[NFL] Week 1: Esordio vincente per Brady&Co (Houston Texans vs New England Patriots 20-27)

La stagione NFL dei vice campioni in carica dei New England Patriots comincia con un difficile test casalingo. A Foxborough, infatti, arrivano gli Houston Texans di Deshaun Watson, rookie rivelazione del passato campionato, costretto a saltare l’ultima metà della stagione per la rottura del crociato. Grandi aspettative ricadono sui ragazzi di coach O’Brien, anche grazie al rientro in piena forma di JJ Watt, la definitiva esplosione di Jadeveon Clowney e l’apporto offensivo di uno dei migliori ricevitori della lega, DeAndre Hopkins. L’ossatura della squadra è di ottimo livello e se O’Brien riuscirà ad incastrare bene i pezzi mancanti, i Texans saranno una delle pretendenti ai playoff della AFC. I Patriots, dall’altra parte, si affidano ancora una volta all’immortale Tom Brady che, a 41 anni suonati, si appresta a cominciare la sua diciannovesima stagione.

Come quasi ogni anno il parco ricevitori è stato oggetto di una piccola rivoluzione. Via Brandin Cooks, via Kenny Britt e rientro di Edelman dall’infortunio posticipato per una squalifica di quattro giornate. Anche il rookie RB Sony Michel dovrà aspettare qualche settimana per debuttare con la maglia dei Patriots a causa di un ginocchio malandato. I punti fermi per Brady rimangono Gronkowski e Hogan, ma la priorità per coach Belichick è aggiustare la difesa, reduce da una delle peggiori stagioni sotto la sua guida. L’arrivo in free agency di Clayborn e il rientro di Hightower sembrano destinati a rinforzare la pass rush, mentre l’acquisizione del gemello di Devin McCourty, Jason, servirà a sopperire alla partenza di Malcolm Butler.

I Texans vincono il sorteggio e decidono di mandare in campo la propria difesa. Fairbairn, con un touchback, dà il via alla stagione delle due squadre. I Patriots cominciano la partita con tre corse consecutive, per testare la linea difensiva ospite e rallentarne la temibile pass rush. James White però non riesce a guadagnare le 2 yard che lo separano dal primo down e i padroni di casa sono costretti al punt. Deshaun Watson rientra in campo per una partita ufficiale a dieci mesi di distanza dall’infortunio e dimostra subito la sua ruggine alla prima giocata: problemi con l’hand-off per Lamar Miller e fumble. Hightower è il più lesto ad avventarsi sul pallone e l’attacco dei Patriots si ritrova sulle 19 yard avversarie senza bisogno di faticare. Già all’interno della red zone, bastano tre giocate a Brady per trovare il primo touchdown dell’incontro.

Pubblicità

gronkowsi patriots texans

Rob Gronkowski sfrutta la sua stazza per liberarsi della double coverage, Brady inventa un perfetto lancio back shoulder e trova il suo TE in end zone. Gostkowski trasforma l’extra point del 7-0. Watson cerca di rimettere in carreggiata i suoi dopo il pessimo inizio, ma la difesa dei Patriots fa buona guardia e costringe gli ospiti ad un paio di punt. E’ dunque una giocata della difesa a dare la prima svolta al match: su un terzo down dalle proprie 10 yard, Brady vede uno smarcato White e lancia per quello che sarebbe un primo down, ma Blackson riesce a deviare il passaggio sulla linea di scrimmage e l’ovale carambola nella mani di Tyrann Mathieu. Intercetto Texans e ottima occasione per trovare il pareggio. Ma la difesa di casa risponde ancora una volta presente e, grazie al sack condiviso di Wise e Flowers, costringe Houston al field goal. Fairbairn non sbaglia dalle 42 yard e porta il risultato sul 7-3, con cui si chiude il primo quarto.

La risposta dei Patriots non si fa attendere: Brady distribuisce il pallone a tutti i suoi playmaker in un drive che vede coinvolti tre WR, tre RB e un TE. Anche lo stesso QB guadagna 2 yard su una sneak al quarto down che tiene vivo il possesso. E’ James White a segnare il touchdown, su una ricezione da 12 yard che vale il 14-3 dopo l’extra point di Gostkowski. Adesso anche l’attacco dei Texans sembra aver trovato un minimo di ritmo e Watson guida i suoi in territorio avversario. Ma, una volta arrivati in red zone, è ancora Deatrich Wise a fermare l’avanzata ospite con un altro sack. O’Brien è costretto a mandare in campo Fairbairn, che dalle 36 yard realizza il suo secondo field goal per il 14-6. La difesa dei Texans comincia a prendere le misure a Brady e compagni forzando due punt. Ma dall’altra parte le cose non vanno meglio. Con il gioco di corsa sempre meno efficace, Watson comincia ad affidarsi ai lanci profondi. Proprio su uno di questi lanci, indirizzato verso Smith in end zone, Gilmore si avventa sull’ovale e lo intercetta. Con poco tempo rimasto sul cronometro, New England sforna il piatto forte della casa: two minute drive perfetto, con una ricezione incredibile di Gronkowski e l’apporto di un ritrovato Phillip Dorsett. E’ proprio l’ex Colts a ricevere in end zone il terzo TD pass di giornata di Brady, permettendo ai suoi di allungare fino al 21-6 all’intervallo.

Il colpo da KO subito proprio allo scadere, lascia qualche scoria nei meccanismi dell’attacco ospite, quindi, all’inizio del terzo quarto, è ancora la difesa a provare a dare la scossa. Brady trova Gronkowski in profondità con un bel lancio da 25 yard, ma il TE si lascia sfuggire l’ovale sul placcaggio di Jackson. Mathieu recupera il pallone, riconsegnandolo a Watson. Nel tentativo di placcare Mathieu, Jeremy Hill si infortuna ed è costretto a lasciare il terreno di gioco. Rottura del crociato e stagione finita per il RB ex Bengals. Houston si riaffaccia in red zone, ma non riesce a sfruttare il lavoro della difesa fallendo la conversione di quarto down. E allora sono i Patriots ad allungare ancora. Gostkowski realizza il field goal dalle 39 yard che vale il 24-6. I Texans reagiscono di orgoglio e organizzano un bel drive guidato dalle corse di Lamar Miller e Alfred Blue. E’ proprio quest’ultimo a chiudere il possesso con il primo touchdown ospite di giornata. Fairbairn realizza l’extra point del 24-13 che riapre la partita a fine terzo quarto.

Watson Houston Texans vs. New England Patriots

I Patriots entrano in modalità consuma cronometro all’inizio del quarto periodo. Brady si affida alle corse o alle ricezioni in uscita dal backfield dei suoi RB, costruendo un drive da 13 giocate e ben 7 minuti. Ad incoronare il tutto arriva il piazzato di Gostkowski che riporta New England a due possessi pieni di distanza, sul 27-13. La partita sembra trascinarsi stancamente verso la netta vittoria dei padroni di casa, con Houston ormai quasi arresa alla sconfitta. E allora ci pensano gli stessi Patriots a rendere il finale più emozionante: il rookie McCarron si fa sfuggire una semplice ricezione di punt e regala agli ospiti un possesso in red zone. Sei giocate più tardi, Deshaun Watson trova Ellington in end zone per il touchdown che riapre la partita, a soli due minuti dalla fine. A chiuderla definitivamente ci pensa il punter Ryan Allen, con un fantastico calcio da 54 yard che si ferma ad 1 yard dalla end zone degli ospiti. A Houston servirebbe un miracolo per percorrere 99 yard in 40 secondi senza neanche un timeout, ma Watson riesce solo a raggiungere la metà campo. La partita finisce dunque con il risultato di 27-20 per i Patriots.

Esordio vincente per New England che dimostra una grande compattezza offensiva, nonostante gli innumerevoli avvicendamenti in off season. Brady continua ad impressionare e la difesa sembra già nettamente più solida rispetto alla passata stagione. Dall’altra parte, rientro un po’ faticoso per Watson, come era facile prevedere, ma la squadra è ricca di talento e lotterà per un posto in post season.

Tom Brady chiude la sua ottima prestazione con 277 yard lanciate, 3 TD e 1 intercetto. Grande prova anche di Rob Gronkowski con 123 yard su 7 ricezioni e 1 TD. Per i Texans, performance sottotono di Deshaun Watson: 176 yard lanciate, 1 TD e 1 intercetto. Ottimo invece Lamar Miller che colleziona 109 scrimmage yard.

La prossima settimana i Patriots voleranno a Jacksonville per il rematch dell’ultimo Championship Game contro i Jaguars, mentre i Texans saranno di scena a Nashville contro i Titans.

Pubblicità
[ad id=”29269″]

Articoli collegati

Pulsante per tornare all'inizio