Film dal 1980 al 1999

AnnoTitoloTrailer
1983ALL THE RIGHT MOVES (Il ribelle)
Anno: 1983 - Produzione: USA - Regia: Michael Chapan - Cast: Tom Cruise, Craig Nelson, Lisa Litski - Genere: Drama - Rating: **

Un Tom Cruise agli inizi della carriera recita in questo film, poco convincente, la parte della giovane star della squadra liceale di football di una piccola cittadina industriale della Pennsilvanya. Le sue aspirazioni per una borsa di studio sportiva per un qualche college si scontrano con le ambizioni del coach che, per ottenere a sua volta un posto in qualche coaching staff universitario, non esita a servirsi del ragazzo nonché a boicottarne la sua ascesa quando questa diventerà l’unica via per emergere. La narrazione risulta piuttosto prevedibile, una pittura amara e malinconica del grigio ambiente provinciale americano un po' troppo scontata e tiepida per riuscire incisiva. La recitazione approssimativa, per non parlare delle scene di football e del pessimo doppiaggio.
1986THE BEST OF TIMES (Tempi migliori)
Anno: 1986 - Produzione: USA - Regia: Roger Spottiswoode - Cast: Robin Williams, Kurt Russell, Pamela Reed - Genere: Commedia - Rating: **

Piacevole commedia con un’ottima coppia Williams/Russell a tenere in piedi una storia scontata ma tutto sommato divertente. Robin Williams è lo zimbello della città da quando mancò la ricezione che poteva regalare alla suq squadra la vittoria contro il liceo della città vicina, con cui la rivalità è acerrima. La classica sfida tra la squadra sfigata, con giocatori scarsi e strutture inesistenti, ma con uno dei più grandi talenti della zona come quarterback, e la squadra ricca, piena di giocatori forti, che non perde da anni, viene riproposta 14 anni dopo, in una sorta di rievocazione che servirà da redenzione per Williams, il quale stavolta riuscirà a ricevere il passaggio vincente. Una commedia didascalica che si lascia guardare senza troppe pretese.
1986WILDCATS
Anno: 1986 - Produzione: USA - Regia: Michael Ritchie - Cast: Goldie Hawn, Swoosie Kurtz - Genere: Commedia - Rating: **

Goldie Hawn è la figlia di un allenatore di football. Ha imparato tutti I segreti del gioco dal padre, e’ un’allenatrice esperta, ma in quanto donna nessuno le affida una squadra. Addirittura, tanto per farsi quattro risate, un coach a cui chiede aiuto la segnala come capo allenatore per la squadra di una delle peggiori scuole della città, in una zona malfamata e degradata, frequentata da teppistelli e piccoli delinquenti. Come tutte le storie a lieto fine è inutile dire che la Hawn riuscirà a formare una squadra vincente, in grado di battere in finale proprio la squadra del coach che le aveva fatto quel bello scherzetto. Anche questo film non verrà ricordato negli annali del cinema , ma la storiella è divertente, Goldie Hawn molto brava e l’intero film tutto sommato godibile.
1988JOHNNY BE GOOD (La Grande Promessa)
Anno: 1988 - Produzione: USA - Regia: Bud S. Smith - Cast: Anthony Michael Hall, Robert Downey Jr., Paul Gleason - Genere: Commedia - Rating: *

Johnny Walker (Anthony Michael Hall) è il miglior QB della nazione a livello di high school e i college sono disposti a tutto pur di reclutarlo.
Il film è una commedia poco ispirata e di football giocato se ne vede solamente nelle scene iniziali del film. La storia è tutta incentrata sui sotterfugi usati dalle varie università per accaparrarsi i migliori talenti del paese.
Uma Thurman, agli esordi, e Robert Downey Jr. interpretano rispettivamente la ragazza e il miglior amico di Johnny.
Un cameo per Howard Cosell e per l'ex QB dei Bears Jim McMahon.
1991NECESSARY ROUGHNESS (Campioni di guai)
Anno: 1991 - Produzione: USA - Regia: Stan Dragoti - Cast: Scott Bakula, Hector Elizondo, Robert Loggia - Genere: Commedia - Rating: **

A causa di sanzioni NCAA i Fightin' Armadillo della Texas State University non possono offrire borse di studio e sono quindi costretti a giocare il torneo con molti meno giocatori rispetto alle altre Università, un quarterback 34enne e un kicker donna se la giocheranno con tutti (o quasi).
1993THE PROGRAM
Anno: 1993 - Produzione: USA - Regia: David S. Ward - Cast: James Caan, Halle Berry, Omar Epps - Genere: Drammatico - Rating: ***

Un film ambizioso, dai forti contenuti, che aspirava ad essere una denuncia degli eccessi del mondo del football universitario, dove “il programma” è più importante degli atleti che ne fanno parte. Joe Kane è il quarterback candidato all’Heismann, la stella della squadra, Darnell Jefferson un giovane runningback di colore alle prese con diversi problemi extrasportivi, e coach Winters è il titolare del programma di football. La pellicola fallisce i suoi obbiettivi di film-denuncia, forse a causa dell'esasperazione eccessiva dei comportamenti dei personaggi che diventano inevitabilmente stereotipati. Finisce per far notizia più per la storia del ragazzino morto imitando la “tecnica di rilassamento” di alcuni giocatori (stendersi di notte sulla riga di separazione tra una corsia e l’altra di un’autostrada trafficata) che per le effettive denunce contenute nel film (doping, soldi sottobanco, donazioni illegali, pratiche illegali per far votare un giocatore per l’heisman trophy, e cosi’ via). Belle le scene di football, le più belle mai realizzate fino alla data di uscita del film, con le prime telecamere montate direttamente sui caschi per fornire la visuale soggettiva dei giocatori in campi. Mitiche alcune battute, il film nonostante la tanta carne sul fuoco e la poca cura nella sua cottura, rimane un film da vedere per chi ama il football.
1993RUDY
Anno: 1993 - Produzione: USA - Regia: David Anspaugh - Cast: Sean Astin, Jon Favreau, Ned Beatty - Genere: Biografico - Rating: ****

Rudy è un film uscito molto più in silenzio di "The Program", nello stesso anno, ma che col tempo ha convinto maggiormente tutti, critici e profani. Narra la storia vera di Daniel "Rudy" Ruettiger, un ragazzo che riuscì , "against all odds", contro ogni previsione, a coronare il suo sogno di giocare almeno una partita in campo con i suoi amati Notre Dame Fighting Irish, nonostante i suoi evidenti limiti fisici. Rudy è infatti un ragazzo di una cittadina industriale del midwest, non ha né i soldi per iscriversi, né abbastanza capacità atletiche per ottenere una borsa di studio per il football, ma non demorde. Alla fine, dopo molte umiliazioni, molti sacrifici, riuscirà finalmente a coronare il suo sogno, entrando nei minuti finali dell’ultima partita prima di terminare gli studi. Un film bello e coinvolgente, con una buona regia ed un'ottima interpretazione dell'attore principale, Sean Astin. Da vedere.
1996JERRY MAGUIRE
Anno: 1996 - Produzione: USA - Regia: Cameron Crowe - Cast: Tom Cruise, Cuba Gooding Jr, Renèe Zellweger - Genere: Commedia / Romantico - Rating: ***

Tom Cruise è di nuovo alle prese con un film sportivo nelle vesti di Jerry Maguire, uno dei migliori agenti sul mercato, che un giorno decide che i giocatori di football che rappresenta sono degli esseri umani, non solo delle macchine per fare soldi. Si ritrova ben presto da solo, licenziato dall'agenzia per cui lavorava e con tutti contro, a combattere una battaglia contro I mulini a vento. Solo un giocatore gli dà piena fiducia prima del Draft e da lui riparte per crearsi un nuovo ruolo e nuovi spazi nel famelico mondo degli agenti sportivi. Il tutto mentre si sviluppa la storia d'amore con la sua assistente, l'unica a credere in lui fin dall'inizio (interpretata dalla Zellweger). Tutto sommato il film non fa fino in fondo il proprio dovere, lasciando a metà l’analisi della figura di Maguire e risolvendo in happy ending un pò troppo velocemente alcuni interessanti spunti proposti. Ma d'altra parte il vero focus del film è la storia d'amore ed una riflessione sui rapporti umani, piuttosto che un film sul football o sul mondo del management. Ottima l’interpretazione di Tom Cruise, molto credibile nella parte.
1998THE WATERBOY
Anno: 1998 - Produzione: USA - Regia: Frak Coraci - Cast: Adam Sandler, Kathy Bates - Genere: Commedia - Rating: **

La storia è piuttosto demenziale, gli interpreti sono piuttosto improbabili, ma le risate sono assicurate. Bobby, lo scemo del villaggio, fa il Waterboy per una grande squadra universitaria della Louisiana, dove ogni occasione è buona per giocatori e tecnici per prendersi gioco di lui. Per porre fine a questa situazione l’università lo licenzia, e Bobby viene assunto da una università scalcagnata, con una di quelle classiche squadre che si vedono nei films: che non vincono una partita da almeno 30 anni. Dopo aver placcato per caso un giocatore ed averlo ridotto all’incoscienza, Bobby viene promosso da Waterboy a star difensiva, e le sue gesta portano la squadra al Bourbon Bowl, contro, indovinate chi? La squadra che aveva licenziato Bobby!! Come detto, il film è piuttosto irritante nella sua mediocrità, ma qualche buona risata è assicurata.
1999VARSITY BLUES
Anno: 1999 - Produzione: USA - Regia: Frak Coraci - Cast: James Van Der Beek, Jon Voight, Paul Walker - Genere: Drammatico / Commedia - Rating: ***

Uscito nello stesso anno di "Ogni maledetta domenica", Varsity Blues prodotto da MTV, presenta uno spaccato di vita di provincia, in una cittadina nel profondo sud del Texas, dove il football è religione e dove tutto ruota attorno alla squadra liceale. La ricerca del realismo nelle atmosfere "desolanti" di una realtà che non offre molte aspettative ai giovani se non quella di fuggire grazie ad una borsa di studio per meriti sportivi, non disdegna comunque lo spazio a qualche scena piuttosto comica e che strappa qualche risata. L'intera storia tuttavia è un pò offuscata dall'eccessiva caratterizzazione del coach Bud Kilmer (Joh Voight), figura sulla quale ruota a perno tutta la sceneggiatura. Dispotico e cinico, obbliga anche i ragazzi a giocare quando infortunati, finchè la star della squadra, il quarterback (Paul Walker) , si rompe, e viene sostituito dal suo backup, un ragazzo con i piedi per terra, che sa di non avere il football nel suo futuro, ma che comunque prende di petto l’allenatore e le sue idee dispotiche e conservatrici ed ingaggia con lui una lite furibonda. Il ragazzo dimostra di non essere da meno della star infortunata (anzi, a tratti dimostra di essere addirittura meglio), e si guadagna il rispetto di compagni e tifosi con il suo gioco in campo e la sua attitudine fuori dal campo. La pellicola, comunque piacevole, si concentra forse un pò troppo sul dualismo tra i ragazzi ed il loro coach dispotico, tralasciando altri interessanti spunti offerti dalle diverse realtà che gravitano intorno alla cittadina ed alla squadra di football.
1999ANY GIVEN SUNDAY (Ogni maledetta domenica)
Anno: 1999 - Produzione: USA - Regia: Oliver Stone - Cast: Al Pacino, Jamiee Fox, Cameron Diaz, Dennis Quaid, LL Cool J, Lawrence Taylor, James Woods - Genere: Commedia - Rating: ****

Difficile parlare obiettivamente di Ogni maledetta domenica. O lo si ama o lo si odia, dicono. Eccessivo, esasperato, cruento, di sicuro la più grossa produzione fino al 1999 per un film sportivo, è la prima pellicola dove il vero protagonista è lo sport stesso, quello del football americano. Oliver Stone è una garanzia come regista ed è magistrale nell'offrire, grazie al ritmo di un montaggio frenetico, una visione a 360° del mondo del football americano, attraverso le prospettive dei vari personaggi. Dalla difficile presa di coscienza del quarterback Cap Rooney (Dennis Quaid) sulla via del tramonto e in costante competizione con il giovane ed emergente Willy Beamen (Jamiee Fox), ai problemi di un capo allenatore di mezza età come Tony D'Amato (Al Pacino) che ha perso affetti e soldi e per il quale il football rappresenta l'unica via di redenzione, fino alle battaglie della giovane Christina Pagniacci (Cameron Diaz) proprietaria della squadra dei Miami Sharks, che ha ereditato dal padre scomparso, spietata nel marketing ed attenta soltanto alla massimizzazione dei profitti, senza la dovuta esperienza.
Ogni maledetta domenica è un ritratto di questi moderni gladiatori, dei loro allenatori, delle loro famiglie spesso sotto pressione, dei ricchi proprietari delle squadre, delle corporazioni che tentano di controllare il gioco come un affare multimiliardario, dei media sportivi affamati di notizie e dei tirapiedi bramosi di successo.
Eccessivo, stereotipato, pieno di luoghi comuni, Any Given Sunday da’ una visione reale, ma leggermente distorta del football di fine millennio. Prontamente stroncato dagli addetti ai lavori NFL, il film ha diviso critici e pubblico nelle classiche due fazioni: o lo ami o lo odi, ma sicuramente non ti sara’ indifferente. Memorabile il discorso nello spogliatoio di Al Pacino prima della partita di Playoff, da sentire anche in italiano grazie ad un superlativo doppiaggio di Giancarlo Giannini.

Torna all’homepage della sezione Film/Serie TV

Huddle Magazine è pubblicato con una licenza