La Strada verso il Draft: Calvin Ridley

Età: 23 – Ruolo: Wide Receiver – College: Alabama
Classe: Junior – Altezza: 6’1″ (1.85 m) – Peso: 190 lbs (86 kg)

È molto strano constatate come in questo draft 2018, la classe dei ricevitori manchi di talento nelle primissime posizioni della board. Negli ultimi anni siamo stati abituati a nidiate di ricevitori che hanno monopolizzato le prime chiamate. In questo draft solo un nome spicca su tutti: Calvin Ridley. Pur giocando in un sistema che privilegia il gioco su corse, Ridley, come Julio Jones ed Amari Cooper prima di lui, ha saputo diventare il faro del gioco aereo dei Crimson Tide, aiutando la sua squadra a conquistare due titoli nazionali.

Agile e veloce, Ridley è un ricevitore molto difficile da marcare. Ha un primo passo eccellente e raggiunge la sua velocità massimo in un lampo. Sui cambi di direzione è un fenomeno e non perde nemmeno una frazione di secondo nella corsa. Si separa dal difensore con una serie di movimenti ubriacanti e crea scompiglio in mezzo al campo. Ottime mani, sicure, e grande capacità di tracciare il pallone in aria. Se la difesa gli concede spazio, va per il big play assicurato. Si fa anche valere come blocker, risultando un elemento indispensabile per un’efficace manovra offensiva.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook!

[ad id=”54969″]

Il sistema offensivo di Alabama tende a non caricare troppo il lavoro dei ricevitori, facendo risultare le statistiche di Ridley decisamente modeste. Nel suo anno da junior ha messo insieme 967 yard e 5 touchdown, ma la colpa è anche da imputare ad un quarterback non certo di primissimo livello. Il fisico è un po’ sotto-dimensionato, ma l’aspetto su cui dovrà lavorare di più sarà l’abilità di fronteggiare le marcature strette. Al college riusciva a superare chiunque, ma in NFL troverà molti cornerback in grado di imporre la propria fisicità in maniera pesante.

Pubblicità

calvin ridley

Ridley in NFL potrebbe diventare un eccellente wide receiver n.2 con l’abilità di compiere big play. Opposto ad un ricevitore dalle caratteristiche diverse, sarebbe una temibile spina nel fianco per qualsiasi difesa. Non è da escludere anche un suo utilizzo nello slot, posizione nella quale eccelle. Sicuramente Ridley è un ricevitore versatile, capace di trovare spesso la giocata. Un buon coordinatore offensivo saprà sfruttarne al meglio le caratteristiche.

Ridley è senza ombra di dubbio il miglior wide receiver in uscita dal college e non c’è alcun dubbio che venga scelto nelle primissime chiamate. È pressoché impossibile che esca dalle prime 15 e ci sono altissime probabilità che venga scelto entra la decima chiamata.

I Chicago Bears alla 8 sono la candidata principale ad assicurarsi le prestazioni di Ridley. Hanno bisogno come il pane di dare a Mitch Trubisky un giocatore in grado di segnare e diventare il suo go-to-guy. Sarà interessante vedere come il nuovo general manager dei Packers si comporterà in sede di draft. Brian Gutekunst sembra abbia un approccio più aggressivo rispetto al suo predecessore e non è escluso che voglia regalare alla sua franchigia una nuova freccia per Aaron Rodgers.

[ad id=”29269″]

Gabriele Balzarotti

Appassionato di USA e sport americani fin dall'adolescenza, le leggendarie imprese di Ray Lewis hanno reso la mia anima black and purple. Mente dietro alla "Strada verso il Draft", fucina di schede sui giovani talenti che arrivano in NFL, e conduttore di Podcast verso il Draft.

Articoli collegati

2 Commenti

  1. Da tifoso Packers, mi piacerebbe come scelta, anche se a noi servirebbe di più un TE, magari anche non dal draft.
    Io fossi i Bears prenderei i ricevitori nel secondo giro, è vero che non ne hanno, però è vero che hanno pure difetti in ruoli più importanti, diciamo che di ricevitori ce ne son sempre tanti, magari non ti arriva un fenomeno, però è più facile trovare qualche buon ricevitori più in là che non trovare altri ruoli (tipo un buon OL).

    1. Ciao Sandro. Ridley ai Packers ispira parecchio. La situazione wide receiver è da valutare, perchè sia Nelson sia Cobb sono due giocatori amati e che hanno dato tanto, ma sono in declino e nuova linfa sarebbe più che accetta. Uno come Ridley insieme a Rodgers diventerebbe un fenomeno.

      Per i Bears, e per tante altre squadre in effetti, trovare ricevitori nei round successivi al primo sarà importante. Oltre a Ridley non c’è un talento da primissimo round, mentre ci sono buonissimi elementi nel secondo, terzo e anche quarto. Bisogna saper draftare bene.

Pulsante per tornare all'inizio