[NFL] Free Agency: 10 volti e 10 destinazioni – prima puntata

L’ultimo down del Super Bowl è appena stato giocato ma certamente non vogliamo perderci nulla di questa offseason. E se le luci si sono tutte spostate su Michael Sam e le sue dichiarazioni, di certo le voci in NFL non si limitano al giocatore di Missouri e al prossimo draft.
Sono scaduti o scadranno infatti una miriade di contratti, e i free agent stanno cercando già di accasarsi nella situazione più economicamente e tecnicamente soddisfacente per loro. La free agency non è ancora nel vivo, ma noi una volta a settimana ipotizzeremo una situazione per ognuno dei migliori free agent sul mercato.
Un piccolo pronostico che, più che dirvi quale sarà effettivamente l’approdo degli individui coinvolti,tenterà di darvi un’idea della loro situazione.

I giocatori non sono ordinati in nessun ordine preciso, nè alfabetico nè per cifra tecnica. Viene riportato il nome del giocatore, il ruolo, la squadra che lo firmerà e le caratteristiche del contratto.

Ben Tate (RB) – Denver Broncos – 3 anni a 3 milioni a stagione
Houston Texans v Denver BroncosIl runningback “riserva” di Arian Foster ai Texans vale sicuramente un posto da titolare in qualche altra franchigia. I vari infortuni che lo hanno tormentato in tutta la carriera non lo faranno diventare ricchissimo in questa stagione, quindi è molto probabile che si accontenti di un contratto non troppo esoso. Detto questo, vista l’età del giocatore e il valore tecnico sulla carta alto, escluderemmo un contratto annuale.
La squadra che più lo potrebbe cercare è proprio Denver, che cerca personale in grado di fare la differenza palla a terra per dare all’attacco aereo ancora più opportunità di non trovarsi a essere l’unica risorsa afidabile. Inoltre, la voglia di Tate di dimostrare di essere uno starter potrebbe tornare utile al plausibile tonfo morale di Denver dopo la notte del quarantottesimo SuperBowl.
Tate ha collegamenti con Cleveland attraverso il coaching staff della franchigia dell’Ohio, ma se avrà la possibilità di andare in una contender lo farà.

Pubblicità

Michael Vick (QB) – New York Jets – 2 anni a 3,5 milioni a stagione
vickDa una parte c’è il giocatore, convinto di poter essere ancora titolare in NFL, dall’altra due squadre che già hanno espresso interesse nell’acquisire le sue prestazioni. I Buccaneers e i Jets sono entrambi sulle tracce dell’ex galeotto, che si ritrova nella non idilliaca situazione di dover accettare un contratto poco danaroso per poter avere più tempo in campo di quello che avrebbe a Philadelphia.
I 30 sono un ricordo per Vick, e scegliere tra Bucs e Jets sarà dura. Se in Florida potrebbero offrirgli una squadra fatta di stelle (appannate), a New York potrebbero promettergli un ruolo da mentore per l’altalenante Geno Smith e più sicurezza di essere il titolare. Alla fine la spunterà Rex Ryan, senza nemmeno sborsare più di tanto.
Alla finestra ci sono Vikings, Raiders e Jaguars qualora le prime due squadre non riuscissero ad attirarlo.

Karlos Dansby (LB) – Arizona Cardinals – 4 anni a 3 milioni a stagione
karlos-dansbyDraftato da Arizona, quest’anno è ritornato proprio nel deserto dove ha giocato una stagione dominante in una difesa a dir poco ottima. Ben sopra i 30 anni compiuti, Dansby è uno dei linebacker migliori della lega per presenza in campo, ha già dichiarato di trovarsi benissimo in Arizona e ciò fa sperare i tifosi che voglia chiudere la carriera nei Cardinals. Non può pretendere troppi soldi ma un bel contratto lungo è quello che lo convincerà a stare nella sua franchigia attuale, che non può permettersi ulteriori “botte” al salary cap.
Non sarà magari lo stesso di quest’anno, ma anche se le sue prestazioni fletteranno, avrà abbastanza motivazione per essere ancora una colonna di una squadra che, ricordiamo, è stata l’unica a battere Seattle a domicilio nelle ultime due stagioni.

Eugene Monroe (OT) – Baltimore Ravens – 4 anni a 7 milioni a stagione
eugene monroeMonroe è il miglior tackle disoccupato in questa free agency. La sua vita professionale è sempre stata a Jacksonville, e probabilmente non gli è sembrato vero approdare agli ex campioni del Mondo di Baltimore a metà stagione.
Lui ha dichiarato di stare bene nella città del Maryland e di avere tutte le intenzioni di rimanere. Al primo contratto importante, probabilmente si accontenterà di uno stipendio tra i primi dieci per la sua posizione, per di rimanere in una contender.
Che i Ravens siano una contender, questo è tutto da stabilire, ma la sua sensaizone sembra essere questa. Michael Oher potrebbe fare le valigie, quindi rifirmare Monroe dovrebbe essere una priorità per l’unico Harbaugh fornito di anello.

Jeremy Maclin (WR) – Philadelphia Eagles – 1 anno a 5 milioni
Jeremy-MaclinSolo 25 anni, una buona velocità e la possibilità di essere un buon ritornatore rendono Maclin un obiettivo interessante per molte squadre. La sua volontà è quella di avere un contratto di un anno per provare di essere recuperato dal brutto infortunio al ginocchio che gli ha fatto saltare la stagione appena terminata. La situazione di Philadelphia, con anche Riley Cooper che rimarrà disoccupato, è quella di non potersi permettere di perdere molti pezzi in free agency.
Per quello crediamo che scelgano di fare un’offerta a Maclin, e lasciare che invece Cooper trovi un’altra sistemazione. Il talento del primo è sicuramente superiore al secondo e molte sue caratteristiche lo rendono adatto al gioco di Chip Kelly. 5 milioni sono tanti ma come detto Philly si sobbarcherà la spesa per tenerlo, e lui farà bene sotto la pressione di dover dimostrare che è tornato integro e di poterci rimanere.

Riley Cooper (WR) – Oakland Raiders – 4 anni a 5 milioni a stagione, garantito alto
Philadelphia Eagles v Washington RedskinsDall’altra parte del discorso Eagles c’è proprio Cooper. Ottimo e fisico ricevitore, dotato di buone mani e in uscita dalla stagione della sua carriera, deve monetizzare. Il suo valore è sicuramente inferiore a quello che ha dimostrato nel 2013, ma questo non fermerà le squadre piccole e con meno opportunità di primeggiare dal tentare di firmarlo.
Philadelphia, se dovesse confermare Maclin (più talentuoso e più economico), dovrebbe lasciare che Cooper vada via. Lo stesso Cooper ha avuto problemi fuori dal campo per commenti razzisti, ma ciò non dovrebbe scoraggiare delle franchigie con un front office debole che bada poco a tali questioni.
Browns e Raiders in pole position quindi, anche perché hanno bisogno di un ricevitore. Noi assegniamo Cooper ai secondi con una parte di stipendio garantita molto alta.

Jared Allen (DE) – Dallas Cowboys – 4 anni a 4 milioni a stagione
Jared AllenNome altisonante quello di Allen, per lunghi anni migliore defensive end della lega. Ora il giocatore che ha passato il suo picco prestazionale a Minnesota è in fase calante, e i Vikes sembrano intenzionati a lasciarlo testare il mercato dei free agent anche perchè hanno investito molto nei draft passati per una sua eventuale sostituzione.
In questo caso molteplici soluzioni si aprono all’orizzonte. Allen ha il nome e la carriera per ottenere un contratto di molti anni, ma molte delle contender sono già fornite nella sua posizione e potrebbero pensare al draft o ad altre soluzioni più economiche.
Alcune semi-contender come Chicago o Cincinnati potrebbero farci un pensierino, ma vediamo favorita Dallas perchè i Cowboys sono storicamente più inclini a firmare veterani di questo tipo e potrebbero non interessarsi al fatto che Allen è in evidente declino. Da parte sua, Allen potrebbe scegliere i texani anche per concludere la sua carriera stellare nella sua città natìa. Il contratto rispecchierà il suo valore attuale.

Phil Dawson (PK) – San Francisco 49ers – 3 anni a 3 milioni l’anno
phil dawsonUno dei migliori kicker degli ultimi dieci anni, Phil Dawson ha trovato casa a San Francisco dopo moltissimi anni nel gelo tecnico/societario di Cleveland. Le due parti stanno già lavorando su un rinnovo, ed è estremamente difficile non raggiungano un accordo.
L’unica cosa di cui forse si discuterà è l’ingaggio: è vero che Dawson non è un ragazzino e i 40 si avvicinano a grandi passi, ma non è certo un professionista che ha bisogno di un contratto di un anno per essere spronato. La prospettiva di un Vince Lombardi Trophy gli basterà e San Francisco finirà col pagarlo quanto Rob Bironas viene pagato da Tennesse, per un numero di anni che lo porterà a giocare anche dopo l’entrata negli “anta”.

Captain Munnerlyn (CB) – Washington Redskins – 4 anni a 6 milioni a stagione
captain munnerlinMunnerlyn ha vissuto una delle stagioni più sorprendenti a livello individuale quest’anno, rappresentando una risorsa fondamentale per i blitz di Carolina e per la copertura sugli esterni. Il cornerback ha già detto che potrebbe accettare un contratto di un anno a Carolina pur di rimanere nel suo stato d’origine dove ha anche giocato ai tempi del college.
Il problema è che in passato il giocatore non è stato così performante ed esce da un contratto annuale a cifre molto basse. E’ naturale che punti a qualche soldo in più e a molta sicurezza in più.
Tra le squadre con più bisogno di cornerback c’è Washington. I Redskins hanno vissuto una stagione pessima e hanno bisogno di cambiare pagina, soprattutto difensivamente con molti giocatori a fine contratto. Darrelle Revis, a 26 anni, firmò un contratto da 13 milioni a stagione; non vediamo perchè Munnerlyn dovrebbe accontentarsi di un solo anno di contratto. Il suo agente lo farà ragionare e qualcuno spaccherà il porcellino per accaparrarselo. Ricordiamo che Carolina ha moltissimi free agent da rinnovare e qualcuno deve perderlo per forza.

Aqib Talib (CB) – Pittsburgh Steelers – 3 anni a 5,5 milioni a stagione
Tareq Talib PatriotsUno dei migliori cornerback della lega è free agent e potrebbe sentirsi poco stimato dal coaching staff di New England che ha una lunga storia di svincolati importanti lasciati andare. Anche per questo motivo molte squadre (tra cui i Redskins) hanno già espresso il loro interesse per Talib. Va comunque notato come, a causa delle possibilità di titolo di New England, il cornerback abbia già accettato quest’anno un contratto annuale.
La musica cambierà e l’ex-Buccaneers vorrà un contratto si 3 o 4 anni sopra i 7 milioni a stagione. Il fatto che non leggiate tali numeri nel titolo di questo paragrafo è dovuto alla voglia di vittoria del defensive back, che potrebbe accontentarsi di uno stipendio leggermente minore per accasarsi di nuovo in una squadra con speranze di titolo e bisognosa di un marcatore. Noi sogniamo di vedere Talib contro A.J. Green due volte l’anno, non sarebbe un grande scontro? Per questo, un po’ azzardatamente, lo accostiamo agli Steelers, pronti a una stagione di riscatto.

Pubblicità

Settimana prossima altri dieci nomi, altre dieci destinazioni, altri milioni di dollari!

Dario Michielini

Segue il football dagli anni 90, da quando era alle elementari. Poi ne ha scritto e parlato su molti mezzi. Non lo direste mai! "La vita è la brutta copia di una bella partita di football"

Articoli collegati

14 Commenti

Pulsante per tornare all'inizio