L’importanza del franchise QB: analisi della NFL dal 1999 al 2015

I Cleveland Browns hanno messo sotto contratto Robert Griffin III e recentemente l’head coach Hue Jackson lo ha nominato titolare. Griffin potrebbe quindi diventare il 25° starting QB della squadra se si considera solamente il periodo dal 1999 in poi (cioè dalla rinascita dei Browns dopo la fuga di Art Modell da Cleveland a Baltimora).

I Browns sono una delle squadre più esposte al pubblico ludibrio per l’infinita serie di fallimenti riguardanti il ruolo più delicato, ma non sono certamente l’unica squadra ad aver cambiato QB come si cambiano i calzini sporchi.

Mi è quindi venuta la curiosità di vedere quanti QB titolari si sono alternati dietro al centro nello stesso intervallo di tempo per le varie squadre NFL, e quali sono stati i risultati ottenuti sul campo.

Pubblicità

Raccogliere i dati è stata un’operazione che ha richiesto parecchio tempo, anche perché soprattutto negli ultimi anni qualche squadra ha utilizzato degli schemi che prevedevano la presenza di due QB in campo contemporaneamente. Dovevo essere sicuro di chi fosse stato schierato dietro il centro e chi invece usato come WR o RB, quindi è stato necessario prestare la massima attenzione per evitare errori.

Partiamo con una precisazione: i numeri raccolti si riferiscono esclusivamente alla regular season.

L’esercizio è stato spesso tedioso, ma non nascondo che è stato anche decisamente interessante ripercorrere questi 17 anni di football NFL e leggere nomi di QB che avevo dimenticato e di altri che sfido chiunque a ricordare. Ci sono state tante sorprese e squadre all’apparenza stabili si sono rivelate invece un “porto di mare”.

Starting QB

Non stupirà nessuno la notizia che la squadra che ha avuto meno starting QB differenti sono i New England Patriots di Tom Brady, seguiti dai Packers dell’accoppiata Favre/Rodgers e dai Giants di Eli Manning, ma quale è la squadra che ne ha cambiato di più dopo i Browns?

I nomi che vengono subito alla mente sono Raiders e Dolphins, e certamente queste squadre sono tra quelle che hanno cambiato più QB, ma al secondo posto dietro ai Browns si piazzano i Cowboys del perennemente infortunato Tony Romo.

franchise qb

Abbiamo solamente grattato la superficie. L’obiettivo di questo studio è mettere in relazione la stabilità dietro al centro con i risultati raggiunti sul campo.

Vediamo quindi, squadra per squadra, quale è stato il QB che ha giocato più partite da titolare e la percentuale rispetto al numero di partite giocate in totale dal team.

franchise qb

Pubblicità

Si può notare che nonostante i Cowboys abbiano cambiato ben 19 QB Tony Romo è partito titolare in 127 delle 272 partite giocate in totale da Dallas nella regular season (46.69%).

Cosa significa questo? Semplice, che i Cowboys hanno il loro franchise QB ma quando si fa male la squadra non ha un backup affidabile che lo possa sostituire.

Dal 2006 ad oggi Romo ha dovuto saltare 27 partite, e sono stati ben 7 i backup chiamati a sostituirlo: Jon Kitna con 9 è il backup che ha giocato di più, ma per esempio nel solo 2015 Dallas ha usato tre QB dopo l’infortunio di Romo (Weeden 3, Cassel 7, Moore 2).

Franchise QB

Avere un franchise QB quanto incide sui risultati della squadra? Certamente sappiamo che in questi 17 anni i Browns non hanno avuto molto successo sul campo mentre i Patriots hanno dominato la NFL, ma come si sono comportate le altre squadre?

Ho raccolto i risultati delle 32 squadre indicando quante volte dal 1999 al 2015 sono arrivate ai playoff, quante volte hanno vinto la Division, quante volte hanno vinto la finale di Conference e infine quante volte hanno vinto il Super Bowl.

franchise qb

Ovviamente i risultati non sono mai semplici da interpretare, non abbiamo solo il bianco e il nero ma ci sono varie tonalità di grigio… in parole povere non sempre il non avere un franchise QB è sinonimo di scarsi risultati e viceversa.

I Baltimore Ravens sono uno degli esempi lampanti di quanto detto.

Il franchise QB della squadra è senza dubbio Joe Flacco con 122 partite da titolare sulle 272 totali dal 1999 ad oggi, ed i pennuti sotto la sua guida hanno vinto un Super Bowl nella stagione 2012 e sono arrivati ai playoff in 5 delle sue 8 stagioni, ma l’altro Super Bowl Baltimore lo ha vinto alla fine della stagione 2000 con il “journeyman” Trent Dilfer, che ha giocato in maglia viola la miseria di 8 partite da titolare ed è stato lasciato libero di trovare un’altra sistemazione subito dopo aver alzato il Lombardi Trophy.

Dilfer aveva sostituito il non certo indimenticabile Tony Banks, che aveva giocato come titolare le prime 8 partite della stagione ed che ha concluso la sua carriera a Baltimora con 18 partite da titolare in 2 anni ed un record di 11-7.

Pubblicità

Questo non è stato che un piccolo gioco di numeri ed un tuffo nella memoria, avremo modo di approfondire questi risultati e tirare fuori altri dati molto interessanti nel prossimo futuro.

[ad id=”29269″]

Mako Mameli

Appassionato di football americano fin dall'infanzia, gioisce e soprattutto soffre con i suoi Raiders e aspetta pazientemente che la squadra torni a regalargli qualche soddisfazione, convinto che sarà ancora in vita quando Mark Davis solleverà il quarto Lombardi Trophy. Nel tempo libero gioca a flag football e mette in pratica gli insegnamenti di Al Davis lanciando lungo ad ogni down... peccato che abbia una percentuale di completi peggiore di quella di JaMarcus Russell.

Articoli collegati

Pulsante per tornare all'inizio