Quarta gionata NCAA col colpaccio di Iowa

Siamo giunti alla quarta settimana di regular season nel college football e sono arrivati i primi sconquassi nel ranking nazionale.
Il principale colpo di scena arriva dalla Big Ten dove, come anticipato la scorsa settimana, era in programma “The Revenge”, ovvero Penn State vs Iowa, per vendicare la sconfitta dello scorso anno che costo’ le speranze di titolo nazionale ai ragazzi di Joe Paterno.
Le cose non sono andate esattamente come speravano i Nittany Lions, Iowa ha giocato una solidissima partita, specie in difesa, riuscendo a bloccare l’attacco di Penn State, sotto un autentico diluvio, ed alla fine, sono usciti vincitori dal campo, con 16 punti realizzati nell’ultimo periodo di gioco che non lasciano adito a dubbi sulla superiorita’ degli Hawkeys in questa partita.
Come conseguenza di questo risultato, Iowa entra prepotentemente nel ranking AP arrivando addirittura al 13 posto, mentre Penn State crolla al numero 15, e, per il secondo anno di fila, si vede precludere da Iowa, la corsa al titolo nazionale.
Restando alla Big Ten, de segnalare la quarta vittoria di fila dei Michigan Wolverines, che disputano una partita bellissima con la stessa intensita’ agonistica che li porto’ alla vittoria contro Notre Dame alla seconda giornata, e questa volta a soccombere dopo una partita con continui capovolgimenti di fronte, sono gli Indiana Hoosiers, sconfitti per 36-33.
Con questo risultato Michigan sale ancora nel ranking nazionale, ma ora arrivera’ la parte difficile, con gli scontri contro le rivali divisionali, gia’ dalla prossima settimana contro Michigan State.
Chiudiamo il discorso relativo alla Big Ten con lo shutout realizzato da Ohio State, 30-0 contro Illinois, che li riporta nei primi dieci della nazione, per la precisione al numero 9.
La seconda grande sorpresa della giornata arriva per merito di Oregon, che dopo avere fermato Utah settimana scorsa, blocca anche i California Golden Bears, battendoli, anzi, asfaltandoli, per 42-3 facendoli cosi precipitare dal numero 6 al numero 24 del ranking.
Questo crollo fa riguadagnare a USC il primato di migliore squadra della Pac-10 a livello nazionale, grazie anche al 27-6 contro Washington State che gli vale il salto dal 13 al 7.
Breve accenno alla ACC per segnalare l’upset di Viginia Tech che batte i Miami Hurricanes per 31-7, con conseguente scambio di ranking, Miami precita dal 9 al 17 e Va.Tech sale dall’11 al 6.
E visto che siamo arrivati in Florida, passiamo a discutere dei campioni nazionali, impegnati nella seconda partita stagionale di SEC contro i Kentucky Wildcats, una partita sulla carta non facile, essenzialmente per via del fatto che mezza squadra e’ stata colpita da sintomi influenzali, compreso il QB Titolare Tim Tebow, che assieme agli altri compagni ammalati e’ volato in Kentucky con un aereo separato, per poi prendere regolarmente parte alla partita, che i Gators hanno messo in ghiacciaia subito, con 31 punti nel primo quarto.
Pero’ purtroppo per loro gli avvenimenti hanno preso una gran brutta piega, dopo che lo stesso Tebow e’ stato violentemente placcato dalla difesa dei Wildcats e spedito direttamente in ospedale con una commozione cerebrale.
Al momento non si hanno notizie certe sul suo recupero, il calendario viene in aiuto ai Gators, con una bye week per settimana prossima, ma al rientro se la dovranno vedere con LSU, una delle principali rivali nella SEC e numero 4 del ranking nazionale, reduce da una vittoria non semplice per 30-26 contro Mississippi State.
Chiudendo il discorso SEC segnaliamo la facile vittoria di Alabama per 35-7 contro Arkansas che permette loro di mantenere il numero 3 del ranking.
Non ci siamo ovviamente dimenticati della numero 2 della nazione, ma i Texas Longhorns hanno avuto decisamente vita facile contro UTEP, stravincendo per 64-7, che quasi non fanno piu’ notizia.
Al momento non si intravedono grossi avversari per loro nella Big 12, i Longhorns hanno apparentemente una strada in discesa verso il titolo divisionale, la successiva finale di conference e forse anche il primo posto del ranking se i Gators dovessero perdere qualche colpo.
Il solito sguardo alle conference non-BCS ci fa soffermare come al solito sulla Western Athletic, dove Boise State continua la sua cavalcata solitaria battendo Bowling Green 49-14 e salendo addirittura al numero 5 nazionale, approfittando delle cadute di Penn State e California.
Nella prossima settimana, come gia’ detto, turno di riposo per i campioni in carica, ma c’e’ da segnalare una partita interessante tra Oklahoma e Miami e soprattutto due scontri classici per la SEC tra la #4 LSU e la #18 Georgia e nella Pac-10 tra la #7 USC e la #24 California.

Pubblicità

Gabriele Garoldi

Appassionato di Sport USA, baseball e football in particolare, fin dai lontani anni '80, con tifo sfegatato per i nativi americani.

Articoli collegati

Pulsante per tornare all'inizio