nei momenti di difficoltà è stato lui il go to guy, il giocatore a cui Tampa si è affidata per sbrogliare la matassa e cercare di risollevarsi. Sulla sponda dei Cardinals, partita insufficiente per Trace McSorley, che comunque a inizio stagione partiva come terzo nella qb depth e che si è ritrovato titolare in queste ultime partite per le assenze di Kyler Murray e Colt McCoy. James Conner ha regalato un’altra grande prestazione (79 yds e un td) mentre Greg Dortch ha sfiorato quota cento yards ricevute, fermandosi a 98.

Le ultime righe le lasciamo per un giusto tributo a JJ Watt, uno dei più forti difensori nella storia della NFL (e non stiamo esagerando), che poco fa ha annunciato il ritiro dal football giocato a fine stagione. Negli 11 anni di carriera nella lega JJ si è distinto dentro e fuori il campo. Sul campo ha vinto tre premi di Difensore dell’anno, è stato cinque volte First Team All-Pro e ha ricevuto cinque convocazioni al Pro Bowl. Gli anni ai Texans sono stati davvero da incorniciare, ma anche ad Arizona, nonostante i tanti infortuni che ne hanno compromesso più volte la carriera e l’età che avanzava, ha saputo farsi valere.

Anche i suoi impegni fuori dal campo sono però da ricordare: le tante donazioni e attività di beneficenza, fatte spesso attraverso la sua fondazione, lo rendono uno dei più grandi campioni – in tutti i sensi – dello sport dell’ultimo decennio. Siamo sicuri che ci mancherà vederlo su un campo NFL, ma non possiamo non auguragli il meglio per la sua nuova vita. Grazie JJ, e buena suerte.

Carlo Giustozzi

Nato nelle Marche nel 2003, nel tempo libero cerco di unire la passione per lo sport e quella per la scrittura, con la speranza di farlo per vivere, un giorno. Parlo di parecchie cose, soprattutto pallacanestro, football americano e ciclismo.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio