Addio Jared Lorenzen e nessuna squalifica per Ezekiel Elliott

Si è spento questa notte a 38 anni Jared Raymond Lorenzen, quarterback dei New York Giants dal 2004 al 2007, a causa di problemi al cuore e al fegato. Lorenzen è stato famoso come il quarterback più pesante ad aver mai giocato in una partita NFL, 275 libbre pari a 124 kg. 

Jared è nato a Covington nel Kentucky e in high school ha lasciato il segno come quarterback. Nel suo ultimo anno alle superiori Lorenzen passa per 3393 yard, 45 touchson e solo 4 intercetti vincendo il Mr. Football Award. Sceglie, ovviamente, University of Kentucky per il College e dopo un primo anno da red shirt guida la squadra fino al 2003 quando chiude la stagione con 2221 yard su passaggio con 16 TD e 8 intercetti. Sono ancora suoi i record dei Wildcats per yard su passaggio (10.354), passaggi completi (862) e total offense (10.637 yard).

Jared Lorenzen non viene scelto al draft del 2004 e firma come free agent con i New York Giants. Tom Coughlin gli propone un anno di NFL Europe, ma Jared non accetta e rimane come backup di Eli Manning. Il suo esordio nella NFL avviene a dicembre del 2006 con una qb sneak. A fine stagione 2008 viene tagliato dai Giants e non supera il taglio finale negli Indianapolis Colts.

Pubblicità

Per qualche anno si divide tra allenatore e giocatore di squadre semi pro fino a quando nel 2017 lancia il Jared Lorenzen Project, una specie di diario online nel quale racconta la sua battaglia contro l’obesità essendo arrivato a pesare 230 kg! Nel giro di meno di un anno Jared perde 45 chili e la sua lotta contro il peso è stata raccontata anche da ESPN in Hefty Lefty

Jared Lorenzen Giants

Cambiando argomento ieri Ezekiel Elliott ha incontrato il Commissioner NFL Roger Goodell per parlare di un accesa discussione che il runnigback dei Dallas Cowboys ha avuto a maggio con una guardia di sicurezza ad un festival musicale a Las Vegas. Durante l’alterco Elliott aveva spinto la guardia facendola cadere ed era stato portato al locale Commissariato senza però essere arrestato.

Dopo l’incontro con il Commissioner Elliott ha diramato un comunicato, attraverso il suo profilo Twitter, nel quale si scusa con la guardia di sicurezza per quello che ha fatto e che in futuro lavorerà molto sul suo comportante per non trovarsi in situazioni simili.

La NFL non ha diramato nessun comunicato ufficiale, ma secondo gli insider le scuse di Elliott dovrebbero essere sufficienti per evitare una sospensione e l’incontro col Commissioner vale come ultimatum per il futuro. Ezekiel Elliott era stato squalificato per sei giornate nel 2017 per violenza domestica.

[clear]

Giovanni Ganci

Sports Editor si direbbe al di la dell'oceano, qui più semplicemente il coordinatore di tutta la baracca. Tifoso accanito dei San Francisco 49ers, amante del college football e al di fuori dello "sferoide prolato"© forza Boston Red Sox.

Articoli collegati

Pulsante per tornare all'inizio