Il Rookie Watch di week 7 NFL

Una settimana piena di sorprese quella di week 7 della NFL, con upset vari, conferme mancate, e ottime prestazioni da parte dei protagonisti del nostro Rookie Watch, la rubrica di Huddle Magazine che ogni settimana analizzerà la crescita e le prestazioni di tre giocatori NFL al primo anno fra i professionisti; in questa puntata abbiamo un paio di sorprese, con Tyson Bagent, undrafted rookie QB dei Bears che trascina la franchigia di Chicago alla vittoria in casa contro i Raiders, insieme a Josh Down, ormai sempre più WR #1 dei Colts e protagonista nonostante la sconfitta contro i Browns, e Jahmyr Gibbs, che vede finalmente aumentare le sue portate e le sue ricezioni, dando un’idea del suo talento, e segnando anche il primo TD fra i professionisti.

Tyson Bagent, Chicago Bears
21/29 – 126 yard pass – 24 yard run – 1 TD pass

Dopo 392 giorni, tornano a vincere fra le mura del Soldier Fields i Chicago Bears, che interrompono così la striscia di sconfitte consecutive in casa, grazie soprattutto a Tyson Bagent, undrafted rookie QB proveniente da Shepherd University (DIV II NCAA) che, dopo non essere stato chiamato nel corso dell’ultimo draft, ha ottenuto un contratto con i Bears, conquistandosi poi uno dei 53 posti disponibili a roster, e ripagando la fiducia riposta in lui ottenendo la vittoria nella prima partita da starter della sua carriera, non facendo rimpiangere l’assenza dell’infortunato Justin Fields.
Bagent ha chiuso con 21 pass completati per 126 yard su passaggio, a cui ha poi aggiunto 24 yard su corsa e soprattutto il primo TD pass della sua carriera in NFL, che ha aiutato i Bears ad avere la meglio di Las Vegas e ad ottenere così la seconda vittoria stagionale; difficilmente Fields, su cui Chicago ha puntato forte in offseason, rischia di perdere il posto da titolare, ma se Bagent dovesse continuare con queste prestazioni, sicuramente le preoccupazioni potrebbero iniziare per il QB ex Ohio State.

https://twitter.com/ChicagoBears/status/1716167306772918708?s=20

Pubblicità

Josh Down, Indianapolis Colts
5 rec – 125 yard – 1 TD

Seconda L di fila per gli Indianapolis Colts che, dopo il season ending injury di Richardson hanno deciso di affidarsi a Minshew, che non è ancora però riuscito a trovare la vittoria con Indy; questa settimana sono i Browns di un indemoniato Myles Garrett ad ottenere la W, con Indy che però può consolarsi con l’ottima prestazione del proprio rookie WR, Josh Down, sempre più WR #1 dell’attacco dei Colts. Il WR chiamato con la 79° pick nell’ultimo draft NFL ha chiuso con 5 ricezioni per 125 yard, proprio carreer high in NFL, e segnando anche un TD, il secondo personale in stagione, dimostrando di essere l’uomo di fiducia del proprio QB, avendo trovato ben 99 delle proprie 125 yard ricevute in occasione di terzi down giocati da Indy, dimostrandosi un vero e proprio clutch player, con i tifosi dei Colts che potrebbero ritrovarsi con una delle coppie più esplosive della NFL una volta rientrato Richardson.

https://twitter.com/NFL/status/1716140325130141947?s=20

Jahmyr Gibbs, Detroit Lions
20 touches – 126 total yard – 1 TD run

I Lions hanno avuto uno degli inizi di stagione migliori di tutta la NFL, nonostante i tifosi abbiano chiesto più volte a gran voce, di dare più portate ad uno dei rookie più attesi del campionato: Jahmyr Gibbs; il RB ex Alabama infatti fino a questo momento è stato usato col contagoccie dal coaching staff di Detroit, nonostante abbia fatto vedere buone cose nelle poche occasioni avute. Contro i Ravens invece, complice anche un risultato praticamente acquisito per Baltimore nei primi due quarti, Gibbs ha avuto la sua occasione, e non l’ha sprecata, chiudendo con oltre 120 total yard, grazie ad 11 portate e 9 ricezioni, togliendosi anche lo sfizio di segnare il primo TD della propria carriera NFL, e candidandosi prepotentemente ad un maggior numero di portate a partire dalla prossima stagione, con Detroit che dovrà risollevarsi dopo la batosta subita contro i Ravens, e potrebbe farlo puntando forte su Gibbs, 12° pick nell’ultimo draft NFL, e possibile arma a sorpresa di uno degli attacchi finora più esplosivi di tutto il campionato.

https://twitter.com/NFL/status/1716174731026833673?s=20

Merchandising Merchandising

Luca Belli

Nonostante la giovane età, tifoso "Die Hard" dei Green Bay Packers. Cresciuto nel momento d'oro di Favre e Rodgers. Abituato a vincere poco con la fede calcistica, essendo tifoso della Fiorentina, ha trovato nei Packs la sua svolta. Aspetta con ansia il secondo anello personale. Go Packs Go!

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Huddle Magazine si sostiene con gli annunci pubblicitari visualizzati sul sito. Disabilita Ad Block (o suo equivalente) per aiutarci :-)

Ovviamente non sei obbligato a farlo, chiudi pure questo messaggio e continua la lettura.