Ritorno alla vittoria (Los Angeles Chargers vs Buffalo Bills 17-27)

Domenica al New Era Field di Buffalo la franchigia allenata da Sean McDermott e guidata da Josh Allen ha trovato l’ottava vittoria stagionale che vuol dire primo posto in AFC East, con i Dolphins costretti ad inseguire ad una W di distanza; i tifosi dei Bills sperano che Buffalo possa fare meglio dell’anno scorso una volta arrivati ai playoff e le recenti prestazioni in regular season, con una sola sconfitta (arrivata all’ultimo secondo ndr) nelle ultime 5 partite.
I Chargers invece sono in una condizione letteralmente opposta a quella di Buffalo: quella di domenica è infatti stata l’ottava sconfitta stagionale per L.A., a fronte di sole tre misere vittorie; nonostante quella che sembrava un’incredibile rimonta sul finale di gara infatti Justin Herbert ed i suoi si sono dovuti arrendere ai Bills.

I Bills sin dall’inizio della patita hanno provato a prendere il controllo del match, trovando il TD al primo drive offensivo giocato da Josh Allen e soci: è Knox a ricevere il pass da 2 yard di Allen in endzone per il 7-0; Herbert però risponde presente e trova il TD del 6-7 con il passaggio verso Keenan Allen alla 5° partita consecutiva con almeno un TD segnato.
Fino all’halftime però i Chargers non riusciranno più a segnare, con i Bills che invece si portano sul +11 grazie al trick play messo su dal coaching staff, che porta Cole Beasley, che di mestiere il WR, a lanciare il TD per Gabriel Davis, ed al field goal sul finire di 2° quarto di Bass che manda le squadre negli spogliatoi sul 17-6.
Pronti via ed i Bills trovano un altro TD: a segnarlo è Allen, questa volta con una corsa personale a sinistra della sua linea d’attacco che vale il 23-6, con i Chargers che sembrano così indirizzati verso la sconfitta. LA però non ci sta e risponde subito con un TD: è Joshua Kelley ad entrare in endzone ed a riaprire la partita; se i Chargers rispondono positivamente lo stesso non si può dire dei Bills e di Josh Allen; sono infatti tre i turnover consecutivi che arrivano per Buffalo: il primo è commesso da Devin Singletary, che perde il pallone su una corsa, e gli altri due sono invece colpa di Allen, con il QB che perde la palla a sole 22 yard dal TD che avrebbe chiuso la partita e poi si fa intercettare dalla secondaria dei Chargers.
Los Angeles però non riesce a sfruttare le occasioni arrivate ed il solo FG di Badgley non basta per riacciuffare la partita, che vede invece i Bills uscire vincitori nonostante un 4° quarto da mani nei capelli.

La partita di domenica sarà ricordata dai tifosi dei Chargers soprattutto per le discutibili scelte del coaching staff, come ad esempio il drive finale del primo tempo, con Anthony Lynn, HC di L.A., che è sembrato restio ad usare i timeout che sarebbero stati essenziali per i Chargers per poter segnare prima della fine dell’intervallo; quello che però preoccupa di più è il fatto che da ben tre turnover arrivati nel quarto quarto i Chargers hanno saputo ricavarci solamente un field goal, troppo poco per poter recuperare la partita.
La ciliegina sulla torta è arrivata con l’ultimo drive della partita, in cui Los Angeles non aveva timeout a disposizione ed una volta arrivati ad una sola yard di distanza dal TD hanno avuto la brillante idea di correre, perdendo secondi utili per il disperato tentativo di rimonta. A pesare è anche l’intercetto lanciato da Herbert quando mancavano poco più di cinque minuti sul cronometro, in un momento fondamentale della partita.
Herbert dovrà sicuramente migliorare, ma anche il Coaching Staff dei Chargers deve interrogarsi sugli errori commessi domenica e più in generale nel corso dell’intera stagione, se vogliono provare a tornare a lottare per i playoff nei prossimi anni.

Pubblicità

Buffalo torna alla vittoria dopo la sconfitta patita due settimane fa all’ultimo secondo contro i Cardinals ed una bye week che avrebbe potuto fare ancora peggio per il morale dei giocatori; invece complice anche una non così grande “opposizione” da parte degli avversari i Bills trovano l’ottava vittoria e si mantengono saldamente al primo posto nella AFC East. Fino al terzo quarto i Bills avevano giocato una buona partita, con un Allen apparso in forma ed in ritmo ed un coaching staff che continua a regalare sorprese come il trick play in occasione del secondo TD dei Bills.
Quello di cui però i Bills dovranno parlare nel corso della settimana è sicuramente il 4° quarto di domenica: l’incapacità dei Chargers nel trovare il TD e l’ottima difesa dei Bills sono gli unici motivi per cui Buffalo è riuscita ad uscire vincitrice domenica, con l’attacco che sembra aver staccato la spina anticipatamente, una cosa che non si potranno permettere nelle prossime settimane se volvono arrivare più lontano rispetto a quanto successo l’anno scorso, con i Bills usciti alle wild card contro i Texans.

Settimana prossima i Bills voleranno in Arizona per giocare contro i San Francisco 49ers, costretti ad abbandonare il loro centro sportivo a causa delle nuove norme anti-covid di Santa Clara, che vietano gli sport di contatto nella zona. I Chargers giocheranno invece in casa contro i Patriots, usciti vincitori domenica contro i Cardinals nonostante una prestazione sottotono del loro QB Cam Newton.

Luca Belli

Nonostante la giovane età, tifoso "Die Hard" dei Green Bay Packers. Cresciuto nel momento d'oro di Favre e Rodgers. Abituato a vincere poco con la fede calcistica, essendo tifoso della Fiorentina, ha trovato nei Packs la sua svolta. Aspetta con ansia il secondo anello personale. Go Packs Go!

Articoli collegati

Pulsante per tornare all'inizio