La storia del football americano

1869

Il 6 Novembre Rutgers e Princeton giocano una partita a calcio, la prima in assoluto giocata sul suolo americano. La partita si giocò con delle regole modificate rispetto a quelle tradizionali della London Football Association che governava le regole del calcio, si iniziano cosi a mettere le basi per un nuovo sport.

Nei successivi 7 anni però, è il rugby a crescere nelle principali università della costa est, a discapito del tradizionale calcio e quindi, proprio grazie a questo, avendo come base il rugby, lo sviluppo del football parte da questa base.

Le somiglianze tra i due sport, infatti persistono ancora oggi.

1876

Le prime regole del football americano vengono scritte alla Massasoit convention. Walter Camp, che diventerà famoso poi, come il padre del football americano, è la prima persona che inizia seriamente ad interessarsi a questo nuovo sport.

1892

Già da allora, le università americane, danno davano molta importanza allo sport, ed ecco cosi che il football diventa la maggior attrazione delle sezioni atletiche delle scuole.

Nasce così, una intensa competizione tra l’Allegheny Athletic Association (AAA) e il Pittsburgh Athletic Club (PAC) che porta alla creazione del primo giocatore professionista, William (Pudge) Heffelfinger che venne pagato 500$ (dagli AAA) per giocare il 12 Novembre contro i PAC. Gli AAA vinsero 4-0 proprio grazie a Heffelfinger che recuperò un fumble e lo riportò per 25 yards in touchdown.

1893

Il PAC mette nero su bianco il primo contratto professionista di cui si abbia storia, si tratta dell’halfback Grant Dilbert , il suo contratto ha valore per tutta la durata della stagione.

1895

John Brallier diventa il primo giocatore a dichiararsi professionista, accettando 10$ (più le spese) per giocare con la Latrobe YMCA contro il Jeannette Athletic Club.

1896

La squadra dell’Allegheny Athletic Association mette in campo la prima formazione completa fatta solo da professionisti per la loro stagione di ben… due gare.

1897

La squadra della Latrobe Athletic Association diventa composta interamente da professionisti, diventando il primo team a fare una stagione completa con solo giocatori professionisti sotto contratto.

1898

Il valore di un touchdown viene portato da quattro a cinque punti.

1899

Chris O’Brien forma una squadra composta da… vicini di casa, che gioca per il Morgan Athletic Club, nella zona sud di Chicago. La squadra poco dopo diventa conosciuta come i Normals, poi i Racine (dal nome di una via di Chicago) Cardinals, i Chicago Cardinals, i St. Louis Cardinals, i Phoenix Cardinals, e, nel 1994, gli Arizona Cardinals. Questa squadra è ancora in attività nella moderna NFL, ed è quindi la più vecchia nella storia del football professionistico

1900

William C. Temple si fa carico degli stipendi dei Duquesne Country e degli Athletic Club, diventando così il primo proprietario di club nella storia del football.

1902

La squadra di baseball dei Philadelphia Athletics, diretta da Connie Mack, e i Philadelphia Phillies formano due squadre professionistiche di football, ed assieme ai Pittsburgh Stars cercano di formare una lega professionistica di football, che chiameranno National Football League.

Gli Athletics vinsero la prima partita in notturna giocata nella storia, col punteggio di 39-0 contro Kanaweola AC nella località di Elmira (New York) il 21 Novembre.
Tutte e tre le squadre si dichiararono vincitrici del titolo di campioni di lega, ma Dave Berry, ovvero il presidente della Lega nominò gli Stars campioni.

Curiosità: i lanciatori Rube Waddel, ma soprattutto Christy Mathewson, quest’ultimo una vera leggenda del baseball, giocarono in questo campionato, Mathewson nel ruolo di fullback.
Le prime World Series del football, si disputarono con un torneo con cinque squadre, furono giocate da una squadra formata da giocatori degli Athletics e dei Phillies e nominata New York Knickerbockers, dal nome della squadra che per prima rese popolare il baseball a New York; dai Syracuse AC; dai Warlow AC; e dagli Orange (New Jersey) AC al Madison Square Garden di New York.

New York e Syracuse giocarono il primo incontro di football indoor davanti a 3.000 spettatori il 28 Dicembre. Syracuse, con Glen (Pop) Warner che giocava nel ruolo di guardia, vinse 6-0 e vinse anche il torneo.

1903

La squadra del Franklin Athletic Club (Pennsylvania) vince la seconda e ultima World Series del football professionistico contro i Oreos AC di Asbury Park (New Jersey); i Watertown Red and Blacks e gli Orange AC.

Il football professionistico inizia a diventare popolare in Ohio quando i Massillon Tigers, una forte squadra dilettante mette sotto contratto quattro giocatori professionisti da Pittsburgh per l’ultima partita della stagione contro Akron. Allo stesso tempo il football pro perde consensi nell’area di Pittsburgh, e l’interesse per le partite dei professionisti si sposta verso ovest, dalla Pennsylvania all’Ohio.

ad

1904

Il valore del field goal viene portato da cinque a quattro punti.

Nello stato dell’Ohio si arriva ad avere fino a sette team professionistici, con i Massillon che vincono l’Ohio Independent Championship, che al tempo stesso viene considerato anche il titolo dei professionisti.

Cominciano i primi contatti per formare una lega nazionale per fermare la spirale dei salari sempre piu’ alti e dovuta alla gara al rialzo per mettere sotto contratto i migliori giocatori e per avere regole del gioco uniformi per tutti. Il tentativo non va a buon punto e nessuna lega professionista viene messa in campo.

L’halfback Charles Follis firma un contratto con lo Shelby AC (Ohio), diventando il primo giocatore di colore ad essere messo sotto contratto da una squadra professionista

1905

La squadra dei Canton AC, che in seguito verranno conosciuti come i Bulldogs, diventano una squadra professionistica. I Massillon rivincono l’Ohio League Championship.

Massillon tigers

Massillon Tigers

1906

Questa data stabilisce il punto di non ritorno, è infatti nel 1906 che il passaggio in avanti diventa legale, sancendo la definitiva separazione tra football americano e rugby, d’ora in avanti i due sport saranno sempre più diversi.

Il primo passaggio in avanti, messo a referto e completato, risulta avvenire il 27 ottobre, quando George (Peggy) Parratt dei Massillon lancia un completo a Dan (Bullet) Riley nella vittoriosa partita contro i Benwood-Moundsville.

Le due migliori squadre professionistiche in America nonchè grandi rivali, Canton e Massillon, giocano due partite, Canton vince la prima, ma Massillon vincendo la seconda vince anche l’Ohio League Championship.

Uno scandalo basato sulle scommesse e i disastri finanziari dei due club dovuti a dei salari smisurati, creano un temporaneo declino dell’interesse nel football pro nelle due città e di conseguenza in tutto lo stato dell’Ohio.

1909

Il valore del field goal viene portato da quattro a tre punti

1912

Il valore di un touchdown viene portato da cinque a sei punti.
Jack Cusack mette in piedi una forte squadra professionistica a Canton, in Ohio.

1913

Jim Thorpe, stella dell’atletica e ex giocatore di football alla Carlisle Indian School, nonchè vincitore di due medaglie d’oro alle Olimpiadi del 1902 di Stoccolma, gioca per i Pine Village Pros dello Stato dell’Indiana.

1915

La città di Massillon riesce a rimettere in piedi una squadra di football, rivitalizzando la vecchia rivalità con Canton. Cusack firma un contratto con Thorpe da 250$ a partita per farlo giocare con Canton.

1916

Con Thorpe e Pete Calac (già suo compagno di squadra alla Carlisle School) schierati come titolari fissi, Canton arriva ad un record di 9-0-1, vincendo l’Ohio League Championship, e vengono proclamati Pro Football Champion.

1917

Nonostante una sconfitta a sorpresa contro Massillon durante la stagione, i Canton Bulldogs vincono ancora l’Ohio League Championship.

1919

I Canton Bulldogs rivincono ancora l’Ohio League Championship, nonostante il fatto che la proprietà della squadra passa da Cusack a Ralph Hay. Joe Guyon si aggiunge a Thorpe e Calac nel backfield della squadra di Canton.

Earl (Curly) Lambeau e George Calhoun fondano i Green Bay Packers. I dipendenti dell’Indian Packing Company, l’azienda di Lambeau raccolgono $500 per l’equipaggiamento e permettono alla squadra di utilizzare il campo dell’azienda per gli allenamenti.

I Packers chiudono la stagione con un ottimo 10-1.

1920

Il football professionistico entra in crisi a causa di tre grandi problemi: l’aumento incredibile dei salari; il passaggio continuo di giocatori da una squadra all’altra in base all’offerta migliore; l’uso di giocatori ancora nei college. L’unica risposta possibile sembra essere quella di creare una lega in cui tutti seguano le stesse regole.

Un incontro organizzativo viene organizzato al Jordan and Hupmobile auto showroom di Canton, Ohio, il 20 Agosto e partecipano gli Akron Pros, i Canton Bulldogs, i Cleveland Indians, e i Dayton Triangles. Al termine di questa riunione viene fondata la American Professional Football Conference.

Una seconda riunione organizzativa viene fatta a Canton il 17 settembre a cui partecipano squadre da quattro stati, Akron, Canton, Cleveland, e Dayton dall’Ohio; gli Hammond Pros e i Muncie Flyers dall’Indiana; i Rochester Jeffersons da New York; i Rock Island Independents, i Decatur Staleys, e i Racine Cardinals dall’Illinois. Il nome della lega viene cambiato in American Professional Football Association. Con la speranza di sfruttare la popolarità del nome, i membri eleggono Thorpe presidente, mentre Stanley Cofall di Cleveland viene eletto vice presidente.

Viene anche istituita una quota associativa annuale di 100$ a squadra per dare un po’ di credibilità alla nuova lega, ma mai nessuno la pagò. Il calendario venne lasciato nelle mani delle squadre e ci furono grandi cambiamenti, sia nel numero totale di partite, sia soprattutto nel numero di partite giocate contro squadre interne alla lega, non esattamente un esempio di ordine…

Durante l’anno altre quattro squadre si uniscono alla lega, i Buffalo All-Americans, i Chicago Tigers, i Columbus Panhandles, e i Detroit Heralds.

Il 26 settembre viene giocata la prima partita al Rock Island’s Douglas Park, dove circa 800 spettatori guardano gli Indipendents battere i St. Paul Ideals 48-0. La settimana successiva, Il 3 ottobre venne giocata la prima partita tra due squadre APFA; al Triangle Park Dayton sconfisse Columbus 14-0 con Lou Partlow di Dayton che segnò il primo touchdown in una partita tra squadre della lega. Lo stesso giorno rock Island battè Muncie 45-0.

All’inizio di dicembre, molte delle squadre APFA abbandonarono i sogni di vittoria della lega, e molte di loro (tra cui i Chicago Tigers e i Detroit Heralds) finirono la stagione allo sbando e le squadre furono cancellate dalla lega.

Quattro squadre, Akron, Buffalo, Canton, e Decatur, avevano ancora speranze di vittoria, ma una serie di partite tra loro lasciò solo Akron imbattuta. In una di queste partite Akron prese il tackle Bob Nash da Buffalo per 300$ e il 5% degli incassi al botteghino, realizzando la prima trade nella storia della APFA.

Dayton Triangle

Dayton Triangle

1921

Al meeting della lega del 30 aprile ad Akron, il titolo per la stagione precedente viene conferito agli Akron Pros. Viene riorganizzata tutta la APFA, e Joe Carr dei Columbus Panhandles viene nominato presidente, mentre Carl Storck dei Dayton viene nominato segretario-tesoriere. Carr sposta la sede della lega a Columbus, ed inizia a creare delle regole base valide per tutti, concede dei diritti territoriali alle squadre, regolamenta gli acquisti dei giocatori, prevede criteri da rispettare per l’adesione alla lega e per la prima volta, indica i criteri per stabilire la classifica, in modo da potere nominare una squadra campione della lega in modo inequivocabile.
Le squadre che fanno parte di questa Associazione crescono fino a 22, compresi i Green Bay Packers.

Thorpe passa dai Canton ai Cleveland Indians, ma si infortuna presto e giocherà pochissimo.
A.E. Staley cede i Decatur Staleys al giocatore-allenatore George Halas, che sposta la squadra al Cubs Park di Chicago. Staley pagò ben 5.000$ per far mantenere ad Halas il nome Staleys per almeno un anno. Halas nominò l’halfback Ed (Dutch) Sternaman suo socio. Allo stesso tempo, Fritz Pollard giocatore-allenatore degli Akron Pros diventa il primo head coach di colore.
Gli Staleys reclamano il titolo APFA con un record di 9-1-1, ma anche Buffalo (con 9-1-2) lo reclama. Carr delibera a favore degli Staleys, dando ad Halas il suo primo titolo.

1922

Dopo aver permesso, nella stagione passata, di utilizzare giocatori che erano ancora iscritti al college, Clair e i Green Bay Packers si ritirano dall’AFPA il 28 gennaio. Curly Lambeau promise rispetto alle regole della lega e usò 50$ dai suoi fondi personali per ricomprare la franchigia; ma il brutto tempo e il poco pubblico causarono molti problemi a Lambeau che dovette dichiarare il fallimento. Dei commercianti locali organizzarono un prestito di 2500$ alla squadra; viene formalizzata una società no-profit per controllare la squadra con Lambeau come head coach e manager. Questa struttura della squadra, sussiste ancora oggi, infatti i Packers sono l’unica squadra che potremmo definire ad azionariato popolare

L’American Professional Football Association cambia il suo nome in National Football League il 24 giugno. I Chicago Staleys diventano i Chicago Bears.
La nuova NFL è composta da 18 squadre, incluse la nuove franchigie degli Oorang Indians di Marion, Ohio, una all-Indian team con Thorpe, Guyon e Calac e sponsorizzata dai canili Oorang.
La squadra di Canton, condotta dal giocatore-allenatore Guy Chamberlin e dai tackles Link Lyman e Wilbur (Pete) Henry, diventa la prima vera forza della lega con un record di 10-0-2.

1923

Per la prima volta, tutte le franchigie che fanno formalmente parte della lega, riescono a schierare una squadra in campo. Thorpe gioca la sua seconda ed ultima stagione per gli Oorang Indians. Contro i Bears, Thorpe commette un fumble che viene ricoperto da Halas e ritornato in touchdown 98 yard dopo, stabilendo cosi un record per un TD su ritorno di fumble che durerà fino al 1972.
La squadra di Canton ottiene la sua seconda consecutiva stagione imbattuta con un record di 11-0-1 vincendo cosi il titolo della NFL.

1924

La lega è composta da 18 squadra, incluse le nuove franchigie di Kansas City, Kenosha, e Frankford (un sobborgo di Philadelphia). I campioni di Canton, vittoriosi sul campo, ma non al botteghino, vengono acquistati dal proprietario della franchigia di Cleveland, che lascia poi appositamente inattiva Canton e usa i suoi giocatori migliori per la squadra di Cleveland (i Bulldogs). Ovviamente Cleveland vince il titolo NFL con un record di 7-1-1

Huddle Magazine è pubblicato con una licenza