Autore

Dario Michielini

Segue il football dagli anni 90, da quando era alle elementari. Mentre voi dormite, lui si guarda il mock draft del 2022. Dovrebbe dormire di più infatti. "La vita è la brutta copia di una bella partita di football"

Articoli correlati

28 Comments

  1. 1
    Xabier Marcelo Polford

    Xabier Marcelo Polford

    C’mon Colin, keep on kneelin’ !

  2. 2
    Marco Tronci

    Marco Tronci

    Una protesta inutile a mio avviso.

    1. 2.1
      Maiko Nocciolini

      Maiko Nocciolini

      Perché è normale, non poter dir la propria nel paese delle libertà…

    2. 2.2
      Marion Cobretti

      Marion Cobretti

      È il paese della libertà… E del business… E lui cavalca giustamente l’onda…

    3. 2.3
      Marco Tronci

      Marco Tronci

      Gli americani forse più di altri Paesi sentono maggiormente l’inno nazionale. C’è chi giustamente è morto per quella “libertà”. Trovo il gesto irrispettoso nei confronti di chi è caduto per quella bandiera, tipo Pat Tillman.

    4. 2.4
      Fabrizio Mainero

      Fabrizio Mainero

      Non sono d’accordo. Se fosse stata inutile la lega non avrebbe cercato di eliminare in ogni modo possibile le proteste in ginocchio dei giocatori di colore. Sono arrivati al punto di obbligare per legge chi vuole inginocchiarsi durante l’inno a restare negli spogliatoi… ti sembra poco? Kaep ha pagato con il lavoro: era già ricco, non diventerà povero di sicuro adesso, però nessuno dei proprietari lo ha più messo sotto contratto… e non mi sembra poco

    5. 2.5
      Xabier Marcelo Polford

      Xabier Marcelo Polford

      Eccerto, sono morti esportando democrazia, ma per piacere…

    6. 2.6
      Marco Tronci

      Marco Tronci

      Xabier Marcelo Polford ecco perché ho messo la parola libertà fra virgolette. Ma è sempre una mancanza di rispetto. Questo è un mio parere ovviamente.

    7. 2.7
      Xabier Marcelo Polford

      Xabier Marcelo Polford

      Non trovo irrispettoso inginocchiarsi come segno di protesta nei confronti di una società così disequilibrata come quella americana, come non trovai irrispettoso il famoso gesto di Tommy Jet Smith e John Carlos alle Olimpiadi di Città del Messico nel 1968. Anzi, quello fu addirittura eroico ! Ma anche questo non è che il mio parere, s’intende.

    8. 2.8
      Emanuele P. Sortino

      Emanuele P. Sortino

      Inutile? no.
      vivendo negli States posso vedere la differenza di trattamento razziale menzionato da Kap con i miei occhi.
      30-40 anni fa quando Cassius Klay/Mohamed Alì si rifiutò di andare in guerra in Vietman perché “I vietnamiti non mi hanno mai chiamano negro” ti sembra che fece molto meno scalpore?

      Credo che gli americani sappiano che lui abbia ragione, ma siccome sono una società classista (se non razzista) avendolo fatto la protesta durante l’inno nazionale questo li abbia fatti puntare al dito e non alla luna. “lo vedi? quel giocatore di colore non rispetta la nostra bandiera e i nostri soldati!!!11!!”
      E ora che la nike ha appoggiato Kap, gli americani hanno iniziato a tagliare il logo dai calzini e dai pantaloncini. immagina dove arriva il loro livello di idiozia…

    9. 2.9
      Marco Tronci

      Marco Tronci

      Emanuele P. Sortino non si possono paragonare i due contesti storici

    10. 2.10
      Emanuele P. Sortino

      Emanuele P. Sortino

      certo che si possono paragonare!!
      eccome!!

  3. 3
    Silvano Bertoldo

    Silvano Bertoldo

    Con tutto il rispetto da un grande come MJ a un finto QB di alto livello come CK, che ha deciso di diventare famoso per delle proteste, ce ne passa…

    1. 3.1

      Dario Alfredo Michielini

      Ciao Silvano, grazie per aver letto e commentato.
      Ce ne passa sul campo, chiaramente. Ma inizia a non passarcene nel mondo della comunicazione e della pubblicità. Veicolano entrambi un messaggio in modo similmente “ficcante”. Rimane ovvio che avere dati oggettivi di confronto tra un personaggio senza social media e uno con sia e sarà sempre impossibile.

    2. 3.2
      Emanuele Govoni

      Emanuele Govoni

      La risonanza mediatica però è forse maggiore

    3. 3.3
      Silvano Bertoldo

      Silvano Bertoldo

      Si ma vale ben poco se non per quello. Atleta ormai perdente è perso per sempre. Protesta inutile.

    4. 3.4
      Emanuele P. Sortino

      Emanuele P. Sortino

      Ti dimentichi di citare Reid, che si è inginocchiato con lui. Una ottima safety che nessuno mette più sotto contratto.

      La protesta non è assolutamente inutile secondo me.
      E anche se fosse un atleta perdente, arrivami pure tu al SB 😉

    5. 3.5
      Alessio Gorlani

      Alessio Gorlani

      Emanuele Govoni perché la gente è capra e va dietro a queste cose.
      Oggi in Italia aumentano le accise sulla benzina quando qualcuno ha detto che le avrebbe tolte e nessuno dice niente perché la gente sta esultando perché in cassazione è passata la legge che tenere un cane da solo in giardino ora è dichiarato come reato

  4. 4
    Pippo Bianchi

    Pippo Bianchi

    Mi dispiace ma non gli credo

    1. 4.2
      Pippo Bianchi

      Pippo Bianchi

      A tutta questa pantomima che ha messo su

    2. 4.3
      Emanuele P. Sortino

      Emanuele P. Sortino

      cioè che i neri dalla polizia vengono trattati diversamente?
      ti ricordi l’anno scorso? uno è stato ucciso dopo una controllo normale, mentre cercava di prendere il portafoglio.

      un ragazzino nero è stato sparato alle spalle mentre scappava, E potrei citardi decine di altri case. non è che lui ha iniziato perché gli girasse, va.

    3. 4.4
      Pippo Bianchi

      Pippo Bianchi

      Io credo ai fatti che hai elencato ma non credo a lui. Quindi per te basta che qualcuno sollevi una polemica sociale per farlo eroe? Perché ha iniziato a parlarne solo nel suo anno di rinnovo? Perché ha detto che si sarebbe rialzato all’inno solo quando avrebbe avuto un contratto? Molti ex- black panther gli hanno detto di smetterla di presentarsi vestito come uno di loro perché loro lottavano veramente per avere pari diritti, lui no.

  5. 5

    Sandro

    È una storia che nasconde tutta l’ipocrisia dietro agli USa, a partire da una canzoncina scritta da uno schiavista (dopo la battaglia di Baltimore) e che si vorrebbe far suonare per rappresentare gli ideali di libertà, quando quelli che stavano combattendo per la libertà furono sconfitti dai ricchi di allora, un po’ come Kap oggi viene sconfitto dai ricchi di ora (i proprietari NFL ).
    Purtroppo è anche abbastanza ipocrita il fatto che la Nike, azienda che sfrutta il lavoro nel sud est asiatico, la usi per farci soldi, però questo è il mondo del businees: vale tutto e il contrario di tutto purché ci si guadagni.

    1. 5.1

      Dario Alfredo Michielini

      Ciao Sandro, grazie per aver letto e commentato.
      Sono d’accordo su tutta la linea, l’importante è non perdere cognizione del fatto che la protesta di Kap è su basi umanitarie. Insomma, distinguere la deriva di una storia dai valori che dovrebbe insegnarci.

  6. 7

    Sandro

    Grazie a te Dario per l’ottimo articolo.
    Ovviamente concordo, anche per me è comunque una campagna degna di lode.
    Anzi, io ancora non capisco (o meglio lo capisco ma mi sembra stupido) perché quando si è infortunato Rodgers i Packers non l’abbiano firmato o perché non firmino Reed ora che hanno bisogno di una safety.
    Strano perché di solito gli americani se un pregio ce l’hanno è sicuramente quello di non guardare a parenti, ideologie politiche, colore e persino fedina penale quando c’è da raggiungere un obiettivo.
    Forza Kap 🙂

Comments are closed.

Huddle Magazine è pubblicato con una licenza