[NFL] Wild Card: Chiefs in scioltezza (Kansas City Chiefs vs Houston Texans 30-0)

Dopo 17 settimane di intense battaglie, grandi vittorie, brucianti sconfitte e partite memorabili, le migliori 12 squadre NFL si preparano finalmente ad affrontare i playoff. La grande festa avrà inizio al NRG Stadium di Houston dove i padroni di casa dei Texans affronteranno i Kansas City Chiefs.

Le due franchigie hanno percorso strade molto simili, soprattutto ad inizio stagione; entrambe le squadre avevano aperto la campagna con poche ambizioni di playoff, appartenendo a due division che sulla carta avrebbero dovuto essere dominate da Colts e Broncos. Ed infatti il primo mese sembrava averle già relegate al ruolo di comparse e alla lotta per la prima scelta del draft 2016.

Mentre a Houston teneva banco la questione legata al QB, con O’Brien indeciso tra Hoyer e Mallet, i Chiefs, oltre ad aver cominciato con un record di 1-5, avevano anche perso per infortunio il loro miglior giocatore, quel Jamaal Charles già detentore del record di franchigia per yard corse.

Pubblicità

Brian-Hoyer-Houston-Texans

Ma la svolta arriva per entrambe le squadre durante la decima giornata. I Chiefs fanno visita ai Broncos, che con un record di 7-1 sono tra le squadre migliori della lega, e dominano dall’inizio alla fine, grazie soprattutto ad una difesa impenetrabile. Il giorno dopo, durante il Monday Night, i Texans sconfiggono a domicilio e contro ogni pronostico i fino ad allora imbattuti Bengals. Kansas City non perderà più arrivando alla post season cavalcando un’incredibile striscia vincente di 10 partite consecutive, mentre Houston riuscirà a strappare la AFC South ai favoritissimi Colts.

La grande forza di Chiefs e Texans risiede sicuramente nelle due difese, rispettivamente terza e settima della lega. L’incredibile storia di Eric Berry, Safety e capitano dei Kansas City Chiefs che ad appena nove mesi dalla diagnosi di tumore era riuscito a tornare in campo alla prima partita della stagione, ha sicuramente dato una carica emotiva importante ad una difesa già molto competitiva grazie al duo di fenomenali pass rushers Tamba Hali – Justin Houston e ad una secondaria arcigna.

L’arrivo del rookie CB Marcus Peters (8 intercetti in stagione e favorito al premio di Defensive Rookie of the year) ha aiutato a completare un reparto che spaventa la maggioranza degli attacchi NFL. Dall’altra parte non si è certo da meno. Il Defensive Player of the year in carica JJ Watt continua a postare numeri da extra terrestre; ancora una volta conquista la corona di leader stagionale di sack messi a segno risultando un vero incubo per le linee offensive avversarie che sono sempre costrette a raddoppiarlo e persino triplicarlo in alcune occasioni.

Con queste premesse prende il via il match, che impiega pochissimo ad infiammarsi. Knile Davis, ritornatore dei Kansas City Chiefs, riceve il kick off di Nick Novak e lo riporta per 106 yard fino alla end zone. 7-0 e pubblico subito ammutolito. Comincia così il calvario dei Texans che in tutto il primo tempo conquisteranno appena 134 yard totali, lanciando tre intercetti e perdendo un fumble. Dall’altra parte Alex Smith si limita a gestire gli errori avversari guidando i suoi in drive metodici e senza rischi che portano a due field goal di Cairo Santos. Unica pecca del primo tempo l’intercetto lanciato a ridosso della red zone avversaria che interrompe un drive che sembrava destinato al touchdown.

Knile Davis Kansas City Chiefs

Houston non ha alcuna contromossa alla pressione inferta dalla difesa ospite e gli intercetti di Bryan Hoyer sono il risultato del pochissimo tempo a sua disposizione nella tasca. L’unica soluzione efficace a cui si può affidare il QB uscito da Michigan State è DeAndre Hopkins, il fenomenale ricevitore che con una impressionante serie di ricezioni assurde permette ai Texans di portarsi per la prima volta in territorio avversario.

Ma quando il gioco è così monotematico la difesa può aggiustarsi di conseguenza ed una volta coperto Hopkins l’attacco dei Texans si spegne definitivamente. La difesa cerca di contenere i danni per consentire alla squadra di rimanere in partita tenendo gli ospiti fuori dalla end zone e costringendoli ai già citati field goal. Si va dunque all’intervallo con il risultato fisso sul 13-0 ospite.

La ripresa continua sulla falsariga del primo tempo, con i padroni di casa assolutamente fuori partita e gli ospiti a controllare. Sul primo drive offensivo dei Kansas City Chiefs, Jeremy Maclin, ricevitore numero uno di Kansas City, si infortuna e viene subito dichiarato out per il resto della partita. Nella stessa azione, uguale sorte anche per JJ Watt che lascia il campo dolorante per un infortunio all’anca.  già a metà terzo quarto. E’ Chris Conley a ricevere in end zone il pallone del 20-0.

Pubblicità

Il match si trascina stancamente verso la fine con Houston ormai arresa. Ad inizio quarto periodo i Chiefs segnano ancora: Spencer Ware non trova alcuna resistenza e marca con una corsa da 5 yard. 27-0 e pubblico che chiede almeno la reazione di orgoglio per non essere lasciati a zero. Ed invece arriva il quarto intercetto di giornata di Hoyer che corona così la sua pessima prestazione. Cairo Santos segna un altro field goal per il definitivo 30-0.

Alex Smith Kansas City Chiefs

Kansas City vince così ai playoff per la prima volta dalla vittoria nel Divisional Round del 1993, ottenuta proprio a Houston contro quelli che all’epoca erano gli Oilers. Da allora sette partite di playoff e nessuna vittoria per i Chiefs che sfatano finalmente il tabù. Per i Texans invece un’uscita amara ma con la sensazione di essere sulla strada giusta dopo qualche stagione da incubo. Il primo problema da affrontare in off season sarà sicuramente la ricerca di un franchise QB che possa far fare il salto di qualità.

Alex Smith chiude la partita con un ottimo 77% di passaggi completati per 190 yard, 1 TD e 1 intercetto. Grande prova per Travis Kelce: il TE prodotto di Cincinnati riceve 8 palloni per ben 128 yard. Per la difesa ottima prova della secondaria con Berry, Peters e Smith con un intercetto a testa. Dall’altra parte pessima prestazione di Hoyer che potrebbe rappresentare la fine della sua carriera a Houston. Per lui appena 136 yard lanciate con 4 intercetti e un fumble.

La priorità assoluta per i Kansas City Chiefs adesso è quella di recuperare Jeremy Maclin che ha subìto una distorsione alla caviglia ma che sarà fondamentale la prossima settimana nel Divisional Round. I Chiefs faranno infatti visita ai Patriots in virtù della vittoria degli Steelers sui Bengals, ed un’eventuale assenza del miglior ricevitore della squadra porterebbe ad un attacco monodimensionale riducendo notevolmente le possibilità di successo. Il match si giocherà a Foxborough sabato prossimo alle 22:35 ora italiana.

Articoli collegati

Pulsante per tornare all'inizio