Rimonta e delirio a Las Vegas (Arizona Cardinals vs Las Vegas Raiders 29-23)

Dopo la sconfitta della scorsa settimana contro i Chiefs, gli Arizona Cardinals trovano il primo successo stagionale ribaltando nell’overtime una partita che sembrava già persa a fine primo tempo, quando il punteggio segnava un tondo 20-0 a favore dei padroni di casa.

Arizona non avrebbe avuto bisogno di una rimonta sofferta e quasi insperata se l’attacco avesse prodotto da subito qualche punto. E invece i primi due quarti sembrano un continuo del brutto spettacolo andato in onda contro Kansas City. Intercetti, fatica a salire il campo, corse che non producono gli effetti sperati e punt, punt, punt. Nel primo tempo Kyler Murray riesce a passare per sole 53 yard, e l’attacco dei Cardinals ne guadagna 86 in totale. 

Le difficoltà sono chiare, ma va dato il giusto merito al front seven dei Raiders. La difesa neroargento riesce a portare una forte pressione al QB avversario, non lasciandogli mai il tempo per trovare un compagno libero. Particolarmente degna di nota la prestazione di Maxx Crosby, che mette a segno un sack ed è per tutta la sera il problema numero uno per la linea offensiva di Arizona.

Pubblicità

Dopo l’intervallo tra primo e secondo tempo assistiamo a una partita completamente diversa. L’attacco dei Cardinals riesce a mettere qualche punto a referto, ma a nove minuti dalla fine gli ospiti sono ancora sotto sul punteggio di 23-7. E’ in questo momento che Murray riesce a mettersi la squadra sulle proprie spalle. Azione dopo azione, K1 guida i suoi fino alla conversione da due punti allo scadere del quarto periodo che porta la partita ai supplementari. Il fumble riportato in endzone da Byron Murphy conclude la rimonta spettacolare che firma la prima vittoria stagionale di Arizona.

Dopo una prestazione negativa all’esordio contro i Chiefs, Kyler Murray si è ampiamente rifatto nella vittoria contro i Raiders. Nel secondo tempo il Qb ex Oklahoma ha messo a referto 182 yard su passaggio e due td, uno passato e uno corso, concludendo inoltre positivamente entrambe le conversioni da due punti tentate. La prima in particolare rimarrà negli annali: Murray, dopo un inseguimento da parte di Billings e Vickers e dopo aver trovato il tempo per fermarsi e cercare di dare indicazioni ai suoi ricevitori senza però trovarne nessuno libero, entra direttamente nella endzone avversaria. Secondo Next Gen Stats nel corso dell’azione, durata venti secondi, Murray ha corso 84,9 yard. 

Il rb Darrell Williams conclude la serata con 59 yds corse e un td segnato, mentre tra i ricevitori e tight end i migliori della partita sono Ertz (otto ricezioni per 75 yds), Marquise Brown (sei ricezioni per 68 yds) e il sophomore Greg Dortch, autore di un touchdown.

Derek Carr non è riuscito invece a offrire una prestazione pari a quella del suo diretto avversario. Nonostante il buon avvio, l’attacco dei Raiders si è completamente arenato col passare dei minuti, producendo solo tre punti nell’ultima mezz’ora di tempo regolare. Davante Adams ha chiuso la partita con due sole ricezioni (e un touchdown) nonostante i sette target, mentre il miglior WR della serata è Mack Hollins con cinque ricezioni e 66 yard guadagnate. Il reparto difensivo di Las Vegas ha giocato una partita ampiamente sopra la sufficienza, con il già citato front seven che ha messo più volte in difficoltà l’attacco di Arizona. 

Uno dei punti di svolta tra primo e secondo tempo per i Cardinals è stato limitare la pressione avversaria sul proprio qb, largamente per merito suo ma un po’ anche per la crescita della linea offensiva col passare del tempo. Il reparto difensivo dei Cardinals, in netta difficoltà nei primi trenta minuti, è salito di livello dopo l’intervallo. La secondaria rimane tra le peggiori della lega, ma sono arrivati dei segnali importanti dal sempre verde JJ Watt e dal linebacker Isaiah Simmons

Pubblicità

Dopo una sconfitta netta e una sofferta vittoria in rimonta, i Cardinals affronteranno i Los Angeles Rams in una partita che si preannuncia combattuta. I Raiders voleranno invece in Tennessee per giocare contro i Titans e provare a raccogliere il primo successo della stagione.

Carlo Giustozzi

Nato nelle Marche nel 2003, nel tempo libero cerco di unire la passione per lo sport e quella per la scrittura, con la speranza di farlo per vivere, un giorno. Parlo di parecchie cose, soprattutto pallacanestro, football americano e ciclismo.

Articoli collegati

Un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio