Autore

Articoli correlati

3 Comments

  1. 1

    Domenico Cundari

    Fermi tutti date un pulizer a chi ha scritto tutto ció e non parliamo più di regole NFL

    Reply
  2. 2

    Andrea

    Gianni articolo divertente ma lontano dalla realtà dei fatti. Nella fattispecie dell’episodio di Clay Matthews, dai più definito fantastico, io stesso avrei reagito con un SBAM! ma la realtà dei fatti è che le mamme nelle high school non mandano più i giocatori a football preferendo il basket o il baseball, le assicurazioni stentano ad assicurare i giocatori, gli elevati costi per acquisire un QB o un WR sono sempre più insostenibili. Clay Matthews avrebbe potuto atterrare il qb facendo lo stesso intervento senza cadergli totalmente sopra ma “portantolo a terra”. L’obiettivo sarebbe stato raggiunto lo stesso senza “violenza non necessaria”. Lo stesso accadrà a breve con i WR schiantati dal safety quando, naso in aria, e ignari dell’arrivo di un treno vengo letteralmente disintegrati con gravi possibili conseguenze. Insomma un football moderno non necessariamente deve passare per la violenza. Se vedi le partite della difesa di Seattle ti renderai conto di quanto siano atletici e veloci ed altrettanto implacabili i difensori senza però colpire duramente. Io adoravo Laurence Taylor … ma quel football appartiene ormai al passato ed è ora che ce ne facciamo una ragione per il bene del nostro sport.

    Reply
    1. 2.1

      Gianni

      Andrea ho scritto più volte di infortuni e di inumanità della lega verso i suoi dipendenti. Ovviamente quello che mi dici è vero ma l’articolo, oltre che far ridere, vuole far riflettere su come la NFL abbia comunque interesse a spettacolarizzare ogni suo aspetto, ivi compresa la sicurezza.
      Altrimenti vedresti provvedimenti simili per il running game dove i giocatori si consumano come cerini di un tabagista.

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Huddle Magazine è pubblicato con una licenza