La strada verso il Draft: Noah Fant

Età: 21 – Ruolo: Tight End – College: Iowa
Classe: Junior – Altezza: 6’4’’ (1.93 m) – Peso: 249 lbs (113 kg)

Quando (ormai tra qualche giorno) si concluderà il primo giro del Draft NFL 2019, uno di quelli che quasi sicuramente sentirà chiamare il proprio nome è Noah Fant, TE da Iowa. E dobbiamo partire proprio da quello stato dell’Unione famoso per essere la sede in cui iniziano le primarie presidenziali, per essere la terra natia di John Wayne e per i… tight end.

Noah Fant, per la verità, è relativamente nuovo al ruolo che lo ha visto protagonista al college poiché viene reclutato dalle maggiori università (tre le quali Nebraska, UCLA, Arizona State) come defensive end dopo aver giocato prevalentemente WR alla high school. Gli Hawkeyes offrono al ragazzo la possibilità di giocare sia in difesa che in attacco e questo lo convince a scegliere la University of Iowa. Nel 2016 durante il suo anno da freshman viene impiegato poco e conclude con 9 ricezioni per 70 yards ed un solo touchdown in 11 partite. La musica comincia a cambiare nel 2017: assieme alla massa muscolare aumentano anche i minuti e, di conseguenza, la produzione: 30 ricezioni per 494 yards e 11 touchdown. L’anno della consacrazione definitiva è il seguente, 2018: 39 ricezioni per 519 yards e 7 touchdown, suddividendosi minuti e occasioni con un altro TE da primo giro: T.J. Hockenson (il quale è già stato eloquentemente ritratto in un’altra scheda). Alla fine della sua terza stagione, Noah Fant, decide saltare il Bowl che vede impegnata Iowa e dichiararsi per il Draft NFL 2019.

Fant è un’atleta pazzesco: corre come un wide receiver e salta come un giocatore di basket, dotato della velocità ideale per staccarsi dai difensori e creare perpetui mismatch nelle zone profonde del campo dove i vari defensive back sono spesso in svantaggio fisico. A questo unisce la capacità di controllare il corpo e di restare sempre in equilibrio, aspetto di non secondaria importanza poiché gli permette di aggiustarsi in movimento anche sui passaggi un po’ meno precisi. Vista la stazza risulta anche un più che efficace target in endzone (10 TD su 16 possibilità in due stagioni da quella zona) ma è stato spesso utilizzato anche in situazioni più dinamiche come gli screen pass o da zone più interne del campo, dalle quali ha fatto vedere anche una discreta capacità di accumulare yards dopo la ricezione.

Pubblicità

Pur essendo costantemente aumentato di peso durante gli anni al college, aggiungere la giusta massa muscolare da ora in avanti sarà decisivo per Fant. Non sempre preciso come routes runner tende a perdere i vantaggi che le doti atletiche gli permettono di prendere. Probabilmente avrebbe bisogno di rifinire anche i fondamentali per avere una presa ottimale sul pallone, ma l’aspetto del suo gioco sul quale molti scout dibattono è la capacità di essere un bloccatore efficace tra i professionisti: ad oggi non sembra ancora avere la forza e la tecnica per aprire varchi nelle difese avversarie e facilitare di conseguenza la vita al proprio running back.

Probabilmente questo Draft sarà il primo in cui verranno scelti al primo giro due tight end provenienti dalla stessa Università. Ci sono grandissime probabilità che i due in questione, Fant e Hockenson, verranno paragonati vicendevolmente per il resto delle loro carriere. E’ molto difficile trovare un TE all-around capace di fare tutto e tutto ad altissimo livello, per questo e nella speranza che possa diventarlo, Noah Fant si farà un bel giro nel palco accanto a Goddell. Le squadre interessate a questo tipo di giocatore sono diverse: Green Bay, potrebbe dare un nuovo target a Rodgers dopo il fallimento del tentativo Graham, i Raiders avrebbero bisogno di sostituire Jared Cook e non hanno TE di livello a roster, così come i Lions che hanno visto esplodere una loro ex prima scelta, Ebron, con un’altra maglia e potrebbero tentare di NON ripetere gli stessi errori con un prospetto come Fant.

[clear]
Merchandising Merchandising

Guido Semplici

College Football - Co-Host di Scusate il CFB, mi trovate anche su Podcast Verso il Draft e su Twitter.

Articoli collegati

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Huddle Magazine si sostiene con gli annunci pubblicitari visualizzati sul sito. Disabilita Ad Block (o suo equivalente) per aiutarci :-)

Ovviamente non sei obbligato a farlo, chiudi pure questo messaggio e continua la lettura.