Joe Flacco passa ai Denver Broncos

Domenica 6 gennaio i Baltimore Ravens perdono la partita casalinga di Wild Card contro i Los Angeles Chargers 23 a 17 con una deludente prestazione di Lamar Jackson. Nel terzo quarto i tifosi di casa cominciano ad urlare il nome di Joe Flacco, lo vogliono in campo, ma John Harbaugh non cede e Jackson concluderà la partita con il brivido della rimonta.

Al termine dell’incontro, in conferenza stampa, Harbaugh dichiara chiusa l’esperienza di Flacco con i Ravens:

Joe Flacco is going to play really well in this league. Joe can still play, he’s going to have a market; There’s going to be a lot of teams that are going to want Joe because they understand that. I’ll be in Joe’s corner wherever he’s at. He’s special. Joe Flacco is a great talent; he’s an even better person; he’s the best QB in the history of the Ravens without question. . . . He’s going to do just fine.

Pubblicità

Joseph Vincent “Joe” Flacco, 34 anni, è sul mercato e secondo il suo (ex) Head Coach ha ancora molto da dare ad una qualsiasi squadra della NFL. La carriera a Baltimore si chiude con il Super Bowl XLVIII  vinto con relativo MVP, 38245 yard su passaggio, 212 touchdown e un rating di 84,1.

Lunedì, secondo gli insider, si sono incontrati i General Manager di Denver Broncos e Baltimore Ravens e nel giro di due giorni hanno definito il passaggio di Flacco dal Maryland al Colorado in cambio di una scelta al terzo o quarto giro. Qui, al momento, si fermano le indiscrezioni perchè il mercato NFL inizia il 13 marzo e fino a quella data niente sarà ufficiale e soprattutto le squadre e i giocatori coinvolti hanno il divieto di parlare di qualcosa che ufficialmente non è ancora avvenuto.

Flacco aveva ancora tre anno di contratto con i Ravens che prevedevano 18,5 milioni nel 2019, 20,2 nel 2020 e 24,2 nel 2021 e nonostante la cessione occuperà 16 milioni nel cap di Baltimore a causa del garantito e dei bonus dovuti al giocatore. Con questa cessione inoltre i Ravens liberano importati risorse finanziarie da poter investire nella free agency sfruttando anche il contratto da rookie di Lamar Jackson che per altri tre anni darà fiato salariale alla franchigia.

I Broncos invece a livello di salary cap hanno un grosso problema. Ipotizzando che Flacco il primo anno prenda i 18,5 milioni previsti dal contratto precedente lo spazio per poter rinnovare contratti in corso e/o prendere nuovi giocatori si restringe di molto perchè al momento Denver avrebbe poco meno di 20 milioni di dollari da investire.
Questa cifra ovviamente tiene conto di quanto la franchigia deve a Case Keenum, il quarterback preso l’anno scorso dai Vikings e che per il 2019 occuperà 21 milioni di dollari nel monte salari della squadra.

Keenum Broncos Seahawks

Ovviamente (quasi) nessuna squadra NFL può permettersi di avere a roster due quarterback così costosi, di conseguenza i Broncos sono alla ricerca di una squadra a cui serva un qb prima di pensare ad un eventuale taglio del giocatore che però porterebbe un risparmio minimo sul salary cap, circa 4 milioni, tra il garantito e i cosiddetti dead money. Sia Keenum che Flacco possono decidere di tagliarsi lo stipendio il primo e prendere meno di quanto previsto il secondo per venire incontro alle esigenze della squadra.

Il passaggio di Joe Flacco dovrebbe essere la spinta iniziale al mercato dei quarterback contando che giocatori come Nick Foles, Ryan Tannehill e Blake Bortles sono in procinto di cambiare squadra e di conseguenza Jaguars, Redskins e Dolphins sono alla ricerca di un “regista”.

Prepariamoci ad una pre free-agency movimentata.

[clear]
Pubblicità

Giovanni Ganci

Sports Editor si direbbe al di la dell'oceano, qui più semplicemente il coordinatore di tutta la baracca. Tifoso accanito dei San Francisco 49ers, amante del college football e al di fuori dello "sferoide prolato"© forza Boston Red Sox.

Articoli collegati

Pulsante per tornare all'inizio